laRegione
07.02.22 - 18:35

M5S, tutto da rifare: il tribunale annulla l’elezione di Conte

Accolto il ricorso di un gruppo di attivisti. Sospese le modifiche allo Statuto che creavano la carica di presidente e l’elezione ad essa dell’ex premier

m5s-tutto-da-rifare-il-tribunale-annulla-l-elezione-di-conte
Keystone

Il Movimento Cinque Stelle si ritrova di colpo “decapitato”: Il Tribunale civile di Napoli ha sospeso in via cautelare l’efficacia delle delibere con le quali lo scorso agosto veniva modificato lo statuto ed eletto come presidente l’ex premier Giuseppe Conte. La decisione accoglie il ricorso di tre militanti in rappresentanza di centinaia di iscritti. Il provvedimento del tribunale, scrive la stampa italiana, ha evidenziato “gravi vizi decisionali” nel processo che ha portato prima alla creazione nello Statuto della carica di presidente, e poi all’elezione di Conte.

In particolare, il tribunale ha rilevato come le modifiche allo Statuto siano state approvate da un’assemblea dalla quale erano stati illegittimamente esclusi circa 80’000 votanti in quanto iscritti da meno di sei mesi: ciò che ha comportato che alla votazione hanno partecipato meno persone di quelle richieste dallo stesso Statuto per la validità delle deliberazioni. In sostanza, quindi, a deliberare per l’elezione di Conte a presidente del Movimento doveva essere la maggioranza non dei votanti ma degli iscritti. Contestato, inoltre, anche il fatto che Conte al momento dell’elezione non fosse iscritto al Movimento.

Ora, secondo il legale Lorenzo Borré che ha assistito i tre militanti, con la sospensione delle modifiche torna in vigore il vecchio Statuto: la parola, insomma, ritorna al fondatore e Garante Beppe Grillo e andrà nominato nuovamente il comitato direttivo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Canada
2 ore
L’uragano Fiona lascia 500mila case senza corrente
Lo riferisce l’azienda elettrica locale, Nova Scotia Power, secondo quanto riportato da Cbc
Stati Uniti
4 ore
Problemi ai finestrini: le auto di Tesla tornano in garage
Richiamate 1,1 milioni di vetture per un aggiornamento del software che permetterà di ovviare a un malfunzionamento
Turchia
8 ore
‘Il referendum russo? Non lo riconosciamo’
Lo ha affermato il portavoce della presidenza turca Ibrahim Kal. La stessa cosa accadde anche per il referendum in Crimea nel 2014
Estero
9 ore
L’ultimo addio ad Abe
I funerali dell’ex premier giapponese, ucciso in un attentato, si terranno il prossimo 27 settembre
Estero
13 ore
La politica è un Hobbit (o un pelaverdure)
Cronaca semiseria dei comizi che hanno chiuso la campagna elettorale italiana, nell’attesa che arrivi domenica.
Estero
22 ore
Guardie armate porta a porta, al via i referendum in Ucraina
Milioni chiamati alle ‘urne’. Intanto il patriarca Kirill invita a combattere. E decine di migliaia di russi scappano all’estero
Estero
22 ore
Per l’ambasciatore svizzero l’occupazione di Izyum è ‘barbaria’
Dura presa di posizione della sede diplomatica elvetica in Ucraina. Visitati da Claude Wild i centri distrutti dagli occupanti russi
Stati Uniti d’America
23 ore
Aborto: ‘Datemi due senatori e ne farò una legge’
Duro attacco del presidente Biden alla fronda repubblicana: ‘Non sanno assolutamente nulla delle donne americane’
Italia
23 ore
Il piccolo Mattia risucchiato dall’acqua e dal fango per 13 km
Ritrovato l’ultimo disperso dell’alluvione che si è scagliata sulle Marche lo scorso 15 settembre. Il grande dolore dei genitori
Italia
1 gior
‘Cosa nostra, c’è il rischio di un ritorno a un passato buio’
La sorella del giudice Giovanni Falcone, ucciso dalla mafia, sui recenti casi di politici arrestati per infiltrazioni mafiose
© Regiopress, All rights reserved