laRegione
medio oriente
19.05.22 - 21:27
Aggiornamento: 21:44

Lascia deputata di sinistra, governo di Israele in minoranza

Bennet in crisi, si prospettano ancora nuove elezioni. Netanyahu ora spera di tornare al potere

Ansa, a cura de laRegione
lascia-deputata-di-sinistra-governo-di-israele-in-minoranza
Tempi duri per Naftali Bennett (Keystone)

La già fragile coalizione di governo di Naftali Bennett - composta da otto liste parlamentari di destra, di centro e di sinistra - ha subito oggi un duro colpo quando una deputata del partito di sinistra Meretz Ghaida Rinawie Zoabi ha annunciato ai media di non intendere appoggiare più l’esecutivo. Solo in seguito ha informato Bennett, che è stato colto completamente di sorpresa e che ha allora appreso di essere ormai rimasto in minoranza in parlamento con appena 59 deputati su 120.

Rischio fine legislatura

Nell’opposizione della destra nazionalista, guidata dall’ex premier Benyamin Netanyahu, la mossa della parlamentare ha destato grande soddisfazione e ha rafforzato la sensazione che adesso siano a portata di mano la sfiducia al governo e lo scioglimento anticipato della legislatura. Un voto in quel senso potrebbe avere luogo la settimana prossima. Nel frattempo i dirigenti del Meretz cercano di indurla a recedere.

Su twitter Rinawie Zoabi ha spiegato di aver maturato ad aprile la decisione di lasciare la coalizione, durante il mese del Ramadan. "Sono entrata in politica - ha affermato - per rappresentare al meglio la società araba da cui provengo. Ero convinta che una coalizione arabo-ebraica avrebbe potuto creare una alternativa di governo reale e rappresentare un messaggio per la società araba. Ma il mese del Ramadan - ha rilevato - è stato insopportabile. Le immagini giunte dalla Spianata delle Moschee di agenti violenti contro un pubblico di fedeli, il funerale della giornalista Shireen Abu Akleh (attaccato dalla polizia israeliana, ndr) mi hanno indotto a dire: basta. Non posso sostenere una coalizione che maltratta gli arabi in un modo così vergognoso".


Gli scontri durante il funerale della giornalista uccisa (Keystone)

Nel partito Meretz lo sbigottimento è stato totale. Proprio per sottolineare la importanza di una cooperazione fra la maggioranza ebraica e la minoranza araba in Israele nella sua lista parlamentare aveva riservato appunto a rappresentanti arabi due dei suoi sei seggi in parlamento. Come Bennett, anche il leader del Meretz Nitzan Horowitz è stato colto del tutto di sorpresa. Zoabi si è rifiutata di parlargli e di motivare il suo gesto.

Argine a Bibi

Per Meretz il governo Bennett rappresenta una diga importante e necessaria per ostacolare un possibile ritorno al potere di Netanyahu con i suoi alleati della destra estrema e del fondamentalismo religioso. In serata, in una intervista televisiva, Rinawie Zoabi è tornata alla carica accusando i parlamentari ebrei di non vedere in quelli arabi "partner di pari dignità". Bennett ed il ministro degli esteri Yair Lapid cercano ancora di indurre la parlamentare a dare loro almeno una boccata di ossigeno. In passato le avevano proposto di nominarla console di Israele a Shangai e quella proposta - le hanno fatto sapere - resta attuale anche oggi: se non manderà a gambe all’aria il governo. "Non faccio più parte del governo, ma potrei sostenerlo dall’esterno" ha detto la parlamentare alle telecamere lasciando così a Bennett un molto modesto barlume di speranza.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
15 min
Guasti a Nordstream 1 e 2, probabile la ‘mano’ di uno Stato
È l’ipotesi avanzata dallo Spiegel sulla natura delle falle nei gasdotti. Secondo cui sarebbe stato oggetto di un ‘sabotaggio mirato’
Italia
1 ora
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
2 ore
Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia
Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
4 ore
Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime
All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
5 ore
India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti
L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
Italia
6 ore
La terra trema a Genova. Scossa avvertita in tutta la città
Il sisma, di magnitudo 3,5, è stato registrato ieri sera alle 23.41, con epicentro a due chilometri a ovest del Comune di Davagna
Italia
7 ore
Molesta un’allieva 11enne. Professore arrestato a Caltanisetta
In giugno la ragazzina aveva raccontato tutto a un’insegnate, che aveva informato il preside, senza però sortire effetti. Poi si sono mossi i genitori
Stati Uniti
7 ore
Da Corea del Sud e Usa 4 missili nel Mar del Giappone
All’indomani del test nordcoreano di Pyongyang s’alza la voce (e non solo quella) di Seul e Washingon
Estero
16 ore
La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia
La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
Estero
17 ore
Angela Merkel riceverà il Premio Onu per i rifugiati
L’onorificenza verrà consegnata all’ex cancelliera in ricordo alla sua decisione di aprire le porte della Germania a oltre un milione di siriani nel 2015
© Regiopress, All rights reserved