laRegione
gli-hacker-russi-dichiarano-guerra-a-dieci-paesi-russofobi
16.05.22 - 19:52
Ats, a cura de laRegione

Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’

Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici

Un attacco informatico "globale", contro i Paesi che supportano "nazisti e russofobi". Dopo aver preso di mira nei giorni scorsi diversi siti istituzionali in Italia, Germania e Polonia, gli hacker di Killnet, il collettivo filorusso che secondo diversi esperti avrebbe legami con i militari della Federazione russa, dichiarano "ufficialmente la guerra" ibrida a dieci Paesi: "Gli esercizi sono finiti, la Legione è pronta".

Tra questi ci sono gli Stati Uniti, la Germania e il Regno Unito. E poi ancora la Lettonia, la Lituania, l’Estonia, la Romania, la Polonia, l’Ucraina.

L’attacco all’Italia è servito a lanciare la nuova campagna, con gli hacker che nella notte hanno preso di mira il sito della polizia, cominciandolo a bersagliare di richieste di accesso fino al punto da mandarlo in down per alcune ore.

Un‘azione non a caso: 24 ore prima la polizia italiana aveva annunciato di aver sventato una serie di attacchi informatici provenienti dall’estero ad Eurovision. Gli hacker di ‘Legion’, una propaggine di Killnet, hanno provato più volte a bucare la piattaforma telematica dell’evento, senza però riuscirci.

Oggi è arrivata la risposta degli hacker. "Per i media stranieri – si legge nei canali Telegram del collettivo – Killnet ha attaccato Eurovision ed è stato bloccato dalla polizia italiana. Ma Killnet non ha attaccato Eurovision. Oggi, invece, dichiariamo ufficialmente guerra a 10 Paesi, inclusa l’ingannevole polizia italiana. A proposito il tuo sito ha smesso di funzionare: perché non è stato fronteggiato l’attacco come per l’Eurovision?".

L’attacco non ha provocato danni alle infrastrutture ma si è limitato a saturare le connessioni e ha comportato prima un blocco e poi un rallentamento del sito. I tecnici della polizia e gli specialisti del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipc) della Polizia postale, sono riusciti a limitare gli accessi e a ripristinarne la funzionalità.

Secondo Killnet, però, le cose non stanno così. "Sono riusciti a mettere un geo block! – sostengono sempre su Telegram –. Lo stavamo aspettando da 18 ore. Ma è un peccato che, a parte l’Italia, il sito non funzioni da nessun’altra parte".

Anche l’attacco al sito della polizia è di tipo DDos, come quelli dei giorni scorsi. Il Csirt, il team di risposta dell’Agenzia per la cybersicurezza, aveva però sottolineato che a differenza dei più comuni attacchi di tipo volumetrico (quelli cioè che puntano a saturare la capacità di banda attraverso l’invio di enormi quantità di traffico) gli hacker hanno utilizzato una banda limitata e per questo sono passati inosservati ai sistemi di protezione comunemente utilizzati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eurovision hacker killnet polizia italiana
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
43 min
Tre accuse di stupro per un giocatore della Premier League
Il calciatore, la cui identità non è nota, è libero su cauzione. Secondo i media inglesi fa parte di una Nazionale qualificata ai Mondiali in Qatar
Estero
1 ora
Hong Kong: autori di libri per bambini accusati di sedizione
Cinque persone sono accusate di aver ritratto pecore e lupi riferendosi metaforicamente agli abitanti della città e alla Cina
Estero
4 ore
Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro
Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
Estero
4 ore
Malta, il killer di Caruana: pagato per ucciderla, solo affari
L’assassino della giornalista maltese, morta per un’autobomba nel 2017, ha spiegato il suo ruolo di sicario prezzolato in un’intervista con la Reuters
Regno Unito
5 ore
Proseguono le defezioni nel governo di Boris Johnson
Dopo le dimissioni, ieri, di due ministri senior per il caso Pincher, oggi lascia Robin Walker, viceministro per gli Standard della Scuola
Estero
6 ore
È morto il segretario generale dell’Opec Muhammad Barkindo
Il 63enne è deceduto improvvisamente. Era alla testa dell’organizzazione dal 2016
Estero
7 ore
Marmolada: proseguono le ricerche con i droni
La frana di ghiaccio aveva travolto gli alpinisti domenica. Alcuni soccorritori potrebbero tornare sul posto giovedì per l’intervento ‘vista e udito’
Estero
9 ore
Alpinista precipita per 400 metri e muore sull’Ortles
La vittima è un turista della Repubblica Ceca. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
Estero
9 ore
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
9 ore
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
© Regiopress, All rights reserved