laRegione
07.03.22 - 18:58
Aggiornamento: 22:01

‘Z’ come... Zelensky: il mistero dei simboli sui tank russi

Cosa si cela dietro ai simboli comparsi su fiancate e posteriore dei veicoli militari pochi giorni prima dell’invasione in Ucraina?

z-come-zelensky-il-mistero-dei-simboli-sui-tank-russi
Keystone
Segni distintivi

Zeta come… Ovest. Forse. È una delle spiegazioni possibili per le quelle ‘Z’ distintive dipinte sulle fiancate dei carri armati russi e immortalate dalle immagini che hanno fatto il giro del mondo quando, all’alba del 24 febbraio, hanno dato inizio all’invasione dell’Ucraina. Ma una spiegazione, ‘scientifica’ o ufficiale che sia, ovviamente non c’è, perché di tattica militare pur sempre si tratta, e dunque coperta dallo specifico segreto.

Spazio allora alle possibili interpretazioni. Una tra le più plausibili, anche se non è la sola, è che la famigerata ‘Z’ altro non sia che l’iniziale di Zara, che in russo significa Ovest. E che quella lettera, notata in particolare sui mezzi militari in spostamento da Kursk e Belgorod, sia allora stata destinata alle unità con la missione di varcare il confine ucraino da est e dunque destinate a puntare a ovest per muoversi verso la capitale Kiev.

Un’altra ipotesi vorrebbe che la lettera altro non sia che l’iniziale dell’obiettivo simbolo dell’offensiva russa in Ucraina, e cioè il presidente Zelensky. A infittire il mistero è però anche il fatto che nell’alfabeto russo, così come lo conosciamo noi, il simbolo ‘Z’ non esiste. Altri carri armati coinvolti nell’offensiva, poi, oltre alla citata ‘Z’ recano sul lato e sulla loro parte posteriore pure un triangolo con due linee su entrambi i lati. Oppure ancora un cerchio con punti al suo interno, due triangoli l’uno incluso nell’altro, e forme di diamante.

Il fatto che questi simboli siano comparsi nei giorni immediatamente precedenti a quell’infausto 24 febbraio, per incomprensibili che restino ai più, un messaggio più o meno chiaro l’hanno comunque fornito: quello appunto dell’imminenza dell’inizio dell’offensiva vera e propria.

Uno ‘stratagemma’ già usato dagli americani nel Golfo

Come ‘leggerli’ allora questi simboli? Posto che la risposta certa non la si avrà probabilmente mai, ecco allora un’altra interessante chiave di lettura. Quella di un segno distintivo per evitare perdite dovute al ‘fuoco amico’, cosa che proprio all’armata russa era costata parecchie perdite nel conflitto in Georgia nel 2008. Stratagemma utilissimo soprattutto in un conflitto tra due Paesi che impiegano mezzi militari molto simili fra loro, e dunque facilmente confondibili.

Dagli errori si impara. Anche prendendo spunto da quanto fatto da altri Paesi. Come gli Stati Uniti che, nella Guerra del Golfo del 1991, sui loro mezzi militari decisero di dipingere un simbolo distintivo (nel caso specifico una ‘lambda’ nera) in modo da poter identificare subito i veicoli amici da quelli nemici.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Gallery
Italia
3 ore
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
19 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
2 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
© Regiopress, All rights reserved