laRegione
28.03.22 - 19:55

Si ferma Novaya Gazeta, ultima voce critica anti-Putin

Redattori di Novaya Gazeta parlano di un monito da Roskomnadzor, l’agenzia statale per il controllo sui media, per il contenuto critico dei loro articoli

Ats, a cura de laRegione
si-ferma-novaya-gazeta-ultima-voce-critica-anti-putin
Keystone

Anche Novaya Gazeta, la più autorevole testata indipendente russa, getta la spugna. I redattori del quotidiano diretto dal Premio Nobel per la pace Dmitry Muratov, che pubblicò tra l’altro i reportage di Anna Politkovskaja sulla guerra in Cecenia, hanno annunciato che sospenderanno le pubblicazioni fino alla fine della guerra in Ucraina, motivando la decisione con le pressioni delle autorità.

Dopo la chiusura nelle ultime settimane di altri media quali la radio Echo di Mosca e la televisione Dozhd, il panorama dell’informazione russa appare quasi integralmente irreggimentato e in linea con le direttive del Cremlino, volte a cancellare ogni manifestazione di dissenso.

Praticamente l’unica voce che continua a cantare fuori dal coro è quella di Meduza, sito di notizie ufficialmente messo al bando ma ancora visibile aggirando la censura tramite Vpn. E proprio Meduza è stata l’unico media russo a trasmettere la prima intervista data dal presidente ucraino Volodymyr Zelensky ad alcune testate russe. Il sito è stato designato ormai da quasi un anno come ‘agente straniero’.

Una classificazione che in teoria non comporta misure punitive, ma penalizza le testate che ne sono colpite soprattutto in termini di perdita di introiti pubblicitari, poiché gran parte delle aziende, nel timore di compromettersi, non accetta di mantenere con esse rapporti di collaborazione. L’ultimo media, per ora, a guadagnarsi l’etichetta di agente straniero è stata oggi la tedesca Deutsche Welle, la rete internazionale della televisione pubblica tedesca il cui ufficio di Mosca era stato chiuso il 3 febbraio scorso dalle autorità russe in risposta al bando posto da Berlino alle trasmissioni della televisione russa in lingua tedesca RT DE.

Annunciando la sospensione delle pubblicazioni in formato cartaceo e ogni attività online, i redattori di Novaya Gazeta l’hanno motivata con un nuovo monito ricevuto da Roskomnadzor, l’agenzia statale per il controllo sui media, per il contenuto critico dei loro articoli. "Quindi – aggiungono – sospendiamo le pubblicazioni fino alla fine ‘dell’operazione speciale sul territorio dell’Ucraina’". Vale a dire l’invasione russa, che i redattori citano con la definizione ufficiale imposta dalle autorità di Mosca.

Novaya Gazeta si contraddistingue per la pubblicazione di inchieste sulla corruzione, le persecuzioni politiche e vari altri argomenti, quali l’inquinamento. Il 24 febbraio, giorno dell’aggressione, sul sito del quotidiano Muratov aveva espresso "dolore e vergogna" e il giorno dopo l’edizione cartacea era uscita stampata in russo e in ucraino in segno di solidarietà con il Paese invaso. Successivamente aveva annunciato di voler donare la medaglia del Nobel ai rifugiati ucraini. In passato il giornale aveva pubblicato le inchieste e gli articoli di denuncia degli abusi del potere di Anna Politkovskaja, uccisa nell’ottobre del 2006 in un agguato di cui non è mai stato indicato il mandante.

Il giornale, afferma l’Alto rappresentante per la politica estera della Ue Josep Borrell, ha dovuto sospendere le pubblicazioni "in seguito ad anni di intimidazioni", nel quadro di un’opera di "censura" delle autorità che si accompagna alla "manipolazione e disinformazione dei media di Stato". "Oggi in Russia – ha rincarato Teresa Ribeiro, rappresentante per la libertà dei media dell’Organizzazione per la sicurezza e cooperazione in Europa (Osce) – la libertà di stampa è sostanzialmente imbavagliata".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Messico
6 ore
‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’
In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
8 ore
Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone
Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
8 ore
Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare
Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
10 ore
Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne
A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
10 ore
Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie
Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
10 ore
Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto
Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
10 ore
Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino
Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
13 ore
Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio
Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
14 ore
La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia
L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
15 ore
Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati
È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
© Regiopress, All rights reserved