laRegione
prove-di-pace-a-un-passo-dalla-guerra
Vladimir Putin (Keystone)
ucraina
15.02.22 - 21:33
Aggiornamento: 23:12
Ansa, a cura de laRegione

Prove di pace a un passo dalla guerra

Mosca ritira una parte delle sue truppe, ma chiede che Kiev non aderisca alla Nato. La Casa Bianca: ‘Pronti ad assumere impegni scritti’.

Mosca – La crisi in Ucraina è ben lontana dall’essere risolta, tuttavia c’è – finalmente – qualche squarcio di luce, sebbene non sufficiente a dichiararsi ottimisti. Vladimir Putin ha dato un primo segnale di distensione autorizzando l’inizio del ritiro delle truppe dal confine e assicurando di non volere la guerra, ma la Nato ha espresso dubbi su una reale de-escalation sul terreno. E anche il presidente Usa Joe Biden ha replicato con massima cautela, affermando che un attacco russo resta ancora una possibilità concreta.


Soldati americani diretti in Polonia (Keystone)

Le richieste del Cremlino

La disponibilità del leader del Cremlino a dialogare sulla sicurezza regionale, espressa ricevendo il cancelliere tedesco Olaf Scholz, non ha chiarito come si scioglierà il nodo più intricato della partita: il braccio di ferro sull’ingresso di Kiev nella Nato. Perché Mosca insiste, non dovrà accadere mai; ma gli occidentali non possono accettarlo, almeno formalmente e per iscritto, come vorrebbe il Cremlino.

Biden ha dato voce ai dubbi degli occidentali ma anche alla loro cauta disponibilità: “Gli Usa sono preparati, a prescindere da quello che accade - ha spiegato in serata dalla Casa Bianca - un attacco all’Ucraina resta sempre possibile“. Per il presidente, gli Stati Uniti “non hanno ancora verificato in questa fase” l’effettivo ritiro dei russi dal confine ucraino, ma ha aggiunto: “Siamo desiderosi di negoziare accordi scritti con la Russia” e di proporre “nuove misure sul controllo degli armamenti e sulla trasparenza”, perché alla diplomazia deve essere data “ogni possibilità di avere successo”. "Non vogliamo destabilizzare la Russia”, ha quindi assicurato. “Difenderemo però ogni centimetro del territorio Nato. Non sacrificheremo i principi fondamentali - ha detto - per placare la Russia”, aggiungendo che l’Occidente è unito sulla crisi ucraina.

I movimenti dal fronte

All’indomani degli annunci sui media americani di un’imminente invasione russa, in mattinata il ministero della Difesa di Mosca aveva fatto sapere che “unità dei distretti militari meridionali e occidentali che hanno completato i loro compiti” nelle esercitazioni alla frontiera hanno iniziato a rientrare nelle basi. Un ritiro “pianificato“, ha chiarito il ministro degli Esteri Sergei Lavrov, respingendo gli allarmi diffusi come “terrorismo mediatico“, frutto “dell’isteria occidentale”. Per la Nato però “non ci sono segnali sul terreno che la Russia stia riducendo le truppe ai confini dell’Ucraina”, ha affermato il segretario generale Jens Stoltenberg. Che ha chiesto anche il ritiro dei mezzi pesanti e dell’equipaggiamento militare.

A rafforzare lo scetticismo occidentale è arrivata la denuncia di Kiev di un cyberattacco ai siti del ministero della Difesa e di due banche pubbliche. Un segnale, se confermato, di un nuovo attacco ibrido con la probabile regia di Mosca.

L’incontro con Scholz

Al Cremlino nel frattempo è andato in scena l’evento clou della giornata negoziale, con il faccia a faccia tra Vladimir Putin e Olaf Scholz. Il cancelliere tedesco ha teso una mano, sottolineando che la sicurezza dell’Europa "non può essere costruita contro la Russia ma in cooperazione con la Russia”. Putin ha apprezzato, spiegando che ci sono “elementi” su cui è pronto a lavorare e che "ovviamente - ha detto - non voglio la guerra”. Ma gli spunti di ottimismo sono tutti qui.

Il leader russo, come di consueto, ha mostrato i muscoli, avvertendo che i colloqui "non possono andare troppo per le lunghe”. E non ha rinunciato a una tirata contro gli occidentali: “Da 30 anni ci dicono che non allargheranno la Nato verso la Russia ma è sempre successo”, ha accusato, rifiutando la tesi che l’adesione dell’Ucraina non sia al momento in agenda. “Che accada domani o dopodomani, per noi sarà lo stesso, la questione va risolta ora”, ha avvertito. Su questo tema “non si negozia”, è stata però la replica di Scholz.

Per superare la crisi le cancellerie puntano ancora sull’applicazione degli accordi di Minsk, che prevedono anche una maggiore autonomia del sud-est ucraino. Da Mosca, tuttavia, sono arrivati segnali che rischiano di far saltare il tavolo.


Un soldato ucraino davanti alla tomba di un commilitone (Keystone)

I nodi Donetsk e Lugansk

La Duma, la camera bassa del parlamento, ha approvato una richiesta a Putin perché riconosca le autoproclamate repubbliche separatiste di Donetsk e Lugansk. Tra le proteste dell’Ue e della Nato. Intanto, i capi delle diplomazie russa e americana Lavrov e Blinken hanno avuto un nuovo colloquio telefonico, Biden ha parlato con Emmanuel Macron della necessità di “verificare” il ritiro delle forze russe.

A Kiev intanto sono spuntati i nastrini gialli e blu, i colori della bandiera, in vista della Giornata dell’unità indetta per quest’oggi dal presidente Zelensky: questa era la data indicata dall’intelligence americana come quella di un eventuale attacco della Russia. “Gli Usa hanno detto anche a che ora inizia la guerra?”, ha ironizzato Putin con i suoi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cremlino guerra kiev mosca nato russia ucraina vladimir putin volodymyr zelensky
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
11 min
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
1 ora
Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida
Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
2 ore
Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila
Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
2 ore
Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’
Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
3 ore
In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss
Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
4 ore
Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya
Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
5 ore
Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino
La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
6 ore
Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos
Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
Estero
8 ore
Salman Rushdie staccato dal respiratore e riesce a parlare
Lo scrittore era stato colpito venerdi a New York con dieci coltellate ed era in condizioni gravi
Italia
10 ore
Milano capitale d’Italla delle multe: 102 milioni di incassi
A Napoli soli 27mila euro dagli autovelox. Il record a Melpignano: 5 milioni di incassi (2’300 a cittadino, se rapportato al numero di abitanti)
© Regiopress, All rights reserved