laRegione
azienda-di-armi-paga-per-la-strage-di-sandy-hook
L’arma usata per compiere la strage (Keystone)
stati uniti
15.02.22 - 22:05
Ansa, a cura de laRegione

Azienda di armi paga per la strage di Sandy Hook

Storico accordo: 73 milioni di dollari alle famiglie di nove vittime da parte di chi produsse il fucile del massacro.

Storico accordo tra la Remington Arms e le famiglie di nove delle 26 vittime della sparatoria nella scuola elementare Sandy Hook, che hanno pattuito un risarcimento di 73 milioni di dollari da parte della società produttrice del fucile semiautomatico in stile AR-15 usato nella strage del 2012.

È la prima volta negli Usa che una azienda di armi accetta la responsabilità di un “mass shooting”, in una causa che infligge un duro colpo all’industria del settore e crea un possibile precedente a favore delle vittime di altre sparatorie inaugurando una nuova strategia.

I ricorrenti infatti hanno dribblato la legge federale del 2005, che garantisce un’ampia immunità alle società produttrici di armi contro eventuali cause per le vittime o i danni provocati dai loro clienti. E hanno contestato la strategia di marketing dell’arma usata dal killer, sostenendo che il Bushmaster XM15 fu promosso consapevolmente e negligentemente come arma da guerra corteggiando i giovani a rischio, compresi quelli con problemi mentali, come l’autore della strage. Con ciò violando una legge del Connecticut.

Le famiglie

“Oggi non si tratta di rendere omaggio a nostro figlio Benjamin, oggi è come e perchè fu ucciso Ben", ha osservato Francine Wheeler, il cui figlio di 6 anni fu ucciso nella sparatoria. "Si tratta di quello che è giusto e di quello che è sbagliato: il nostro sistema giudiziario ci ha dato un po’ di giustizia oggi ma io e mio marito non avremo mai una vera giustizia, ossia avere qui con noi nostro figlio”, ha aggiunto. Le famiglie di cinque bambini e quattro adulti morti nella strage a Newtown, Connecticut, avevano fatto causa alla Remington nel 2015.


Un memoriale per le 26 vittime del massacro (Keystone)

La società aveva invocato la legge federale ma nel 2019 la corte suprema aveva ignorato il suo appello lasciando proseguire l’azione legale. La compagnia aveva offerto quindi 33 milioni, meno della metà di quello concordato ora. Ma nel frattempo Remington, una dei più vecchi produttori di armi in Usa (è stata fondata nel 1816), ha chiesto per la seconda volta la bancarotta nel 2020: gli affari sono andati male dopo la sparatoria, tra cause e restrizioni nelle vendite. I suoi asset sono stati venduti e a pagare il risarcimento sono state di fatto quattro società assicurative. L’accordo dunque è un monito non solo per l’industria delle armi ma anche per le compagnie bancarie e assicurative che la sostengono.

Il killer

Nella sparatoria di Sandy Hook, che sconvolse il mondo intero e vide piangere Barack Obama, morirono 20 alunni e sei insegnanti. Ad ucciderli fu il 20enne Adam Lanza con un Ar-15 legalmente detenuto dalla madre: prima ammazzò lei a casa, poi fece irruzione a scuola, quindi si tolse la vita. Da allora le sparatorie sono proseguite senza che neppure l’amministrazione Biden e un Congresso in mano ai dem siano riusciti ad imprimere una vera stretta alle circolazione delle armi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
armi dollari fucile sandy hook sparatoria stati uniti strage vittime
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Stati Uniti
2 ore
Trump aveva sottratto carte su sicurezza nazionale
È quanto indicano i documenti procedurali legati alla perquisizione della villa in Florida dell’ex presidente degli Stati Uniti
stati uniti
9 ore
‘Trump ha sottratto carte relative alla sicurezza nazionale’
È quel che rivela la Cnn citando i documenti del giudice Reinhart: l’ex presidente avrebbe cercato di ostruire un’indagine federale
austria
11 ore
Tempesta di vento: 5 morti, tra cui 2 bambini
Due vittime anche in Italia per il maltempo. Inondazioni in Cina, incendi con almeno 38 morti in Algeria.
la guerra in ucraina
11 ore
Erdogan da Zelensky: ‘La Turchia sta con Kiev’
L‘incontro con il capo di Stato turco e il Segretario dell’Onu Guterres. Allarme rosso su Zaporizhzhia: ’Non diventi una nuova Chernobyl’
pacifico
12 ore
Usa e Taiwan lanciano negoziati commerciali, ira della Cina
Sale ancora la tensione con Pechino dopo la visita di Pelosi a Taipei
Estero
13 ore
Per eludere fisco e obblighi vaccinali si inventano una nazione
Lo Stato Teocratico Antartico di S. Giorgio, con tanto di capo di Stato, governo, ministri concede ‘documenti’ e vantaggi fiscali. Ma non esiste
Confine
17 ore
Multe ricevute a Como, i ticinesi puntuali nei pagamenti
Il 90% delle sanzioni vengono subito saldate. Nei mesi scorsi avevano fatto discutere le critiche del sindaco agli automobilisti elvetici
Cuba
17 ore
Sedici i morti nell’incendio all’area di stoccaggio di petrolio
A causare il rogo del 5 agosto nella provincia occidentale di Matanzas era stato un fulmine. Fra le vittime molti Vigili del fuoco
Stati Uniti
17 ore
Teenager usa la pillola abortiva: accuse penali per la madre
La giovane ne ha fatto ricorso all’inizio del terzo trimestre di gravidanza: ben oltre il limite massimo previsto nello Stato del Nebraska
Estero
18 ore
Addio a Ghedini, l’amico e storico avvocato di Berlusconi
Aveva 62 anni. Sua l’espressione ‘utilizzatore finale e quindi mai penalmente punibile’ in difesa del Cavaliere nei processi sui rapporti con le escort
© Regiopress, All rights reserved