laRegione
russia
02.02.22 - 21:40

L’arma del gas, dimezzati a gennaio i flussi Gazprom

Depositi e transito ai minimi, la strategia di Mosca per spaventare l’Europa

Ansa, a cura de laRegione
l-arma-del-gas-dimezzati-a-gennaio-i-flussi-gazprom
Una mappa del gas su un container (Keystone)

Vladimir Putin ha sempre sostenuto, e continua a sostenere, che l’Unione Sovietica prima e la Russia poi si sono sempre dimostrati un fornitore di energia “affidabile” per l’Europa e che i flussi non si sono mai fermati, nonostante i periodi di tensione tra i due blocchi. Il che è vero. Ma in un sistema economico altamente integrato, basta la volatilità a causare gravi danni. Cioè quanto sta accadendo ora. L’Ue accusa apertamente Mosca di usare il gas come “un’arma”, infrangendo dunque quel ‘patto fra gentiluomini’ che legherebbe a doppio filo l’Europa (consumatrice) alla Russia (produttore). Putin nega. Ma i dati raccontano altro.

‘Contratti rispettati’

Gazprom, il colosso del gas, assicura che i contratti con i suoi clienti europei vengono “rispettati in pieno”. Eppure l’European Union Agency for the Cooperation of Energy Regulators (ACER) mostra chiaramente che nel trimestre ottobre-dicembre 2021 i flussi di metano russo verso l’Ue sono calati, rispetto 2020, del 24%. Non solo. La stessa Gazprom rivela che a gennaio, in pieno inverno, in piena crisi energetica, le esportazioni verso l’Ue sono crollate del “41,3%” se paragonate al 2021.

La commissaria Ue all’Energia Kadri Simson nota poi che i gasdotti russi viaggiano a una capacità “del 50%” più bassa della media e che i depositi Gazprom sono pieni “al 16%”. Dunque qualcosa non torna. Il dettaglio indiavolato è presto svelato: da una parte ci sono i contratti a lungo termine (graditi dal Cremlino) e dall’altra il mercato spot, soggetto alle leggi della domanda-offerta (incoraggiato dalla Commissione per favorire la competizione e la trasparenza). Ecco, la Russia, nel momento del bisogno, non avrebbe aperto i rubinetti per vendere sullo spot, facendo schizzare i prezzi.


Un impianto del gas a Volvovets, in Ucraina (Keystone)

Attese risposte

La Commissione ha già aperto un’indagine per capire se Gazprom ha violato le regole della concorrenza e sta aspettando che il colosso russo fornisca la risposta ad alcune domande precise. Sia coma sia, resta immutato (spot o no) che il metano di Putin, in gran parte, arriva in Europa coi gasdotti. E qui si apre un’altra questione. Ovvero il rapporto coi Paesi di transito.

L’Ucraina chiede il rispetto del suo ruolo (geografico) e di non essere tagliata fuori da rotte alternative, come il Nord Stream 2. Ma il gas che passa dall’Ucraina costa di più - perché si paga il transito a Kiev - e inoltre lo fa attraverso una struttura vetusta e poco manutenuta. “Se aumentiamo la pressione il gasdotto esplode”, ha ammonito Putin a dicembre. Morale. Le forniture - dati del Bruegel - sono rimaste più o meno stabili, o persino aumentate, attraverso il Nord Stream e il TurkStream (dunque le rotte nuove) e invece sono crollate in Bielorussia e Ucraina.

Messaggio chiaro

Insomma, la Russia sembra lanciare un messaggio chiaro: il gas è suo e vuole avere voce in capitolo nel modo in cui lo vende all’Europa, specie ora che (lo dice la stessa Ue) da qui al 2030 la domanda crescerà e il metano servirà alla “transizione” verso le emissioni zero. Ma il rischio, per Putin, è di ‘alienare’ il suo cliente maggiore, ottenendo persino l’effetto contrario: un distanziamento dell’Europa dal gas russo. Se potrà permetterselo, però, è ancora da capire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
9 ore
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
10 ore
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
10 ore
‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’
Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Confine
15 ore
Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio
Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
Gallery
Italia
21 ore
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna
Italia
1 gior
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
2 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
2 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
2 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
2 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
© Regiopress, All rights reserved