laRegione
12.04.22 - 14:09
Aggiornamento: 19:43

Maxi frode fiscale in Italia, coinvolta una società svizzera

Sarebbero transitati per una società elvetica parte dei proventi illeciti di una frode in cui sono coinvolte società che si occupano di spazi pubblicitari

Ats, a cura di Marco Narzisi
maxi-frode-fiscale-in-italia-coinvolta-una-societa-svizzera
Depositphotos

Sarebbero stati trasferiti, in parte, anche a una società svizzera, oltre che una croata, i proventi di una presunta maxi frode fiscale al centro di un’inchiesta della Procura e della Guardia di finanza di Milano che ha portato ad un sequestro da 28 milioni e ai domiciliari quattro imprenditori e manager, tra cui un ex amministratore della Clear Channel, colosso nella cartellonistica pubblicitaria e non solo e che nel 2018 ha fatto scattare un’indagine interna, presentato denuncia e licenziato il suo dipendente.

Un complesso "schema" di frode fiscale nel settore della pubblicità, che si sarebbe basato soprattutto su finte "campagne di reclamizzazione a favore" di testate editoriali e col quale sarebbe stata realizzata una "evasione Iva stimabile in circa 30 milioni di euro dal 2016 al 2019".

Stando agli accertamenti del Nucleo di polizia economico finanziaria, coordinati dal pubblico ministero Paolo Storari e con l’ausilio dell’Agenzia italiana delle entrate, è venuta a galla una presunta associazione per delinquere (contestato anche il riciclaggio oltre alla frode fiscale) che nell’ambito del "Press deal", ossia servizi pubblicitari per gli editori, avrebbe simulato acquisti e vendite di spazi. E così con un reticolo di società e fatture per prestazioni inesistenti si sarebbe creato "un credito IVA fittizio", generato "dalla diversa aliquota applicata tra gli acquisti (22%) e le vendite (4%)", a vantaggio della "concessionaria dei servizi pubblicitari", ossia Clear Channel, con evasione delle imposte. I profitti illeciti del raggiro all’Erario, poi, sarebbero stati in parte trasferiti in società croate e svizzere e usati "per l’acquisto di appartamenti" in "un complesso immobiliare alberghiero a Panama".

L’ex amministratore di Clear Channel Jolly Pubblicità srl, Paolo Dosi, come si legge nell’ordinanza del giudice per le indagini (gip) Lorenza Pasquinelli, avrebbe messo in piedi anche un "archivio digitale" con "immagini ritoccate ad hoc, utili solo a simulare le operazioni commerciali", fingendo pure di "reclamizzare" la testata Playboy (il noto marchio editoriale non è coinvolto). In pratica, quei "fotomontaggi", che sembravano ritrarre locandine destinate a "pubblicizzare" riviste fuori dalle edicole, dovevano servire come "prova nell’eventualità di controlli provenienti da organi societari interni non consapevoli di tali malversazioni".

Le criticità riscontrate, scrive ancora il gip, "risultano comuni a tutti i rapporti che Clear Channel", come concessionaria, "intratteneva con i clienti di questa filiera commerciale: Edizioni Adesso Srl, App Media Group Spa ed Adwin Srl e che a monte, in veste di fornitore della Clear Channel, vedeva esclusivamente Media Market". Da un’intercettazione telefonica tra Dosi e Marco Verna, anche lui ai domiciliari e ritenuto "amministratore di fatto di Portobello spa" e "di diritto di Media Market" fino al 2017, risulta, spiega il gip, che i due puntavano ad "ottenere un finanziamento" per acquistare 100/150 chioschi di edicole" tra Roma e Milano. Arrestati anche Giorgio Fallica, "amministratore di fatto di App Media Group", e Paolo D’Amico, manager di Joy srl e Creative Media Doo.

Sono coinvolte alcune società che si occupano di spazi pubblicitari e campagne, come i cartelloni collocati nelle città, tra cui Clear Channel e Portobello. È contestato anche il reato di riciclaggio e sono stati sequestrati circa 28 milioni di euro. Le indagini, condotte dalla GdF con l‘ausilio della Divisione Contribuenti/Settore Contrasto Illeciti dell’Agenzia delle Entrate di Milano, hanno consentito "di ricostruire l’esistenza di un’associazione a delinquere finalizzata alla realizzazione di un complesso meccanismo di frode fiscale, ideato e denominato dagli stessi indagati ‘Press Deal’, attraverso la simulazione dell’acquisto e della vendita di spazi pubblicitari tra le società coinvolte".

Gli imprenditori indagati avrebbero messo in piedi "uno schema fraudolento attraverso il quale, facendo circolare fatture relative a prestazione inesistenti, con aliquote Iva diverse, determinavano un credito Iva fittizio a favore della società avente il ruolo di concessionaria dei servizi pubblicitari, con evasione d’imposta stimabile in circa 30 milioni di euro dal 2016 in poi, generato dalla diversa aliquota applicata tra gli acquisti (22%) e le vendite (4%)". Avrebbero distratto "i capitali sottratti a tassazione tramite i pagamenti che la concessionaria della pubblicità eseguiva a favore del proprio fornitore" e "autoriciclavano tali risorse, trasferendole verso società conniventi italiane ed estere che provvedevano alla relativa spartizione dei profitti della frode".

Le somme illecitamente conseguite e trasferite in Svizzera e Croazia sarebbero poi state impiegate "per l’acquisto di appartamenti ubicati presso un complesso immobiliare alberghiero a Panama".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 ore
Sempre più vittime del terremoto in Turchia e Siria: oltre 5’000
È stato intanto estratto vivo dalle macerie il calciatore ghanese Christian Atsu. Oltre 8’000 persone sono state salvate finora
Estero
8 ore
Sale a 4’890 il bilancio dei morti del sisma fra Turchia e Siria
Da parte di Ankara le vittime del terremoto di magnitudo 7,9 di ieri sono al momento 3’381, da parte siriana sono 1’509
la guerra in ucraina
18 ore
Zelensky: ‘Nuova offensiva russa entro 10 giorni’
Il leader atteso giovedì a Bruxelles al vertice e al Parlamento
italia
18 ore
Il tiramisù non è vegano, muore ragazza allergica al latte
Quattro indagati a Milano. Prodotto ritirato dal ministero della Salute
diplomazie
19 ore
La Cina insiste: ‘Palloni civili’. Un video la smaschera
Immagini del 2018 su un social network mostrano un test militare con un aerostato identico. Pechino se la prende con gli Usa
Estero
21 ore
‘Pray for Syria and Turkey’. L’inizio di un incubo
Il terremoto visto dal Ticino e con gli occhi della bellinzonese Sara Demir, con parenti sia in Turchia sia in Siria
Estero
22 ore
Turchia, del castello di Gaziantep non restano che macerie
Il terremoto miete vittime anche fra i monumenti storici: completamente distrutta la fortezza patrimonio dell’Unesco
Estero
1 gior
La visita dei parlamentari svizzeri a Taiwan preoccupa la Cina
Pechino critica i contatti ufficiali fra le autorità dell’isola che considera una provincia ribelle e i Paesi che hanno relazioni diplomatiche con la Cina
Confine
1 gior
Confine, arrestato un 21enne per spaccio di droga
Nell’abitazione del giovane militari e cane antidroga hanno rinvenuto 500 grammi di hashish, diversi contanti e una bici elettrica rubata in Ticino
Estero
1 gior
Sono oltre 3600 le vittime del sisma, ma si scava ancora
Superati i 2300 morti in Turchia e 1200 in Siria. Erdogan: ‘Il più grande disastro nel Paese dal 1939’
© Regiopress, All rights reserved