laRegione
biden-invia-3-000-soldati-in-europa-scontro-con-mosca
Un soldato ucraino (Keystone)
caso ucraina
02.02.22 - 21:55
Ansa, a cura de laRegione

Biden invia 3’000 soldati in Europa, scontro con Mosca

I russi: ‘Mossa distruttiva’. Ma gli Usa offrono un compromesso per fermare l’escalation

Si alzano i toni dello scontro tra gli Usa e la Russia, con Washington che decide l’invio di altri 3’000 soldati nei Paesi alleati dell’Europa orientale e Mosca che reagisce duramente definendola un’iniziativa “distruttiva”. Ma nel frattempo uno scoop del Pais - che nessuno ha smentito - rivela che Joe Biden starebbe offrendo a Vladimir Putin un compromesso per risolvere la crisi ucraina, venendo incontro alle ormai famose garanzie di sicurezza chieste dal Cremlino.

L’iniziativa militare annunciata dal Pentagono prevede l’invio di 2’000 soldati in Polonia e Germania, mentre altri 1’000 saranno riposizionati dalla stessa Germania in Romania, su richiesta del governo di Bucarest. Questi soldati non fanno parte degli 8.500 messi in allerta dagli Usa per essere eventualmente schierati in tempi rapidi nell’ambito della Forza di reazione della Nato (Nrf). Si tratta quindi di una forza a guida americana che, assicura Washington, servirà solo a rassicurare i Paesi del fianco est dell’Alleanza atlantica nel caso di un attacco russo all’Ucraina, ma non saranno schierati come truppe di combattimento a Kiev.

‘Segnale forte’

“È importante mandare un forte segnale non solo a Vladimir Putin ma al mondo”, ha detto il portavoce del Pentagono John Kirby. A Kiev continua intanto la processione dei leader europei. Oggi è stato il turno del premier olandese Mark Rutte, all’indomani dei capi del governo britannico e polacco e alla vigilia di una missione prevista del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. Putin ha avuto una conversazione telefonica con Boris Johnson, annunciata da Londra per lunedì ma poi rinviata. Mentre il presidente francese Emmanuel Macron non esclude a questo punto di recarsi personalmente a Mosca.

Kiev chiede chiarezza

L’Ucraina, che peraltro continua a non credere ad un’invasione imminente, ringrazia per l’appoggio e per gli aiuti, ma lamenta velatamente che da parte della Ue non vi sia ancora chiarezza su quelle che sarebbero le reazioni concrete a un eventuale attacco russo. L’Unione, afferma il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba, deve finalizzare la lista delle sanzioni e renderla disponibile per tutti così che “Mosca possa vedere cosa l’aspetta in caso di invasione”.

Sotto ai proclami cominciano comunque a delinearsi i contenuti concreti delle trattative in corso tra Washington e Mosca. Secondo El Pais, che afferma di essere venuto in possesso delle risposte scritte fornite dagli Usa e dalla Nato alle richieste russe, gli Stati Uniti sarebbero pronti a fare qualche concessione, pur respingendo come noto la pretesa che Kiev si impegni a non entrare mai nel Patto atlantico.


Putin e Biden a Ginevra nel 2021 (Keystone)

Gli Usa propongono in particolare alla Russia un accordo in base al quale entrambe le parti si impegnerebbero a non schierare in Ucraina “missili offensivi da terra e forze permanenti per missioni di combattimento”. A Mosca verrebbero inoltre fornite garanzie che i missili da crociera Tomahwk, in grado di raggiungere il territorio russo, non saranno schierati nelle basi Nato in Romania e Bulgaria, che ospitano il sistema Aegis. In cambio Mosca dovrebbe fare altrettanto in due basi russe a sua scelta.

L’unico commento è venuto dall’Ucraina: “Noi non opporremmo obiezioni”, ha detto il ministro Kuleba, sottolineando che il patto obbligherebbe i russi a ritirare le loro forze dalle parti del Paese fuori dal controllo di Kiev. Ogni giorno che passa però il braccio di ferro con l’Occidente rafforza l’asse tra Russia e Cina. Putin vedrà il presidente cinese Xi Jinping nei prossimi giorni a Pechino, dove si recherà per la cerimonia inaugurale dell’Olimpiade invernale. I due leader, fa sapere un consigliere del Cremlino, firmeranno una “dichiarazione congiunta sulle relazioni internazionali” sottolineando le “visioni comuni” sulla sicurezza.

Il caso Russia Today

A contribuire all’aumento delle tensioni tra Russia e Occidente ci si mette anche una disputa sul canale televisivo russo Rt De, che trasmette in tedesco. L’organismo regolatore tedesco dei media (Zak) di Berlino ha interdetto la diffusione delle trasmissioni contestando all’emittente di non essere in possesso della necessaria licenza. Ma la televisione ha definito la decisione “un’assurdità”, annunciando che continuerà a trasmettere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Boris Johnson al Parlamento: il Governo va avanti nel suo lavoro
Il premier inglese, nonostante la raffica di dimissioni in seguito al caso Pincher, è deciso a restare al suo posto
Estero
1 ora
Malta, il killer di Caruana: pagato per ucciderla, solo affari
L’assassino della giornalista maltese, morta per un’autobomba nel 2017, ha spiegato il suo ruolo di sicario prezzolato in un’intervista con la Reuters
Regno Unito
2 ore
Proseguono le defezioni nel governo di Boris Johnson
Dopo le dimissioni, ieri, di due ministri senior per il caso Pincher, oggi lascia Robin Walker, viceministro per gli Standard della Scuola
Estero
3 ore
È morto il segretario generale dell’Opec Muhammad Barkindo
Il 63enne è deceduto improvvisamente. Era alla testa dell’organizzazione dal 2016
Estero
4 ore
Marmolada: proseguono le ricerche con i droni
La frana di ghiaccio aveva travolto gli alpinisti domenica. Alcuni soccorritori potrebbero tornare sul posto giovedì per l’intervento ‘vista e udito’
Estero
5 ore
Alpinista precipita per 400 metri e muore sull’Ortles
La vittima è un turista della Repubblica Ceca. L’incidente è avvenuto verso le 5.30 di questa mattina.
Estero
6 ore
Estradato Morabito: il boss dovrà scontare 30 anni
Il 56enne si trovava in Brasile. È considerato uno dei più importanti trafficanti di droga al mondo.
Estero
6 ore
Dopo gli scandali, Johnson nomina due nuovi ministri
Steve Barclay sarà capo gabinetto di Downing Street. Nadhim Zhawi avrà il ruolo di cancelliere dello Scacchiere.
Regno Unito
16 ore
Johnson travolto dagli scandali, il governo perde pezzi
Lasciano altri due ministri di peso. A far traboccare la goccia le accuse al premier di aver mentito sulle molestie attribuite all’alleato Pincher
Estero
16 ore
Sparatoria in Illinois, il bilancio delle vittime sale a 7 morti
Una persona è morta in ospedale in seguito alle ferite riportate, secondo quanto riferito dalla NBC Chicago.
© Regiopress, All rights reserved