laRegione
la guerra in ucraina
24.05.22 - 05:15
Aggiornamento: 14:29

La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti

Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e antisemiti fanno proseliti su Telegram

la-propaganda-nazi-russa-dei-maschi-che-odiano-tutti
Seguaci russi del Male State (Wikipedia)

Si definiscono "Male State", in russo "Muzhskoye gosudarstvo", lo Stato Maschile, sono (ovviamente) uomini, omofobi, antisemiti, razzisti, di estrema destra e misogini. E, dall’inizio della guerra in Ucraina, come emerge da un’inchiesta del gruppo di giornalismo investigativo Bellingcat, costituiscono uno dei gruppi più influenti della propaganda russa, con decine di migliaia di seguaci, attivi soprattutto su Telegram in diversi canali che, periodicamente, vengono bloccati per poi essere ricreati in breve tempo.

Attivi dal 2016

Il gruppo è stato fondato sul social network russo VKontakte nel 2016 da Vladislav Pozdnyakov, 30enne appassionato di fitness. Fin dal principio, il Male State ha aderito alla cosiddetta Manosphera ("uomosfera"), il network mondiale che dietro il paravento della "difesa dei diritti degli uomini", ad esempio quelli dei padri separati, cela una galassia di radicale misoginia alimentata dalla credenza che le donne, concedendosi sessualmente solo a maschi ricchi e prestanti, esercitino un potere sulla stragrande maggioranza degli uomini escludendo loro dalla possibilità di rapporti sessuali e nutrendone la rabbia che sfocia poi, spesso, in aperta violenza.


Il leader Vladislav Pozdnyakov (Facebook)

Il Male State sposa questo culto della mascolinità assorbendone il linguaggio, ad esempio la divisione, in base alla facilità di praticare sesso, fra maschi "alfa", "beta" e "omega", e fondendolo con elementi apertamente razzisti: il risultato è un’ideologia che lo stesso Male State definisce "patriarcato nazionale", che propugna sostanzialmente il ripristino della sottomissione della donna al maschio dominante rigorosamente bianco, e l’odio contro i movimenti femministi e Lgbtq+. Nel mirino del Male State finiscono in particolare le donne con partner stranieri, neri, asiatici o in generale non bianchi, che vengono pubblicamente additate con foto e dati personali e spesso minacciate o molestate.

Una galassia estesa

Bandito da VKontakte nel 2020, nell’ottobre 2021, dopo ripetuti episodi di molestie e minacce da parte dei membri il gruppo è stato definitivamente messo fuori legge in Russia come organizzazione estremista da un tribunale di Nizhny Novgorod. Ciò non ha tuttavia impedito al Male State di continuare a fare proseliti sulla più morbida piattaforma Telegram: il canale principale conta attualmente circa 45’000 utenti, mentre Pozdnyakov vanta oltre 180’000 iscritti ai suoi due canali personali, mentre sono numerosi i gruppi a livello locale in Russia.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, come sottolinea Bellingcat e come emerge da un giro sui canali Telegram del gruppo, il Male State si è esplicitamente schierato a favore della Russia, sposando la narrazione del Cremlino sull’"operazione militare speciale" e applicando la propria ideologia al conflitto, divenendo così un potente megafono della propaganda russa. E malgrado, come detto, la narrazione del Cremlino giustifichi l’invasione dell’Ucraina con la "denazificazione", il linguaggio del gruppo su Telegram recupera termini che fanno parte del vocabolario dell’estrema destra e più esplicitamente del nazionalsocialismo: spicca, fra gli altri, "Untermenschen", subumani, utilizzato dai nazisti per indicare chiunque non fosse di razza ariana e che, in un paradossale cortocircuito politico-linguistico, viene attribuito dai militanti del Male State agli ucraini, e in particolare ai leader dei raggruppamenti di estrema destra.


Un seguace del Male State a Mosca (Twitter)

L’odio verso gli ebrei

Le ombre più inquietanti, però, riguardano l’esplicito antisemitismo del gruppo: primo fra tutti, il ripetuto riferimento alla "soluzione finale" della "questione ucraina", che riecheggia chiaramente l’Endlösung der Judenfrage, il progetto di sterminio degli ebrei nei campi di concentramento. O, ancora, il racchiudere entro una triplice parentesi i nomi di persone di origine ebraica, in uso ultimamente sul web da parte dei movimenti antisemiti per indicare i bersagli su cui riversare l’odio in rete.

L’antisemitismo del Male State viene in definitiva inquadrato in una narrazione costruita ad arte che identifica gli ebrei con il "Nemico" che la Russia starebbe combattendo in Ucraina: si parte con gli innumerevoli richiami alle origini ebraiche del presidente ucraino Zelensky, compresa l’accusa di aver varato una legge contro l’antisemitismo per privilegiare gli ebrei in Ucraina, e si chiude il cerchio con l’attribuzione fantasiosa di origini ebraiche anche al leader filonazista Stepan Bandera, considerato un eroe nazionale dai nazionalisti ucraini.

Campioni della disinformazione

Non manca, ovviamente, la pura e semplice disinformazione: i crimini di Bucha e Kramatorsk sono attribuiti agli ucraini, vengono negate le vittime civili nei bombardamenti russi su edifici che sarebbero invece occupati dal famigerato Battaglione Azov, fino all’affermazione, in un video su Telegram da parte di quello che senza prova alcuna viene indicato come un soldato ucraino prigioniero, che i comandanti dell’esercito di Kiev avrebbero ordinato di bombardare le case dei civili. Sul destino dei leader ucraini, poi, la "soluzione" che il Male State propone è l’eliminazione fisica, a partire da Zelensky di cui Pozdnyakov dice "è un peccato che l’ultima volta che ti vedremo sarà davanti a un tribunale russo, possibilmente con un cappio al collo".

Si potrebbe pensare che gli strali sui "nazisti" ucraini coincidano con una condanna del nazismo in quanto tale. E invece, su questo, Pozdnyakov ci sorprende: il problema, per il fondatore del Male State, non è che gli ucraini siano nazisti in sé, ma che non lo siano abbastanza, tanto da definirli "un cosplay dell’originale", ovvero un travestimento a scopo di imitazione. Per il nerboruto russo, infatti, la Germania del Terzo Reich al netto della "valutazione ambigua", era "un Paese che ha dato al mondo un mucchio di invenzioni, medicine e scienziati, con un alto livello di moralità e fertilità e con una forte ideologia, anche se ambigua e non accettata da tutti, ma comunque un’idea seguita da milioni di tedeschi".

Messaggi d’odio su un gruppo Telegram (Telegram)

In breve, per il leader del Male State "paragonare la Germania di allora e l’Ucraina di oggi è un insulto a Hitler". Né tanto meno gli ucraini, a dire di Pozdnyakov, possono definirsi nazionalisti: l’Ucraina "del clown ebreo Zelensky" è dipinta come un Paese dalla morale sessuale libertina, che permette liberamente i Gay Pride e corrompe i bambini con testi scolastici su educazione sessuale, femminismo e temi Lgbt+, senza il culto della famiglia e del patriarcato. E secondo l’ideologia del Male State, "non c’è nazionalismo senza patriarcato".

A braccetto col nemico

Ora, il punto è: da una parte è innegabile l’ispirazione di estrema destra di una parte più o meno cospicua della resistenza ucraina all’invasione russa, a partire dal Battaglione Azov e Pravy Sektor. Dall’altra è altrettanto difficile negare che dalla parte opposta della barricata, a sostegno di Mosca, sia schierato l’altrettanto ampio fronte "nero" nelle sue varie sfumature, dal nazionalismo russo all’estrema destra europea con formazioni neofasciste vere e proprie, come l’italiana Forza Nuova, che sui diritti Lgbt+ e in generale il patriarcato non viaggiano molto lontani dal Male State. C’è dunque da chiedersi se, allo stesso modo in cui qualcuno non si pone il problema di andare a braccetto con Erdogan per contestare (a torto o a ragione) l’ingresso di Svezia e Finlandia nella Nato, chi a sinistra aderisce alla narrazione filorussa e al tempo stesso proclama il proprio antifascismo si faccia o meno qualche scrupolo nello stare dalla stessa parte di neofascisti e fan del patriarcato. O se, come spesso accade, in nome del consueto benaltrismo, di due torti si cerca di fare una ragione: la propria, ovviamente.

Leggi anche:

Chi sono gli Incel e i Redpillati. E perché (a volte) uccidono

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
15 min
America nella morsa del ghiaccio: aerei a terra
Colpiti in particolare gli Stati meridionali, dove nelle ultime 24 ore sono stati cancellati circa 865 voli nazionali
Estero
9 ore
Kamikaze in moschea in Pakistan, almeno 63 morti
Centinaia i feriti a Peshawar, i talebani rivendicano la strage
la guerra in ucraina
10 ore
Boris Johnson: Putin minacciò di uccidermi con un missile
Il Cremlino nega, ma Londra ricorda le tante ingerenze di Mosca sul suolo britannico
Estero
10 ore
Bolsonaro chiede un visto di 6 mesi per restare negli Usa
L’ex presidente brasiliano, ora in Florida, ha domandato alle autorità statunitensi un permesso turistico per rimanere nel Paese per altri sei mesi.
Italia
10 ore
Alfredo Cospito trasferito al carcere di Opera (da Sassari)
L‘anarchico rischiava la vita dopo lo sciopero della fame e gli oltre 40 kg persi. Il ministro: ’La tutela della salute di ogni detenuto è una priorità’
Estero
14 ore
Sciopero in Francia, disagi sui binari in Svizzera
Le braccia incrociate contro la riforma delle pensioni nell’Esagono fanno saltare diversi collegamenti Tgv con Ginevra, Losanna e Zurigo
Estero
16 ore
Hitler nominato cancelliere: 90 anni fa i nazisti al potere
Il 30 gennaio del 1933 il Führer riceveva l’incarico di formare il governo dal presidente tedesco Paul von Hindenburg
Estero
18 ore
Euro, ogni milione di banconote 13 sono false
Lieve aumento nel 2022 per i casi di contraffazione: 376’000 quelle tolte dalla circolazione. I tagli da 20 e 50 restano i più gettonati
Italia
19 ore
Settantadue città fuorilegge per smog. Fra queste c’è anche Como
Lo indica il rapporto ‘Mal d’aria di città 2023’ di Legambiente, che ha analizzato l’inquinamento atmosferico in 95 centri della Penisola
Giappone
22 ore
Toyota si conferma prima casa automobilistica mondiale
Per il costruttore nipponico si tratta del terzo riconoscimento consecutivo. Nel 2022 venduti a livello globale circa 10,48 milioni di veicoli
© Regiopress, All rights reserved