laRegione
al-via-ramadan-per-piu-di-un-miliardo-e-mezzo-di-musulmani
Keystone
01.04.22 - 19:22
Ats, a cura di Marco Narzisi

Al via Ramadan per più di un miliardo e mezzo di musulmani

Il mese islamico del digiuno si concluderà il 2 maggio prossimo. È uno dei cinque pilastri dell’Islam ed è considerato uno dei doveri di ogni fedele

Dopo le restrizioni imposte dalla pandemia, le insicurezze e le tensioni causate dalla guerra in Ucraina dominano in Medio Oriente gli animi di centinaia di milioni di musulmani che si apprestano dal tramonto a iniziare il Ramadan, il mese islamico del digiuno che si concluderà il 2 maggio prossimo e che coinvolge in tutto il mondo più di un miliardo e mezzo di fedeli.

In tutto il Medio Oriente giungono gli echi della guerra in Ucraina, con le sue ripercussioni politiche e, soprattutto, economiche.

Il Ramadan è uno dei cinque pilastri dell’Islam ed è considerato uno dei doveri di ogni fedele, chiamato a digiunare dall’alba al tramonto per poi interrompere, con l’iftar (rottura del digiuno), l’astinenza nelle ore notturne.

In origine periodo di espiazione e purificazione, il Ramadan è tradizionalmente un mese di incontri tra familiari e amici, ritrovi conviviali, cene interminabili e maratone non stop sui divani, di fronte alle sempre più numerose serie tv proposte dalle varie piattaforme televisive.

Ma più di altri anni il Ramadan quest’anno è vissuto all’ombra di un pervasivo senso di precarietà economica, di insicurezza alimentare, di timori di nuove tensioni e conflitti sociali.

Si guarda ai musulmani ucraini – solo l’uno per cento di una popolazione in larga parte cristiana – in fuga all’estero o rimasti intrappolati nelle violenze armate nel loro paese. Si guarda alle decine di migliaia di musulmani di altre nazionalità che lavoravano in Ucraina e che sono dovuti tornare in patria, come il caso di 20mila turchi tornati a celebrare il Ramadan con le loro famiglie nelle città di origine, ma rimasti senza lavoro.

Una sofferenza assai maggiore quella che colpisce milioni di musulmani siriani e yemeniti, da anni alle prese con i rispettivi conflitti armati e afflitti dagli effetti di quelle che l’Onu ha definito le peggiori crisi umanitarie del pianeta, con la stragrande maggioranza delle popolazioni in stato di povertà e di urgenti bisogni umanitari.

Sarà un Ramadan ad alta tensione per tutti i musulmani palestinesi a Gerusalemme, terza città santa dell’Islam, ma anche dentro e fuori la Cisgiordania e la Striscia di Gaza, alla luce dell’inasprirsi degli attacchi registratisi negli ultimi dieci giorni in Israele e delle contromisure di sicurezza adottate in queste ore dallo Stato ebraico.

Con le eccellenti eccezioni dei musulmani che vivono in condizioni agiate – se non di lusso – per lo più nei paesi del Golfo come Emirati Arabi Uniti, Qatar, Kuwait, Arabia Saudita, a soffrire particolarmente appare la classe media dei paesi mediorientali non direttamente colpiti dalle guerre ma investiti dalle onde lunghe della crisi e dalle conseguenze commerciali della guerra in Ucraina.

In Egitto la moneta locale ha perso il 14% del suo valore in solo un mese e si teme per le scorte di cereali e degli olii provenienti dai Paesi del Mar Nero. Una preoccupazione condivisa non solo da libanesi e siriani, ma anche da decine di milioni di giordani e iracheni, in maniera diversa alle prese con crisi finanziarie senza precedenti e con la crescente penuria di servizi essenziali.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cinque pilastri islam ramadan
TOP NEWS Estero
Italia
1 ora
Tir tampona due pullman di profughi: un morto
Il conducente dell’articolato, 53enne rumeno, è morto. Una cinquantina gli immigrati coinvolti nel sinistro all’altezza di Firenze, 15 i contusi
Birmania
2 ore
Suu Kyi condannata a sei anni per corruzione
L’ex leader democratica è stata riconosciuta colpevole di quattro capi d’accusa. Probabile il ricorso dei suoi avvocati
Gran Bretagna
2 ore
Luce verde al nuovo booster aggiornato contro Omicron
Coronavirus, il nuovo preparato di Moderna, già approvato in Gran Bretagna, potrebbe richiedere una sola vaccinazione all’anno
Germania
2 ore
Caro-energia: aggravio medio annuo di 484 euro a famiglia
In Germania il rincaro sarà di 2,4 centesimi di euro (2,360 centesimi di franco) per kilowattora
Italia
2 ore
Passata l’emergenza Covid, tornano a salire i reati
Sebbene non ancora raggiunti i livelli pre-pandemici, gli atti criminosi in Italia sono cresciuti sensibilmente
Ucraina
4 ore
Guerra del grano, luce verde all’export per altre sei navi
Superati i relativi controlli, le imbarcazioni con a bordo cereali potranno lasciare l’Ucraina attraverso il corridoio marittimo umanitario
Estero
6 ore
Crolla un ponte: due veicoli precipitano nel fiume
È accaduto stamane in Norvegia. Il ‘Tretten’ collegava le due sponde del Gudbrandsdalslågen, nel sud del Paese
Stati Uniti
6 ore
Auto contro la folla in Pennsylvania: un morto e 17 feriti
L’uomo ha dapprima investito le persone di un corteo, dopodiché ha preso mira una 56enne, poi presa a colpi di martello
Stati Uniti
6 ore
Aggressione a Rushdie: Blinken punta il dito contro l’Iran
Il segretario di Stato degli Usa condanna autorità e media: ‘Le istituzioni hanno incitato alla violenza contro di lui per anni’
Estero
22 ore
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
© Regiopress, All rights reserved