laRegione
il-petrolio-russo-nel-mirino-dell-unione-europea
Keystone
Solo da fine anno
02.05.22 - 21:02
Aggiornamento: 03.05.22 - 00:03
Ansa, a cura de laRegione

Il petrolio russo nel mirino dell’Unione europea

Il sesto pacchetto di sanzioni prevederà un embargo del greggio da far partire però solo a fine anno

L’Unione europea (Ue) lavora al nuovo pacchetto, il sesto, di sanzioni alla Russia contro l’invasione in Ucraina, con un embargo graduale sul petrolio da far partire a fine anno e, ci si attende, nuovi soggetti nella lista nera, a partire dalla seconda banca russa, Sberbank.

Una proposta della Commissione europea dovrebbe arrivare già domani, dopo gli incontri singoli con i 27 Stati tenuti nel fine settimana, per venir sottoposta agli ambasciatori dell’Ue già mercoledì. Si tratterà poi di capire se tutti i nodi verranno sciolti.

Per ora c’è da registrare la netta presa di posizione di Berlino, con il ministro per gli affari economici Robert Habeck, che pur parlando di un eventuale "carico pesante", seppur locale, per l’economia tedesca ha chiarito che "la Germania non è contraria a un embargo petrolifero alla Russia".

Agli antipodi restano invece gli ungheresi, che hanno chiarito ancora in giornata come "la propria posizione rispetto a qualsiasi embargo su petrolio e gas non è cambiata: non li sosteniamo", ha detto il portavoce del governo, Zoltan Kovacs.

Varsavia resta intanto tra i più acerrimi oppositori delle politiche del presidente russo Vladimir Putin, a partire dal pressing per uno stop agli idrocarburi di Mosca: "La Polonia chiederà sanzioni immediate sul gas e il petrolio russo" e "facciamo appello a tutti gli altri Paesi a non pagare in rubli", ha detto Anna Moskwa, ministra dell’ambiente e del clima.

La quadratura del cerchio dovrebbe arrivare con deroghe mirate per gli stati più esposti alle forniture di Mosca, si parla innanzitutto di Ungheria e Slovacchia, accanto alle diverse azioni già annunciate le cui strategie andranno concretizzate prima del Consiglio europeo di fine maggio.

In attesa delle mosse sul petrolio russo, a Bruxelles era intanto la giornata del gas, con un consiglio straordinario dei ministri comunitari dell’energia convocato dalla presidenza francese dopo lo stop unilaterale delle forniture a Bulgaria e Polonia, per il rifiuto di assecondare la richiesta di pagamenti in rubli dalla Russia.

Al termine dei lavori, circa tre ore che secondo diverse fonti avrebbero visto un confronto disteso tra i responsabili delle politiche energetiche dei 27, la commissaria europea all’energia Kadri Simson ha ribadito che tutt’ora "la Commissione non ha informazioni circa Paesi o imprese private" che stiano pagando in rubli il gas russo o "vogliano farlo".

Ancor più netta la ministra francese per la transizione Barbara Pompili: "Tutti gli stati membri hanno detto che si devono mettere in opera le sanzioni e rispettare i contratti, che sono in euro". Resta l’incognita di nuovi stop alle forniture russe dopo quelle a Polonia e Bulgaria.

Per Simson è evidente che i russi "non sono fornitori affidabili e tutti gli stati membri devono avere dei piani per un’eventuale interruzione totale della fornitura". "Tutto il lavoro che stiamo facendo è per essere pronti se dovesse essere presa la decisione" di uno stop delle forniture russe, ha detto anche Pompili, ma non si può "pensare di rimpiazzare tutto il gas russo con altre forniture di gas", nell’Ue occorre "produrre elettricità".

La sottosegretaria italiana alla transizione ecologica Vannia Gava ha ribadito la preoccupazione per i livelli dei prezzi dell’energia: "Dovranno essere considerate tutte le misure necessarie a livello europeo per proteggere i consumatori più vulnerabili e la competitività delle imprese, incluso il price cap (regolamentazione) sul gas proposto dall’Italia", ha segnalato.

Prima di fine maggio contestualmente alla presentazione del piano REPowerEU, la strategia per accelerare sui target energetici, dovrebbero arrivare nuove proposte della Commissione, in particolare sui prezzi del mercato elettrico, tenendo anche conto del rapporto di Acer, l’Agenzia dell’Ue per la cooperazione tra i regolatori dell’energia, che ha sostanzialmente respinto l’utilità di un price cap.

Quanto all’indipendenza energetica, ha sottolineato Gava, "l’Italia intende rendersi indipendente dalle importazioni di gas dalla Russia, può riuscirci entro il 2024 e ha già intrapreso azioni per raggiungere tale obiettivo, sia per diversificare i fornitori sia per ridurre la domanda di gas".

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
petrolio russo russiaucraina sanzioni unione europea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard
La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
4 ore
Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati
Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
6 ore
Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan
Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
7 ore
Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato
L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
7 ore
Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto
Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
16 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
18 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
18 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
21 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
22 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
© Regiopress, All rights reserved