laRegione
24.01.22 - 00:17
Aggiornamento: 18:47

I talebani a Oslo, missione a caccia di riconoscimento

Il regime dopo la presa dell’Afghanistan mostra il lato votato al dialogo. La delegazione sarà impegnata in una tre giorni di incontri

Ats, a cura de laRegione
i-talebani-a-oslo-missione-a-caccia-di-riconoscimento
Keystone
Due rappresentanti della delegazione talebana a Oslo

La prima missione dei talebani in Europa dopo la presa di Kabul mostra il volto dialogante del regime che invoca il riconoscimento negato dalla comunità internazionale. Guidata dal loro ministro degli Esteri, Mawlawi Amir Khan Muttaqi, la delegazione dei mullah sbarcata a Oslo ha avviato la tre giorni d’incontri con alcuni faccia a faccia con esponenti della società civile afghana, tra cui attiviste per i diritti delle donne e giornaliste.

Si tratta di colloqui facilitati dal governo norvegese, che li ospita con l’obiettivo di affrontare “la grave situazione umanitaria” in Afghanistan – dove secondo l’Onu oltre metà della popolazione è minacciata dalla carestia – e la promessa di non fare sconti sui temi più delicati, compresa l’istruzione ancora negata alle ragazze.

Alla missione partecipano una quindicina di dirigenti talebani, di cui fa parte anche Anas Haqqani, esponente di spicco dell’omonima potente rete, ritenuta responsabile di numerosi attentati terroristici. Lunedì potrebbe esserci anche lui agli incontri con i rappresentanti di Stati Uniti, Francia, Regno Unito, Germania, Italia e Unione Europea, mentre martedì sarà la volta dei contatti bilaterali con le autorità norvegesi. Sul tavolo spiccano le richieste sul rispetto dei diritti umani, tra le condizioni per un eventuale ritorno degli aiuti internazionali, che prima dell’arrivo dei mullah finanziavano l’80% del bilancio afghano.

Dopo aver incassato il ritorno dell’Ue a Kabul, seppur con una “presenza minima” per gestire gli aiuti che non prevede alcuna legittimazione politica, i talebani si preparano ora al confronto con i diplomatici occidentali in un hotel sulle colline alla periferia di Oslo. Colloqui con cui i sedicenti studenti coranici assicurano di voler “cambiare l’atmosfera bellicosa” respirata finora. “L’Emirato islamico ha adottato misure per soddisfare le richieste del mondo occidentale – ha affermato alla vigilia il suo portavoce Zabihullah Mujahid – e speriamo di rafforzare le nostre relazioni diplomatiche con tutti i Paesi”.

Nei fatti, però, il confronto riguarda anzitutto la crisi umanitaria e i diritti negati, ha insistito la responsabile della diplomazia norvegese Anniken Huitfeldt, ribadendo che queste discussioni “non costituiscono una legittimazione o un riconoscimento dei talebani”. Rassicurazioni che però non hanno fermato la protesta di decine di manifestanti all’esterno del ministero degli Esteri di Oslo, scesi in strada intonando slogan come “talebani terroristi” e "le vite degli afghani contano”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Portogallo
10 ore
Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi
Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
Africa
11 ore
Burkina Faso, secondo colpo di stato in otto mesi
Il nuovo uomo forte del Paese, nominato presidente dell’Mprs, è ora il capitano Ibrahim Traoré. Frontiere terrestri e aeree chiuse.
Europa
14 ore
Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue
L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
14 ore
Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche
Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
17 ore
Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui
Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
21 ore
‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin
L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
1 gior
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
la guerra in ucraina
2 gior
Quarta falla nel Nord Stream, la Nato in allerta
‘Risponderemo ad attacchi’. Mosca: ‘Non si sa se sarà riavviato’
Estero
2 gior
Putin sfida il mondo e annette i territori ucraini
La firma al Cremlino. Dopo Polonia e Paesi baltici, anche la Finlandia chiude i confini ai russi. L’esodo di chi non vuole andare in guerra prosegue a est
Confine
2 gior
Sacerdote ciadiano trovato morto a Bresso. Era giunto da Locarno
Del religioso si erano perse le tracce da diversi giorni. Il suo corpo senza vita era appeso a una recinzione nei pressi del camposanto
© Regiopress, All rights reserved