laRegione
22.03.22 - 09:46
Aggiornamento: 16:18

Francia, morto Yvan Colonna: rabbia degli indipendentisti corsi

Il militante si trovava in coma da tre settimane dopo essere stato aggredito in carcere

Ats, a cura de laRegione
francia-morto-yvan-colonna-rabbia-degli-indipendentisti-corsi
Keystone
Un momento degli scontri nel 2009 a Bastia

Yvan Colonna, il militante indipendentista corso condannato all’ergastolo per l’assassinio del prefetto Claude Erignac nel 1998, è morto ieri sera a Marsiglia, nel Sud della Francia. Colonna era in coma da tre settimane dopo essere stato aggredito in carcere ad Arles da un altro detenuto, un jihadista.

Forti reazioni sull’isola

"Yvan Colonna, patriota corso, vive per l’eternità. Noi saremo sempre al tuo fianco", ha twittato in lingua corsa il partito Femu a Corsica di Gilles Simeoni, il presidente autonomista del Consiglio esecutivo dell’isola. Poco prima la famiglia aveva confermato il decesso, chiedendo la massima riservatezza.

"Yvan Colonna, morto per la Corsica", ha postato, sempre su Twitter, Core in Fronte, il principale partito indipendentista, accompagnando il messaggio con una foto in bianco e nero del militante nazionalista. Dopo l’annuncio della morte di Colonna, alcune decine di persone si sono riunite a Bastia davanti al Palazzo di giustizia, appendendo striscioni con lo slogan "Statu francese assassinu".

Ad Ajaccio, davanti alla cattedrale, in silenzio, si sono radunati gruppi di persone. Messaggio minaccioso dall’associazione per la difesa dei prigionieri politici corsi Sulidarita, che ha twittato "Abbasso questo Stato francese assassino".

Picchiato perché avrebbe ‘parlato male del Profeta’

Yvan Colonna, 61 anni, al quale la giustizia aveva accordato una sospensione di pena alcuni giorni fa "per motivi medici", era stato ferito a morte da un detenuto radicalizzato camerunense di 36 anni, che lo aveva aggredito durante l’ora di sport. Franck Elong Abé, questo il nome dell’aggressore, scontava una pena a nove anni di carcere per associazione per delinquere di stampo terroristico. Ha giustificato il suo atto con il fatto che Colonna avrebbe bestemmiato e "parlato male del Profeta".

Proteste per l’aggressione: otto minuti senza che nessuno intervenisse

Le tensioni che sono seguite all’aggressione sono culminate il 13 marzo a Bastia con una manifestazione durante la quale 102 persone sono rimaste ferite, 77 tra le forze dell’ordine. Una protesta motivata in gran parte dalla lunghezza dell’aggressione a Colonna, circa otto minuti, sotto l’obiettivo di una telecamera di sorveglianza, senza che nessun sorvegliante intervenisse. Ad avvertire i secondini era stato addirittura l’aggressore.

Nell’isola, la settimana scorsa, una visita del ministro dell’Interno, Gérald Darmanin, aveva parzialmente riportato la calma. Darmanin ha illustrato per la prima volta nell’isola la disponibilità del governo a un dialogo che potrebbe "arrivare fino all’autonomia". L’inizio delle trattative è stato fissato per aprile.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
4 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
4 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
4 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
4 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
4 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
9 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
16 ore
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved