laRegione
chomsky-meglio-negoziare-prima-di-essere-tutti-morti
Keystone
laR
 
10.05.22 - 08:41
Aggiornamento: 16:23
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Chomsky: ‘Meglio negoziare prima di essere tutti morti’

In un’intervista alla Rsi il grande intellettuale Usa mette in guardia dai rischi di escalation e accusa Washington di tirare troppo la corda

Linguista e cognitivista con radici (anche) ucraine, una vita trascorsa tra le aule del Massachusetts Institute of Technology e le piazze della protesta Usa, il 93enne Noam Chomsky è la voce più conosciuta del progressismo americano. Di seguito trovate una sintesi dell’intervista concessa alla Rsi e trasmessa a ‘Laser’ su Rete Due.

Dr. Chomsky, parliamo di ciò che sta succedendo in Ucraina in queste settimane. Lei ha detto che l’aggressione di Vladimir Putin è un crimine. Ma qual è il suo obiettivo: l’annessione dell’Ucraina oppure qualcosa di ancora più grande?

Non si può dire con certezza. Ciò che il Cremlino dice, è che i russi hanno due obiettivi principali: la neutralità dell’Ucraina, che perseguono da 30 anni, e la demilitarizzazione della stessa, ovvero dare all’Ucraina lo stesso status del Messico, al quale è vietata qualsiasi alleanza militare con Paesi avversari degli Stati Uniti come la Cina. Tuttavia, c’è solo un modo per sapere con certezza quali siano i piani russi per l’Ucraina: perseguire la via diplomatica e negoziare con la Russia, cosa che gli Usa si rifiutano di fare.

Nemmeno Putin vuole negoziare. Il Presidente Macron ha tentato molte volte la via diplomatica, ma non c’era margine di manovra.

Non potremo mai sapere cosa vuole fare Putin, finché non si inizierà un negoziato con lui.

E Volodymyr Zelensky ha davvero intenzione di negoziare? Il presidente ucraino non ha formalmente chiesto un negoziato, ma solo altre armi…

Ha chiesto molte cose, ma l’occidente ha scelto di ascoltare le richieste di armi e non il resto. Zelensky ha anche domandato la neutralità dell’Ucraina, aprendo alla concessione della Crimea e in parte anche del Donbass. Nel 2019, quando è stato eletto, gli è stato dato l’importante mandato di cercare la pace coi russi. Aveva iniziato a portare a termine questo mandato, si era pure recato nel Donbass. Inoltre, ha cercato di applicare gli Accordi di Minsk proponendo qualche forma di autonomia per le regioni del Donbass, pensando alla creazione di una sorta di Confederazione Ucraina sul modello svizzero o belga. Tuttavia l’estrema destra ucraina ha subito minacciato il presidente, dicendo che se avesse implementato tutto ciò, lo avrebbero ucciso. Se fosse stato supportato dagli Stati Uniti, Zelensky avrebbe proceduto lo stesso perché è un uomo coraggioso. Ma l’America rifiutò. Anzi, l’America ha continuato a perseguire, insieme alla Nato, una politica nata nel 2015 e tesa a rendere l’Ucraina parte del comando atlantico, attraverso la consegna di armamenti, programmi di addestramento militare ed esercitazioni congiunte, come ripetuto dallo stesso segretario Nato Jens Stoltenberg. Questa politica poi è culminata in una dichiarazione congiunta tra Usa e Ucraina del settembre 2021, in cui si presentava il piano per integrare completamente l’Ucraina nella struttura militare Nato, attraverso altri programmi di addestramento avanzati e operazioni militari congiunte. Questo fu poi reiterato ed esteso il 10 novembre 2021.

Non sottovaluta il fatto che è l’Ucraina stessa che guarda a ovest e non verso la Russia? Inoltre, questa è già la seconda invasione dopo quella del 2014. Intanto molti altri Paesi europei, come la Svezia e la Finlandia, vogliono unirsi alla Nato. Per di più senza alcuna pressione da parte americana, semplicemente perché non si sentono sicuri.

Non sto sottovalutando questo fatto. Ciò che i russi stanno facendo è un crimine paragonabile a quello commesso da Hitler con l’invasione della Polonia nel 1939 o dagli americani con l’invasione dell’Iraq nel 2003, e ha causato il più grande conflitto in Europa dalla Seconda guerra mondiale. Ripeto: non sto sottovalutando il problema, vorrei risolverlo, non voglio assistere alla distruzione dell’Ucraina. Per fare questo voglio dire qual è la verità su quanto è successo e capire esattamente cosa bisogna fare adesso. Una possibilità è quella di intraprendere un negoziato attraverso la via diplomatica. Questo significa che gli Stati Uniti e la Nato devono cambiare le loro posizioni e devono ovviamente offrire a Putin una via d’uscita. L’altra possibilità è quella di rifiutare un negoziato, dire "no, non offriamo alcuna via d’uscita a Putin e quindi condurremo il più orribile degli esperimenti". Se ciò succede, si vedrà se Putin si arrenderà o se userà tutta la forza di cui dispone, devastando e distruggendo l’Ucraina.

Grazie alle armi e agli aiuti inviati dall’estero, gli ucraini sono riusciti a impedire l’invasione completa del loro Paese. È giusto fornire armi agli ucraini? La resistenza ne ha bisogno per potersi difendere.

Lei "gioca con le parole", perché tutti siamo d’accordo sul diritto ucraino di ricevere armi. Ma non considera la domanda cruciale: sarebbe disposto a condurre il più orribile degli esperimenti e scoprire così se Putin si arrenderà pacificamente o se userà tutti i suoi armamenti per devastare l’Ucraina?

Sono rimasto molto sorpreso dal leggere che lei, che non ha una buona opinione del presidente Usa Joe Biden, avrebbe sostenuto che l’ex presidente Donald Trump sarebbe la persona giusta per intraprendere un negoziato coi russi. Eppure in passato lo aveva definito un criminale, il più grande criminale della storia.

Trump ha detto che è giunto il momento di cercare una soluzione pacifica al conflitto, piuttosto che posticiparla. Io mi sono limitato a dire che le parole di Trump sono corrette e che non vedo alcun motivo per ignorarle solo perché Trump è attualmente il personaggio politico più pericoloso del mondo. Inoltre non bisogna ignorare il fatto che le parole di Trump sono le uniche che abbia letto finora, insieme a quelle di Jeremy Corbyn (deputato ed ex leader del Partito laburista della Gran Bretagna, ndr), con cui si dice: no, non voglio condurre questo orribile esperimento, sarebbe meglio iniziare un negoziato e trovare una soluzione prima di essere tutti morti.

Però Trump ha affermato sul canale televisivo Fox che se fosse ancora presidente, avrebbe minacciato la Russia con i sottomarini nucleari.

Ci sono diverse fonti secondo le quali ha detto diverse cose. Ma ha affermato anche una cosa giusta, importante e di fatto unica. Non vedo alcun bisogno di nascondere la verità.

Dunque secondo lei l’unica via d’uscita da questa crisi è rinunciare alla Crimea e negoziare lo statuto del Donbass. Ma sarebbe sufficiente per Putin?

C’è una questione logica dalla quale non possiamo sfuggire. Una possibilità di uscire dalla crisi è di negoziare un accordo che offra a Putin una via d’uscita. L’alternativa, l’unica alternativa è di respingere il negoziato e di avviare un esperimento per vedere se Putin se ne va tranquillamente e accetta la sconfitta o se usa la sua forza per distruggere definitivamente l’Ucraina.

Questo pone tuttavia un problema, quello del ricatto nucleare. Ogni Paese che ha armi nucleari, la Russia, la Corea del Nord o gli stessi Stati Uniti potrebbero conquistare altri Paesi proprio avanzando questo ricatto.

Vede, la politica dichiarata degli Stati Uniti è quella di indebolire la Russia. Indipendentemente da quello che succede in Ucraina, dal grado di distruzione del Paese. Questa è la nostra politica ufficiale. Per ripicca, Putin potrebbe avviare un confronto con la Nato che porterebbe a un’escalation che alla fine ci ammazzerà tutti.

Dunque secondo lei gli Stati Uniti stanno conducendo un gioco pericoloso. Ma cosa vuole veramente Washington, qual è il suo obiettivo ultimo?

Nel caso dell’Ucraina, l’obiettivo da anni è quello di integrarla nella Nato, con la conseguenza che passo dopo passo si può facilmente sfociare in una guerra nucleare.

Però i Paesi baltici o la Polonia sono voluti entrare nella Nato, non sono stati costretti a farlo. Semplicemente, non volevano finire di nuovo sotto la tutela di Mosca. È stata una libera scelta, non una costrizione americana.

Questa è un’altra questione. Diamo uno sguardo alla storia. Nel 1991 il presidente George Bush senior si è impegnato in modo chiaro, senza nessuna ambiguità, con Michail Gorbaciov: se quest’ultimo avesse accettato una Germania unificata all’interno della Nato, il presidente americano si sarebbe impegnato a non estendere l’alleanza atlantica neanche di un pollice più a est. Questa promessa non è stata mantenuta.

Ma quello non era un trattato, non c’era nulla di scritto, solo una discussione sulla quale si continua a dibattere. Non c’è nulla di ufficiale, nero su bianco.

Negli archivi della sicurezza nazionale ci sono i documenti originali: era una promessa chiara e senza ambiguità. Bush padre lo sapeva molto bene, e cominciò a realizzare quell’intesa chiamata Partnership per la pace aperta anche alla Federazione russa. Nel 1997, per ragioni di politica interna, Clinton dimenticò quelle intese.

Sì, ma al tempo stesso come si può dimenticare il Memorandum di Budapest del 1994? Allora l’Ucraina consegnò il suo enorme arsenale nucleare alla Russia in cambio della garanzia di non essere aggredita. La Russia ha violato l’accordo invadendo la Crimea nel 2014. Parliamo di un accordo vero, scritto nero su bianco.

Certo, è indiscutibile. E può leggerlo in diversi modi. È stato violato dalla Russia ed è stata violata la carta delle Nazioni Unite. Ma la questione cruciale è questa: gli Stati Uniti e la Nato hanno continuato a violare la promessa fatta da Bush offrendo all’Ucraina la possibilità di entrare nell’alleanza atlantica, malgrado l’opposizione di Francia e Germania. Stoltenberg e gli Stati Uniti hanno continuato a spingere per integrare l’Ucraina nel comando Nato. Lei può essere critico con la Russia e io lo sono forse più di lei, ma la domanda cruciale è un’altra: cosa possiamo fare ora per evitare una guerra mondiale? O cambiamo radicalmente la nostra politica e avviamo un negoziato, oppure senza vie d’uscita Putin distruggerà l’Ucraina e questo potrà sfociare in una guerra atomica.

Questo nessuno lo desidera. Il problema è che forse Putin non accetterà nulla che non sia una sua vittoria totale. D’altronde Zelensky ha rinunciato alla rivendicazione di aderire alla Nato, tuttavia l’aggressione e la guerra continuano, non si sono fermate.

Vede, questo è un altro modo per non affrontare la vera questione. Lei fa delle speculazioni, e l’unico modo per verificarle è tentare la strada negoziale.

Al di là del presidente e del segretario di Stato, qual è la posizione del Congresso americano? Segue Biden o ci sono opposizioni, spaccature?

Non vedo grandi spaccature sulla gestione dei rapporti e del confronto con Putin. Siamo al punto in cui la forza di pace negli Stati Uniti è ormai rappresentata dal Pentagono, che pone il suo veto sulle misure più gravide di rischi, come ad esempio la no-fly zone. Perché al ministero della Difesa capiscono che una no-fly zone significa di fatto un attacco alle installazioni dell’aeronautica all’interno del territorio russo. Questo significherebbe risposte russe e una guerra a tutto campo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
noam chomsky russiaucraina
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
4 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
pacfico
5 ore
Pechino: la linea mediana non esiste. Taiwan teme l’invasione
Altissima tensione dopo la visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Pechino prepara l’artiglieria nel Mar Giallo
Estero
6 ore
Trump contro l‘Fbi: ’Io vittima di un nuovo Watergate’
L’ex presidente si scaglia contro l’agenzia governativa dopo il blitz nella sua residenza di Mar-a-Lago. Nancy Pelosi: nessuno è al di sopra della legge
Estero
7 ore
Oggi giornata mondiale del leone: in Africa ne restano 30’000
Le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perso il 90% del loro areale originario e la riduzione non sembra arrestarsi
Estero
9 ore
La caccia al tesoro dei Paperoni Usa in Groenlandia
Gates, Bezos, Bloomberg finanziano la ricerca di cobalto e nichel sull’isola
Confine
10 ore
Trenord aumenta il prezzo dei biglietti
Sono coinvolte anche le linee transfrontaliere con il Ticino. La ragione è l’adeguamento all’inflazione
Estero
12 ore
Identificati 250 siti web di fake news sulla guerra in Ucraina
Diffondono attivamente disinformazione russa, indica NewsGuard. Circa la metà sono in inglese, mentre altri sono in francese, tedesco o italiano
Estero
17 ore
Trump: la tenuta di Mar-a-Lago perquisita dall’Fbi
L’operazione sarebbe legata alla ricerca di alcuni documenti riservati che l’ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca
l'amicizia con putin
1 gior
L’Spd grazia Schröder per suoi rapporti con Mosca
Ma caso non ancora chiuso. E si riapre quello Warburg che inguiaia il cancelliere Scholz
© Regiopress, All rights reserved