laRegione
ucraina
15.02.22 - 21:33
Aggiornamento: 23:12

Prove di pace a un passo dalla guerra

Mosca ritira una parte delle sue truppe, ma chiede che Kiev non aderisca alla Nato. La Casa Bianca: ‘Pronti ad assumere impegni scritti’.

Ansa, a cura de laRegione
prove-di-pace-a-un-passo-dalla-guerra
Vladimir Putin (Keystone)

Mosca – La crisi in Ucraina è ben lontana dall’essere risolta, tuttavia c’è – finalmente – qualche squarcio di luce, sebbene non sufficiente a dichiararsi ottimisti. Vladimir Putin ha dato un primo segnale di distensione autorizzando l’inizio del ritiro delle truppe dal confine e assicurando di non volere la guerra, ma la Nato ha espresso dubbi su una reale de-escalation sul terreno. E anche il presidente Usa Joe Biden ha replicato con massima cautela, affermando che un attacco russo resta ancora una possibilità concreta.


Soldati americani diretti in Polonia (Keystone)

Le richieste del Cremlino

La disponibilità del leader del Cremlino a dialogare sulla sicurezza regionale, espressa ricevendo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, non ha chiarito come si scioglierà il nodo più intricato della partita: il braccio di ferro sull’ingresso di Kiev nella Nato. Perché Mosca insiste, non dovrà accadere mai; ma gli occidentali non possono accettarlo, almeno formalmente e per iscritto, come vorrebbe il Cremlino.

Biden ha dato voce ai dubbi degli occidentali ma anche alla loro cauta disponibilità: “Gli Usa sono preparati, a prescindere da quello che accade - ha spiegato in serata dalla Casa Bianca - un attacco all’Ucraina resta sempre possibile“. Per il presidente, gli Stati Uniti “non hanno ancora verificato in questa fase” l’effettivo ritiro dei russi dal confine ucraino, ma ha aggiunto: “Siamo desiderosi di negoziare accordi scritti con la Russia” e di proporre “nuove misure sul controllo degli armamenti e sulla trasparenza”, perché alla diplomazia deve essere data “ogni possibilità di avere successo”. "Non vogliamo destabilizzare la Russia”, ha quindi assicurato. “Difenderemo però ogni centimetro del territorio Nato. Non sacrificheremo i principi fondamentali - ha detto - per placare la Russia”, aggiungendo che l’Occidente è unito sulla crisi ucraina.

I movimenti dal fronte

All’indomani degli annunci sui media americani di un’imminente invasione russa, in mattinata il ministero della Difesa di Mosca aveva fatto sapere che “unità dei distretti militari meridionali e occidentali che hanno completato i loro compiti” nelle esercitazioni alla frontiera hanno iniziato a rientrare nelle basi. Un ritiro “pianificato“, ha chiarito il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, respingendo gli allarmi diffusi come “terrorismo mediatico“, frutto “dell’isteria occidentale”. Per la Nato però “non ci sono segnali sul terreno che la Russia stia riducendo le truppe ai confini dell’Ucraina”, ha affermato il segretario generale Jens Stoltenberg. Che ha chiesto anche il ritiro dei mezzi pesanti e dell’equipaggiamento militare.

A rafforzare lo scetticismo occidentale è arrivata la denuncia di Kiev di un cyberattacco ai siti del ministero della Difesa e di due banche pubbliche. Un segnale, se confermato, di un nuovo attacco ibrido con la probabile regia di Mosca.

L’incontro con Scholz

Al Cremlino nel frattempo è andato in scena l’evento clou della giornata negoziale, con il faccia a faccia tra Vladimir Putin e Olaf Scholz. Il cancelliere tedesco ha teso una mano, sottolineando che la sicurezza dell’Europa "non può essere costruita contro la Russia ma in cooperazione con la Russia”. Putin ha apprezzato, spiegando che ci sono “elementi” su cui è pronto a lavorare e che "ovviamente - ha detto - non voglio la guerra”. Ma gli spunti di ottimismo sono tutti qui.

Il leader russo, come di consueto, ha mostrato i muscoli, avvertendo che i colloqui "non possono andare troppo per le lunghe”. E non ha rinunciato a una tirata contro gli occidentali: “Da 30 anni ci dicono che non allargheranno la Nato verso la Russia ma è sempre successo”, ha accusato, rifiutando la tesi che l’adesione dell’Ucraina non sia al momento in agenda. “Che accada domani o dopodomani, per noi sarà lo stesso, la questione va risolta ora”, ha avvertito. Su questo tema “non si negozia”, è stata però la replica di Scholz.

Per superare la crisi le cancellerie puntano ancora sull’applicazione degli accordi di Minsk, che prevedono anche una maggiore autonomia del sud-est ucraino. Da Mosca, tuttavia, sono arrivati segnali che rischiano di far saltare il tavolo.


Un soldato ucraino davanti alla tomba di un commilitone (Keystone)

I nodi Donetsk e Lugansk

La Duma, la camera bassa del parlamento, ha approvato una richiesta a Putin perché riconosca le autoproclamate repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk. Tra le proteste dell’Ue e della Nato. Intanto, i capi delle diplomazie russa e americana Lavrov e Blinken hanno avuto un nuovo colloquio telefonico, Biden ha parlato con Emmanuel Macron della necessità di “verificare” il ritiro delle forze russe.

A Kiev intanto sono spuntati i nastrini gialli e blu, i colori della bandiera, in vista della Giornata dell’unità indetta per quest’oggi dal presidente Zelensky: questa era la data indicata dall’intelligence americana come quella di un eventuale attacco della Russia. “Gli Usa hanno detto anche a che ora inizia la guerra?”, ha ironizzato Putin con i suoi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
8 ore
Milano, per gas e luce 30 milioni di euro in più
Già l’anno scorso il capoluogo lombardo aveva dovuto far fronte a un aumento di 70 milioni di euro. E per li 2023 il caro-bollette si farà ancora sentire
Italia
11 ore
Milano capitale italiana per numero di furti
Se ne registrano quasi tremila ogni centomila abitanti. Pure in aumento, nel capoluogo lombardo, il numero di femminicidi
Estero
13 ore
Lavoratrice in difficoltà, i colleghi le donano 170 ore di ferie
Per assistere la figlia gravemente malata, la donna aveva esaurito tutti i suoi congedi. Ora potrà assentarsi per un intero mese
Confine
13 ore
Tir carico di hashish, fra gli arrestati pure un ticinese
Al volante del mezzo c’era un 38enne ucraino, che avrebbe dovuto consegnare il carico a due complici, fra cui un 55enne di Bodio
Italia
16 ore
Tornano a circolare i treni sull’Adriatica
Graduale ritorno alla normalità sulla rete ferroviaria dopo che la circolazione era stata sospesa a seguito del terremoto che aveva interessato la zona
Nuova Zelanda
18 ore
Le piogge torrenziali fanno almeno tre morti ad Auckland
Il primo ministro neozelandese: ‘Il livello di devastazione in alcune aree è considerevole’. C’è anche un disperso
Italia
18 ore
La terra trema ancora nel Cesenate, treni fermi
Dopo la scossa registrata all’alba, la circolazione ferroviaria in Romagna è stata precauzionalmente sospesa
gerusalemme
1 gior
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
1 gior
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
1 gior
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
© Regiopress, All rights reserved