laRegione
22.02.22 - 14:31

Archiviata l’inchiesta sui soldi di Fontana in Svizzera

Il governatore lombardo era indagato per autoriciclaggio e falso nella ‘voluntary disclosure’ per 5,3 milioni di euro depositati su un conto a Lugano

Ats, a cura de laRegione
archiviata-l-inchiesta-sui-soldi-di-fontana-in-svizzera
Keystone

Il giudice per le indagini preliminari (gip) di Milano Natalia Imarisio, su richiesta dei pubblici ministeri (pm), ha archiviato l’inchiesta in cui il governatore lombardo Attilio Fontana era indagato per autoriciclaggio e falso nella ‘voluntary disclosure’ in relazione a 5,3 milioni di euro che erano depositati su un conto a Lugano, scudati nel 2015, e in particolare su parte del denaro, 2,5 milioni, che gli inquirenti ritenevano frutto di presunta evasione fiscale.

Fontana, difeso dai legali Jacopo Pensa e Federico Papa, ha sempre ribadito che la somma regolarizzata 7 anni fa era il lascito ereditario della madre. La difesa depositò documenti a partire dal ’97 relativi ai conti svizzeri.

Il presidente della Regione Lombardia era indagato dallo scorso luglio nell’inchiesta sulla fornitura di camici da parte di un’azienda del cognato in piena emergenza Covid. Società che ricevette ad aprile da Aria, centrale acquisti regionale, una commessa di camici e altri dispositivi di protezione individuale (dpi) per 513mila euro, poi trasformata a maggio in parziale donazione, quando venne a galla il conflitto di interessi. Fontana si è sempre difeso dicendo che ha saputo dell’esistenza del denaro solo nel 2015 quando lo ereditò dalla madre e decise di aderire alla voluntary disclosure.

La vicenda in dettaglio

L’istanza di archiviazione dei pm Paolo Filippini e Carlo Scalas e dell’aggiunto Maurizio Romanelli era stata inoltrata al gip dopo che la Svizzera non aveva risposto a una rogatoria inviata a marzo dell’anno scorso, nonostante lo scorso settembre fosse stata sollecitata formalmente dalla Procura.

Fontana ha sempre spiegato che quella somma, regolarizzata 7 anni fa, era il lascito ereditario di sua madre. E per dimostrarlo, a metà maggio scorso, i suoi difensori hanno anche depositato documentazione bancaria a partire dal ’97 e relativa ai conti svizzeri, sostenendo che non c’era stato alcun versamento in contanti, ma che si trattava di denaro investito in titoli, fondi e altro, riconducibili alla madre. Poi, la parola è passata al gip che oggi ha depositato l’archiviazione.

Intanto, è fissata per il 18 marzo, davanti al gup di Milano Chiara Valori, l’udienza preliminare a carico del governatore Fontana e di altre 4 persone, tutte accusate di frode in pubbliche forniture per la vicenda dell’affidamento da parte di Aria S.p.A., centrale acquisti della Regione, di una fornitura, poi trasformata in donazione, da circa mezzo milione di euro di 75mila camici e altri dpi a Dama, società del cognato del presidente lombardo. Vicenda che, secondo l’indagine, avrebbe visto l’intervento del governatore con il tentativo di risarcire, per il mancato introito, il cognato con un bonifico – bloccato in quanto segnalato dalla Banca d’Italia come operazione sospetta – di 250mila euro prelevati dal conto in Svizzera. Da qui l’inchiesta autonoma per autoriciclaggio e falso in voluntary archiviata oggi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
iran
4 ore
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
4 ore
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
la guerra in ucraina
4 ore
Zelensky all’Ue: ‘Negoziati nel 2023’. Dubbi tra i 27
Michel insiste, indispettendo i russi: ‘Il vostro destino è con noi’
stati uniti
5 ore
Pallone-spia cinese sugli Usa, Blinken non va a Pechino
L’ira di Washington. La Cina si scusa: ‘Faceva solo rilievi meteo’
medio oriente
5 ore
La Siria restaura il museo di Palmira distrutto dall’Isis
Ma l’area è oggi una piazzaforte di milizie jihadiste filo-Iran
Cina
9 ore
‘Macché pallone spia: è una sonda per misurazioni meteo’
Pechino si rammarica per l’incidente: ‘Pronti a collaborare per un’adeguata gestione di questa situazione imprevista causata da forza maggiore’
Estero
16 ore
Il pallone aerostatico sorvola una base con missili nucleari
Gli Stati Uniti si dicono ‘molto sicuri’: ‘Si tratta di una spia cinese’. Ma per questioni di sicurezza non sarà abbattuto
oceania
1 gior
L’Australia non vuole Re Carlo sulle sue banconote
L’erede di Elisabetta non apparirà sui nuovi 5 dollari. Al suo posto una figura per onorare la cultura aborigena
asia
1 gior
Gli Usa sbarcano nelle Filippine, accordo anti-Cina
Altre 4 basi per la difesa a Taiwan, la vigilia dell’incontro Blinken-Xi si fa tesa
economia
1 gior
La Bce alza i tassi di mezzo punto
La mossa della Banca centrale europea fa seguito a quella della Fed, che aveva appena fissato un rialzo dello 0,25%
© Regiopress, All rights reserved