laRegione
violentata-dai-compagni-di-classe-15enne-arrestato
I fatti sono avvenuti a Reggio Emilia (Marco Verch-Cc)
reggio emilia
01.02.22 - 22:27
Aggiornamento: 22:46
Ansa, a cura de laRegione

‘Violentata dai compagni di classe’, 15enne arrestato

Altri due indagati, hanno approfittato dello stato di ubriachezza di una minorenne. La difesa: ‘Era consenziente’.

“Una condotta da branco. Non hanno esitato ad approfittare dello stato di ubriachezza della ragazza per consumare rapporti sessuali”. Sono gravissime le accuse nel fascicolo del pm Alessandra Serra della Procura per i Minori di Bologna nei confronti di tre 15enni che avrebbero violentato una coetanea, compagna di classe a Reggio Emilia. Uno dei tre indagati è stato arrestato dai carabinieri e ora si trova ai domiciliari dopo la misura cautelare applicata dal giudice.

I fatti

I fatti risalgono a venerdì 28 gennaio. A scuola, un istituto superiore della città emiliana che tutti i coinvolti frequentano, c’è uno sciopero. Il gruppo di amici vuole godersi la libera uscita e comprando un po’ di alcolici dà vita a un ‘festino’ nell’appartamento dei genitori dell’arrestato. Inizialmente sono in cinque: tre ragazzi e due ragazze. Una di queste decide però di andare via nel primissimo pomeriggio. Resta dunque l’altra ragazza, da sola coi tre maschi.

E qui la situazione “degenera”, per usare le parole pronunciate poi dai giovani agli inquirenti, con i presunti abusi compiuti. Sono circa le 15 quando la ragazza si rende conto di quanto accaduto. Scrive un messaggio di aiuto alla sorella, facendosi raggiungere da lei in strada. Arrivano anche i carabinieri.

Il messaggio di aiuto

La giovane in lacrime e sotto choc racconta di essere stata violentata. Poi fornisce alle forze dell’ordine i numeri di cellulare dei compagni e indica loro l’appartamento. I militari salgono e trovano la porta aperta, ma nessuno all’interno. Poco dopo rintracciano uno dei tre (il ‘proprietario’ di casa) telefonicamente e poi fisicamente dietro al palazzo. Viene portato in caserma. E qui gli viene il sequestrato lo smartphone dove vengono trovati i messaggi di un altro dei tre. “Sta dicendo da mezzora che l’abbiamo violentata. Fai qualcosa, siamo nella m... fino al collo”, recita uno di questi. Anche il mittente viene convocato in caserma, dove rilascia dichiarazioni spontanee, ammettendo le proprie responsabilità e quelle dell’amico in merito ai rapporti sessuali con la ragazza. Sul terzo ragazzo sono in corso accertamenti.

L’arresto

Il 15enne che ha ospitato il ‘festino’ viene arrestato, il giudice non convalida ma dispone su richiesta della Procura dei Minori la misura cautelare in carcere minorile, convertita poi nei domiciliari su istanza dell’avvocato difensore Giacomo Fornaciari. L’ipotesi di reato formulata è violenza sessuale aggravata “dalle condizioni di inferiorità psichica e fisica, avendo la medesima pesantemente abusato di sostanze alcoliche quali vino e vodka alla pesca, in tali quantità da compromettere la capacità di esprimere un valido consenso“, scrive sempre il magistrato. Il legale spiega che, secondo la versione del ragazzo, "lei era consenziente”. Ma per la Procura, gli esami tossicologici ai quali è stata sottoposta la ragazza otto ore dopo i fatti all’ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia confermano l’ebbrezza alcolica così come gli altri accertamenti hanno "evidenziato ecchimosi che comprovano la violenza sessuale”.

Inoltre le chat che i ragazzi si sono scambiati “dimostrerebbero la loro freddezza e consapevolezza che lei fosse in stato d’alterazione, il disvalore delle azioni e le gravi conseguenze che potrebbero patire”. Un altro caso di presunti abusi si è verificato a Ravenna dove un 35enne bidello di scuola superiore è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale continuata e pluriaggravata nei confronti di due studentesse di 15 e 17 anni. L’uomo, che ora si trova ai domiciliari, avrebbe afferrato per i polsi una delle due ragazze e trascinata invano verso una stanza, mentre l’altra sarebbe stata seguita negli spogliatoi.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
arrestato indagati reggio emilia stupro violentata
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
8 ore
Fiamme a Pantelleria, evacuate ville dei vip
Il rogo sta divorando ettari di vegetazione e minacciando diverse abitazioni. Scarsi i mezzi a disposizione dei soccorritori impegnati nello spegnimento
Estero
10 ore
Fanno surf a Venezia: multati per 1’500 euro ciascuno
Protagonisti della bravata due giovani turisti stranieri. Ripresi dalle telecamere sono stati fermati nel giro di poche ore
Estero
10 ore
Esplosione in una moschea a Kabul, decine di vittime
In Afghanistan i talebani non riescono a garantire la sicurezza della popolazione. I morti sarebbero,al momento, almeno 20
Stati Uniti
11 ore
‘Ho aggredito Rushdie perché ha attaccato l’Islam’
Parla l’assalitore. Che nega di essere stato in contatto con i pasdaran iraniani. ‘Ispirato dai video dello scrittore su Youtube’
Spagna
12 ore
Spagna, si rovescia un trenino turistico: undici feriti
L’incidente si è verificato a Maiorca. Tra le persone contuse anche quattro minori. Di cui uno in gravi condizioni
Spagna
12 ore
Oltre 21mila ettari di bosco arsi dalle fiamme in Spagna
Due grossi incendi stanno devastando le località di Bejís e la Valle d’Ebo, nell’Est della Spagna. Tremila le persone sfollate
Estero
13 ore
Covid, quindicimila decessi in una settimana
Per il direttore dell’Oms Tedros Ghebreyesus, una ‘situazione inaccettabile ora che abbiamo gli strumenti per prevenire le infezioni’
Italia
14 ore
Secca del Po, ‘il peggio è passato, ma ora si deve agire’
Lo afferma Alessandro Bratti, segretario generale dell’Autorità distrettuale del Fiume Po: ‘Interventi strutturali non più procrastinabili’
Germania
15 ore
Una chiatta in avaria blocca il Reno a Magonza
L’imbarcazione si è arenata non lontano dalla strettoia di Kaub, punto cruciale per la navigazione fluviale
Germania
17 ore
Saluto nazista agli atleti: arrestato un addetto sicurezza
Presa di mira la delegazione israeliana che si stava recando verso il monumento alla memoria dei compatrioti uccisi dai terroristi nel 1972
© Regiopress, All rights reserved