laRegione
verso il vertice
20.01.22 - 18:20
Aggiornamento: 21:21

‘Blinken non venga a Ginevra a mani vuote’

Il rappresentante russo presso l’Ue Vladimir Chizhov teme una fase di stallo sulla risoluzione dei problemi della questione ucraina

Ansa, a cura de laRegione
blinken-non-venga-a-ginevra-a-mani-vuote
Blinken e Lavrov (Keystone)

Mosca spera che il segretario di Stato americano Antony Blinken non si presenti venerdì a Ginevra “a mani vuote”, quando incontrerà il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov. “Abbiamo bisogno di risposte”. Vladimir Chizhov è il rappresentante della Russia presso l’Unione Europea, funzionario di lungo corso, a Bruxelles dal 2005. Intervistato dall’Ansa, Chizhov sostiene che Mosca non ha nessuna intenzione di “dividere l’Ue dagli Stati Uniti”, né ha voluto escludere l’Unione Europea dai negoziati sulla sicurezza. “Semmai è l’Ue che si è esclusa da sola, bloccando ogni forma di dialogo strutturato, compresa l’idea di un summit Russia-Ue avanzata da Francia e Germania e poi silurata da alcuni Stati membri”.

La tensione sul fronte orientale europeo resta alta, su questo non ci piove. Chizhov addossa però la responsabilità alle autorità ucraine e alla mancanza di progressi nel formato Normandia, dove siedono Francia e Germania. La Russia chiede ai Paesi occidentali, “in primis agli Stati Uniti ma anche all’Italia”, di fare pressioni su Kiev “perché attui gli accordi di Minsk”.

Accordi disattesi

Quando gli si fa notare che anche Mosca in parte ha disatteso gli accordi, Chizhov ribadisce che la Russia “non è parte degli accordi” mentre “il presidente Volodymyr Zelensky nel 2019 a Parigi ha preso certi impegni e non li ha onorati”. Per superare l’impasse Mosca “non è contraria” all’idea di allargare il formato Normandia a nuovi attori, come appunto “gli Usa e l’Italia”, purché la piattaforma sia efficiente perché “incontrarsi per incontrarsi non serve”. Di nuovo, la Russia vuole vedere dei progressi, al di là delle simbologie diplomatiche. Che, però, pure contano. Il palazzo dove ha sede la missione russa a Bruxelles, ad esempio, è quasi accanto a quella americana: le due bandiere si vedono sventolare sotto lo stesso refolo di vento e pioggia.


Foto di gruppo il 16 giugno scorso a Ginevra (Keystone)

La Russia parla con gli Usa perché l’Ue non è “un’alleanza militare” e sulla sicurezza non ha voce in capitolo su “dove vengono piazzati i missili”. Ecco perché l’allargamento Ue “non pone un rischio immediato” per la sicurezza russa, mentre “quello della Nato sì”. “Noi non vogliamo portare indietro le lancette dell’orologio: è la Nato a essere uno strumento del XX secolo riproposto nel secolo XXI”. Resta il fatto che le truppe russe sono dislocate ai confini dell’Ucraina (Chizhov non lo nega ma non commenta sui numeri) e “la metà dell’esercito ucraino sta dall’altra parte: parliamo di 125mila uomini”. Questo pone dei rischi inevitabili, no? “In Germania, sia Est che Ovest, a un certo punto siamo arrivati ad avere milioni di soldati eppure la pace e la sicurezza in Europa sono state garantite”, dichiara nero su bianco.

Scenario fosco

“Non mi preoccupa lo stallo, mi preoccupano le possibili azioni delle autorità di Kiev: una provocazione nel Donbass sarebbe contrastata dalle milizie delle repubbliche autoproclamate e, dunque, scatenerebbe una reazione a catena”. Uno scenario fosco, che si sta cercando appunto di evitare. Ma se i negoziati dovessero fallire si andrebbe davvero a un punto di non ritorno? “Il punto di non ritorno, nella politica internazionale, è la fine della politica internazionale: io mi auguro che il buon senso alla fine prevalga. Il popolo russo – avverte – ha una lunga storia nel saper affrontare i disagi per salvaguardare l’interesse nazionale, la sicurezza e, in definitiva, la libertà”. Un’affermazione che suona molto come un monito.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
2 ore
L’Odissea degli ultimi: nel 2022 sono 1’400 i morti in mare
In quasi dieci anni, sono invece 25mila le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo
Iran/Usa
2 ore
Onu, liberato Baquer Namazi insieme al figlio
L’uomo, ex responsabile dell’Unicef, era stato incarcerato nel febbraio del 2016. Entrambi erano stati condannati a dieci anni di prigione per spionaggio
Bosnia ed Erzegovina
4 ore
Di elezioni generali e profonde crisi politiche
Oggi le votazioni ‘federali’ nel Paese balcanico, fra lo spettro dei nazionalismi e dei populismi
Portogallo
21 ore
Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi
Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
Africa
22 ore
Burkina Faso, secondo colpo di stato in otto mesi
Il nuovo uomo forte del Paese, nominato presidente dell’Mprs, è ora il capitano Ibrahim Traoré. Frontiere terrestri e aeree chiuse.
Europa
1 gior
Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue
L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
1 gior
Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche
Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
1 gior
Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui
Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
1 gior
‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin
L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
1 gior
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
© Regiopress, All rights reserved