laRegione
14.04.22 - 21:46
Aggiornamento: 22:14

Affondata la Moskva, nave ammiraglia della flotta russa

Dopo una giornata di reciproche smentite tra Mosca e Kiev sulla sorte dell’incrociatore, la conferma del Cremlino: ‘È affondata durante il rimorchio’

di Cristoforo Spinella, Ansa
affondata-la-moskva-nave-ammiraglia-della-flotta-russa
Keystone
L’incrociatore Moskva nel 2013 a Cuba

L’incrociatore missilistico russo Moskva, in fiamme da ieri sera e che Kiev aveva rivendicato di aver colpito, "ha perso stabilità ed è affondato mentre veniva rimorchiato durante una tempesta". Lo ha reso noto il ministero della Difesa russo, citato da Interfax in serata. L’ammiraglia della flotta russa nel mar Nero era in fiamme e navigava verso il porto di Sebastopoli, nella Crimea in mano a Mosca, "probabilmente" nel tentativo di ripararla. Dopo ore di rivendicazioni e smentite, in un primo momento il Pentagono aveva affermato che l’incrociatore lanciamissili Moskva era ancora a galla. Colpito da missili antinave Neptune sparati ieri sera dalle difese di Odessa, come afferma Kiev, o danneggiato dall’esplosione delle munizioni che trasportava in seguito a un incendio sviluppatosi a bordo, come spiega Mosca. "Non siamo sicuri di cosa sia successo. Ma c’è stata almeno un’esplosione, piuttosto grande, che ha causato danni estesi", hanno fatto sapere dalla Difesa americana. Secondo cui, in ogni caso, altre navi russe che si trovavano nelle vicinanze si sono spostate verso sud. Segnale, questo, del probabile timore di un attacco da terra.

Proprio in vista della grande battaglia del Donbass, gli Usa hanno promesso di far giungere "le nuove armi all’Ucraina in meno di una settimana", precisando che "poi le forze di Kiev le porteranno nell’est" e lanciando un monito a Mosca: "Gli Stati Uniti non stanno operando in Ucraina, ma se i russi dovessero colpire una qualsiasi parte di territorio della Nato, dove le attrezzature militari vengono assemblate, questo comporterebbe l’invocazione dell’articolo 5 e cambierebbe completamente il gioco", ha avvertito il consigliere per la Sicurezza Nazionale Jake Sullivan dopo che ieri Mosca aveva definito "obiettivi militari legittimi i veicoli Usa e Nato che trasportano armi e munizioni attraverso il territorio ucraino".

Nel cinquantesimo giorno di guerra, la perdita del Moskva alla flotta russa - evento dal forte impatto simbolico per il morale dei combattenti su entrambi i fronti - monopolizza comunque l’attenzione e scatena i timori di rappresaglie su Odessa, dove sono state udite alcune esplosioni, anche se il comando operativo dell’Ucraina meridionale assicura che "al momento non c’è pericolo per la popolazione civile".

Mosca, intanto, è tornata ad accusare le forze di Kiev di aver preso di mira villaggi in territorio russo vicino al confine, bombardando edifici residenziali nella regione di Belgorod e Bryansk, senza provocare vittime. Nel villaggio di Klimovo, però, ci sarebbero 7 feriti, tra cui una donna incinta e un bambino. Accuse che le autorità militari di Kiev respingono al mittente come un tentativo di "alimentare un’isteria anti-ucraina in Russia".

A Mariupol, la resistenza appare sempre più allo stremo. Il consigliere dell’ufficio del presidente Volodymyr Zelensky, Oleksiy Arestovych, ha annunciato che i fanti di marina della 36/ma brigata, rimasti isolati nella città assediata, sono stati fatti prigionieri dall’esercito russo. "Ma non si tratta di mille soldati ucraini, molti meno", ha precisato, riferendosi all’annuncio di Mosca secondo cui 1’026 militari si sarebbero arresi. I raid russi continuano anche nel Donbass e nelle regioni circostanti dell’est del Paese, con l’obiettivo di fiaccare le difese prima dell’offensiva di terra, per cui da giorni decine di migliaia di soldati convergono verso i territori già in parte controllati dai separatisti. A Slobozhansky, nel nord-est, le forze di Mosca stanno conducendo la ricognizione dei probabili luoghi dell’attacco, mentre continua il blocco parziale di Kharkiv. Sistematici raid missilistici e di artiglieria sono stati denunciati sulle infrastrutture militari e civili anche a Donetsk, specie nei distretti di Slavyansk, Popasna e Kurakhovo, e a Zaporizhzhia. Nel frattempo, non si ferma la ricognizione degli orrori. Le autorità ucraine hanno riferito di aver recuperato da inizio aprile nell’area di Kiev abbandonata dai russi i corpi di 765 civili, tra cui 30 bambini. "Questo è solo l’inizio. Abbiamo appena iniziato a lavorare nelle città più grandi come Borodyanka, Hostomel, Irpin e Bucha", ha detto il vice procuratore capo della regione, Oleh Tkalenko.

Nonostante le atrocità, resta comunque aperto il canale per gli scambi di prigionieri. Kiev ha fatto sapere che ne è stato effettuato un quarto, che ha permesso di riportare in Ucraina 22 militari e 8 civili, tra cui una donna.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
coronavirus
6 ore
L’Oms: ‘Il 90% della popolazione mondiale è immune’
‘Vicini alla fine, ma serve ancora cautela’. Ancora test, sequenziamento e vaccini per evitare nuove varianti
russia
7 ore
Putin: negoziati (forse) sì, ritiro no
La Casa Bianca: ‘Spetta a Kiev decidere’. Telefonata Berlino-Mosca
grecia
7 ore
Attacco ad Atene alla diplomatica Susanna Schlein
La ticinese, sorella della politica del Pd Elly, si è salvata per puro caso da un attentato: in fiamme la sua auto
Confine
9 ore
Truffa anziani in Valtellina, arrestata una 70enne ticinese
Il fermo alla dogana di Chiasso Brogeda. La donna è sospettata di aver messo a segno numerosi colpi in diverse province del Nord Italia
Confine
13 ore
Il traffico di orologi è la nuova frontiera del contrabbando
Aumentano in frontiera i sequestri di merce con le griffe delle celebrate marche svizzere. L’ultimo qualche giorno fa al valico di Ronago
la guerra in ucraina
1 gior
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
1 gior
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
1 gior
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
1 gior
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
1 gior
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
© Regiopress, All rights reserved