laRegione
putin-l-intervento-militare-e-stato-un-atto-nobile
Keystone
All’inaugurazione del cosmodromo di Vostochny
Guerra in ucraina
12.04.22 - 20:58
di Alberto Zanconato, Ansa

Putin: ‘L’intervento militare è stato un atto nobile’

Il presidente russo ha ribadito che i negoziati ‘sono in un vicolo cieco’ per colpa degli ucraini e che Mosca è intervenuta per proteggere l’etnia russa

Roma - I negoziati sono "in un vicolo cieco" per colpa degli ucraini, e la Russia continuerà quindi la guerra per raggiungere quello che era il suo "nobile" obiettivo fin dal principio: la conquista dell’intero Donbass per proteggere la popolazione locale di etnia russa.

Il giorno dopo la missione a Mosca del cancelliere austriaco Karl Nehammer, Vladimir Putin spegne le speranze di una soluzione diplomatica. "Non avevamo altra scelta" che attaccare l’Ucraina, afferma. E anche sulla questione dei crimini di guerra, che il suo interlocutore aveva sollevato nel difficile colloquio, respinge tutte le accuse, liquidando come "un fake" il massacro di Bucha. La strage è "una falsa notizia", ha affermato il capo del Cremlino, aggiungendo che nella presunta inchiesta russa per arrivare alla verità ha avuto anche la collaborazione del presidente bielorusso Aleksandr Lukashenko. "Mi ha dato alcuni documenti oggi. Documenti che - ha sostenuto - contengono intercettazioni su come e chi è giunto in quella comunità, usando quali mezzi di trasporto, per creare le condizioni per l’organizzazione di queste provocazioni e un’operazione sotto falsa bandiera".

È dal nuovo cosmodromo di Vostochny, ottomila chilometri a est di Mosca, che il capo del Cremlino, con a fianco il suo fidato alleato bielorusso, ha rilanciato la sfida all’intero Occidente. Per farlo ha scelto una data simbolo dell’orgoglio russo: il 61esimo anniversario del lancio del primo uomo nello spazio, Yuri Gagarin. Anche allora, ha affermato Putin, Mosca era sotto sanzioni, "eppure l’Unione Sovietica è stata la prima a lanciare un satellite terrestre artificiale, il primo cosmonauta è stato nostro, così come il primo volo di una stazione spaziale, la prima passeggiata spaziale e la prima cosmonauta donna". Anche adesso, ha assicurato il presidente, la Russia sarà capace di resistere e fra l’altro portare avanti il suo programma spaziale con il lancio della navicella automatica Luna-25, probabilmente entro l’anno. Mentre sarà l’Occidente a pagare per le misure punitive adottate. Kiev da parte sua nega di aver frapposto ostacoli ai progressi nelle trattative, e anzi afferma che continuano, anche se sono "estremamente difficili", specie "in questa atmosfera emotiva pesante". Ma le affermazioni di Putin lasciano poche speranze che possa essere impedita l’offensiva russa nell’est del Paese.

Putin "ha deciso che non si fermerà", perché "ha bisogno di una vittoria militare per se stesso", ha commentato il presidente francese Emmanuel Macron, che è stato il più assiduo interlocutore del leader russo nel tentativo di impedire il conflitto. Lo zar ha detto che è per "proteggere" il Donbass da quello che ha definito un "genocidio" perpetrato dagli ucraini fin dal 2014 che le sue truppe hanno invaso l’Ucraina: "Questo era il nostro piano. Le operazioni in alcune regioni del Paese perseguivano l’obiettivo di bloccare le forze nemiche, distruggere le infrastrutture militari e creare le condizioni per un’azione più vigorosa nel Donbass". Putin ha poi spiegato da dove trae tanta fiducia nella vittoria: la certezza che prima o poi l’unità dell’Occidente si sgretolerà sotto le ricadute che le sanzioni imposte alla Russia avranno sulle loro economie. Sanzioni che fra l’altro, secondo dati dell’Unctad riportati dall’Ispi, hanno bloccato finora solo il 7% delle esportazioni russe. E che, soprattutto, non hanno ancora colpito l’energia, la principale fonte di reddito di Mosca, nonostante i ripetuti appelli in questo senso dell’Ucraina, l’ultimo dei quali quello di oggi del presidente Volodymyr Zelensky. Anzi, i prezzi del gas e del petrolio alle stelle fanno sì che oggi la Russia incassi oltre il 50% in più da queste esportazioni rispetto a un anno fa: oltre 15 miliardi di euro nel solo mese di marzo. "Quando le persone si scontreranno sui prezzi della benzina e su un’inflazione senza precedenti, questo si tradurrà per loro", gli occidentali, "in problemi di politica interna, mentre volevano che si traducesse in problemi di politica interna per la Russia", ha profetizzato Putin.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
negoziati putin russiaucraina ucraini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
L’approfondimento
11 min
‘Non si è Stati sovrani con due o tre riconoscimenti’
Solo tre Stati riconoscono a oggi le repubbliche separatiste ucraine. Cosa vuol dire? Ne parliamo con l’esperto di diritto internazionale
Estero
40 min
Beluga nella Senna: riuscita la prima parte della liberazione
L’obiettivo è quello di riportarlo in mare. L’esemplare è stato sollevato e messo su una chiatta, dove è stato curato da una dozzina di veterinari.
il reportage
4 ore
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
12 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
12 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
pacfico
13 ore
Pechino: la linea mediana non esiste. Taiwan teme l’invasione
Altissima tensione dopo la visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Pechino prepara l’artiglieria nel Mar Giallo
Estero
14 ore
Trump contro l‘Fbi: ’Io vittima di un nuovo Watergate’
L’ex presidente si scaglia contro l’agenzia governativa dopo il blitz nella sua residenza di Mar-a-Lago. Nancy Pelosi: nessuno è al di sopra della legge
Estero
15 ore
Oggi giornata mondiale del leone: in Africa ne restano 30’000
Le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perso il 90% del loro areale originario e la riduzione non sembra arrestarsi
Estero
17 ore
La caccia al tesoro dei Paperoni Usa in Groenlandia
Gates, Bezos, Bloomberg finanziano la ricerca di cobalto e nichel sull’isola
Confine
17 ore
Trenord aumenta il prezzo dei biglietti
Sono coinvolte anche le linee transfrontaliere con il Ticino. La ragione è l’adeguamento all’inflazione
© Regiopress, All rights reserved