laRegione
macron-annuncia-il-rinascimento-del-nucleare-francese
Depositphotos
10.02.22 - 18:59
Aggiornamento: 20:28
Ats, a cura de laRegione

Macron annuncia il ‘rinascimento del nucleare francese’

Nel suo piano di rilancio il presidente intende costruire almeno sei reattori entro il 2050

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato una massiccia espansione dell’energia nucleare. L’obiettivo è di costruire sei nuovi reattori di seconda generazione e si sta parlando di crearne otto supplementari entro il 2050. “Questo è il rinascimento del nucleare francese”. Allo stesso tempo, ha detto il presidente, la durata di vita di tutte le centrali esistenti verrebbe estesa se la sicurezza lo permettesse. Nessuna centrale elettrica dovrebbe essere tolta dalla rete se non ci sono ragioni di sicurezza impellenti per farlo, ha precisato. La compagnia elettrica Edf è stata incaricata di esaminare se il tempo di funzionamento delle centrali nucleari può essere esteso oltre i 50 anni.

Il Paese vuole essere ‘indipendente e libero’

La Francia è il secondo produttore mondiale di energia nucleare dopo gli Stati Uniti. Attualmente il Paese conta 56 centrali e anche dopo il disastro di Fukushima, in Giappone nel 2011, il Paese è rimasto fedele a questo tipo di produzione di energia. “La Francia sceglie la sua indipendenza e la sua libertà”, ha detto Macron, che ha descritto il nucleare come un elemento indispensabile della transizione energetica. Sulla strada verso la neutralità del carbonio, ha detto, la domanda di elettricità aumenterà del 60 per cento, e le energie rinnovabili da sole non potrebbero coprirla. Il modo più sicuro e pulito per raggiungere questo obiettivo è l’energia nucleare, che crea anche posti di lavoro e guida l’industrializzazione del Paese.

Espansione delle energie rinnovabili

Allo stesso tempo, Macron ha annunciato un’espansione delle energie rinnovabili. Esse sono ora più redditizie, competitive e disponibili prima dei nuovi reattori nucleari. Soprattutto l’energia solare deve essere ampliata, ma anche quella eolica offshore con circa 50 nuovi parchi eolici in mare entro il 2050. La produzione di energia da fonti rinnovabili deve essere raddoppiata entro il 2030 e ulteriormente aumentata entro il 2050.

Macron ha comunicato i nuovi piani energetici e nucleari a Belfort presso il sito di produzione delle turbine attualmente più potenti per le centrali nucleari. All’inizio della giornata, la società energetica francese Edf, prevalentemente statale, aveva annunciato un accordo per riacquistare una quota di maggioranza della sua divisione di turbine nucleari ‘Ge steam power’ dalla società statunitense General electic (Ge), con Belfort come sito principale. La divisione nucleare di Belfort, che prima apparteneva al gruppo Alstom, è stata venduta alla società statunitense nel 2015 durante il periodo di Macron come ministro dell’Economia e ora sta tornando in mani francesi.

Preoccupazione per alcune vecchie centrali

Attualmente, però, la compagnia elettrica Edf è preoccupata per le centrali nucleari difettose. A causa di possibili danni da corrosione, già l’anno scorso cinque sono state tolte dalla rete per lavori di manutenzione. Tre giorni fa, Edf ha annunciato la revisione di altri tre impianti a causa di possibili danni e ha corretto al ribasso la produzione di energia nucleare prevista per il 2021.

L’escalation dei costi e i problemi tecnici avevano recentemente ostacolato l’espansione dell’energia nucleare di Edf. Un controverso reattore nucleare a Flamanville sulla Manica, la cui costruzione è iniziata nel 2007, ha ottenuto solo di recente una licenza di funzionamento.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emmanuel macron nucleare
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Media britannici: ‘Boris Johnson si dimetterà oggi’
Anche il neo cancelliere Zahawi sollecita ‘BoJo’ a ritirarsi. Secondo la Bbc il nuovo primo ministro dovrebbe entrare in carica in autunno
Estero
2 ore
Quattro anni dopo, inizia il processo per il ponte Morandi
La maggior parte degli imputati è composta da dirigenti e tecnici di Autostrade per l’Italia e della società d’ingegneria Spea
Estero
3 ore
Regno Unito, lascia anche il ministro per l’Irlanda del Nord
‘L’esecutivo è ormai oltre il punto di non ritorno’, riferisce lo stesso Brandon Lewis.
la conferenza di lugano
4 ore
‘Il 30% del Paese è distrutto, un nuovo ponte può salvare vite’
Il ministro delle Infrastrutture ucraino Kubrakov chiede aiuti subito, anche modesti: ‘Con 500 mila euro strutture temporanee che possono essere decisive’
Estero
18 ore
Un ginecologo olandese ha generato almeno 41 figli con l’inganno
Il medico, morto nel 2019, ha utilizzato segretamente il proprio sperma anziché quello di un donatore anonimo, nel corso dei trattamenti di fertilità
Estero
18 ore
Anche i ministri ancora fedeli chiedono a Johnson di lasciare
Una delegazione di almeno una mezza dozzina di membri del Consiglio di gabinetto annunciano di voler chiedere al primo ministro di dimettersi
Estero
18 ore
Salgono a 9 le vittime del disastro della Marmolada
Sono due in più rispetto a ieri. Cinque i morti non ancora identificati
Estero
19 ore
Tre accuse di stupro per un giocatore della Premier League
Il calciatore, la cui identità non è nota, è libero su cauzione. Secondo i media inglesi fa parte di una Nazionale qualificata ai Mondiali in Qatar
Estero
20 ore
Hong Kong: autori di libri per bambini accusati di sedizione
Cinque persone sono accusate di aver ritratto pecore e lupi riferendosi metaforicamente agli abitanti della città e alla Cina
Estero
23 ore
Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro
Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
© Regiopress, All rights reserved