laRegione
18.02.22 - 10:13
Aggiornamento: 16:15

Liberata la svizzero-bielorussa Natallia Hersche

Si trovava in carcere da 17 mesi per aver partecipato a una manifestazione a Minsk contro il regime di Lukashenko

Ats, a cura de laRegione
liberata-la-svizzero-bielorussa-natallia-hersche
Keystone
Nel settembre 2020 in Bielorussia

Natallia Hersche, detenuta in Bielorussia da 17 mesi dopo aver preso parte a una manifestazione contro il regime del presidente Alexander Lukashenko, è stata liberata. Lo ha annunciato oggi il presidente della Confederazione Ignazio Cassis su Twitter. La donna ha la doppia nazionalità svizzera e bielorussa.

Hersche è stata ricevuta da suo fratello e dalla nuova ambasciatrice elvetica in Bielorussia Christine Honegger Zolotukhin. Ora tornerà nella Confederazione. "Sono lieto che gli sforzi diplomatici della Svizzera abbiano dato i loro frutti", ha aggiunto il ministro ticinese nel suo tweet.

Il rilascio è stato preceduto da intensi sforzi del Dipartimento federale degli affari esteri (Dfae) e di Cassis, durati quasi un anno e mezzo, precisa il Dipartimento in una nota.

Fin dall’arresto nel settembre 2020 e dopo la sua condanna a due anni e mezzo di prigione, le autorità competenti sono state in stretto contatto con Hersche, con la sua famiglia e con le autorità della Bielorussia e hanno lavorato ai possibili modi per garantire il suo rilascio. In totale i rappresentanti dell’ambasciata elvetica nella capitale bielorussa hanno visitato Hersche 14 volte.

L’ambasciatrice Honegger Zolotukhin è in carica a Minsk solo da questo mese: all’annuncio della sua nomina, il Dfae si era detto convinto del fatto che con una persona sul posto la Svizzera avrebbe potuto difendere meglio i propri interessi.

In piazza contro la rielezione Lukashenko

La 51enne sangallese era finita in manette dopo aver partecipato a una manifestazione a Minsk contro la rielezione del presidente Lukashenko il 19 settembre 2020.

Secondo alcune organizzazioni svizzere per i diritti umani, Hersche è stata condannata a due anni e mezzo di prigione nel dicembre 2020 "dopo un processo iniquo". Lo scorso settembre, il Dfae aveva confermato il suo trasferimento alla prigione di Mogilyov.

L’organizzazione per i diritti umani Libereco aveva presentato una petizione con 9’500 firme al Dfae dopo l’arresto di Hersche, nella quale si chiedeva a Cassis di rivolgersi direttamente al presidente bielorusso Lukashenko per ottenere il rilascio della donna.

Leggi anche:

Non è un paese per donne

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
16 ore
Biden pronto a parlare con Putin
Conferenza di pace a Parigi il 13 dicembre, l’annuncio durante la visita di Macron a Washington
coronavirus
16 ore
La Cina allenta la morsa, ‘sì all’isolamento a casa’
Aperture di Pechino dopo le proteste, mentre si prepara l’addio a Jiang Zemin
Estero
16 ore
Giallo su sei pacchi bomba in Spagna
Oltre all’ordigno esploso all’ambasciata ucraina a Madrid, ne sono stati notificati altri, pure all’indirizzo del premier Pedro Sánchez. Indagini in corso
la guerra in ucraina
16 ore
“La Nato non entrerà nel conflitto”
Mosca accusa l’Alleanza: ‘Ci fanno la guerra’. Stoltenberg risponde seccamente. Macron spinge per un negoziato: ‘Lo ritengo possibile’
Estero
19 ore
Svezia, vendesi casa... con il proprietario morto sotto il letto
Nessuno in due anni si era accorto del decesso dell’80enne ex padrone di casa, probabilmente a causa del cattivo odore e del disordine degli ambienti
Italia
21 ore
Chat neonazista con foto di abusi e piani di stragi: tre arresti
Nel canale Telegram gestito da due genovesi si programmava un attentato al parlamento italiano. Fra le accuse anche quella di istigazione al suicidio
Italia
22 ore
Maxisequestro di marijuana in provincia di Brescia
Nel mirino della Guardia di Finanza un’azienda che coltivava canapa legalizzata. Ma con Thc superiore al limite: confiscate due tonnellate
Città del Vaticano
23 ore
Congo e Sud Sudan nei piani di viaggio del Papa
Rinviata già a luglio a causa di problemi al ginocchio, la visita in Africa del Pontefice sarà recuperata tra fine gennaio e inizio febbraio
Italia
1 gior
Frana di Casamicciola, individuati altri due corpi
All’appello mancano ancora due persone. E nel pomeriggio è prevista una nuova riunione del Centro Coordinamento Soccorsi
Confine
1 gior
Falsi test positivi per il green pass, 11 indagati a Varese
I tamponi venivano effettuati da due infermieri conniventi all’esterno di una farmacia estranea alla vicenda. Costo totale: 500 euro
© Regiopress, All rights reserved