laRegione
19.01.22 - 17:16
Aggiornamento: 18:41

Traffico di migranti, decine di arresti tra Italia e Albania

Intanto oltre 55mila firme sono state raccolte in Svizzera per il referendum lanciato dall’Ong Migrant Solidarity Network contro il finanziamento Frontex

traffico-di-migranti-decine-di-arresti-tra-italia-e-albania
Keystone
Disperati

Operava tra l’Italia, in particolare il Salento, l’Albania, la Grecia e la Turchia, una organizzazione transnazionale scoperta dalla Guardia di Finanza che era in grado di gestire partenze e arrivi di centinaia di migranti irregolari e di garantire il ritorno alla base degli scafisti sottratti all’arresto e pronti a una nuova traversata.

L’operazione, denominata ‘Astrolabio’ e coordinata da tre Procure, l’antimafia di Lecce, quella greca e quella albanese, ha portato all’esecuzione di 47 ordinanze di custodia cautelare, 25 in Albania, su richiesta della Spak di Tirana e 22 in Italia, tra Puglia, Lombardia, Liguria, Veneto e Campania.

L’indagine è partita nell’aprile del 2020, in pieno lockdown, dopo uno sbarco avvenuto sulla costa leccese e portata avanti sotto il coordinamento di Eurojust. In tutto sono 30 gli episodi migratori accertati, 26 presunti scafisti identificati, 8 quelli arrestati in flagranza di reato, 52 le persone denunciate perché coinvolte nei traffici illeciti.

Oltre 1’100 i migranti rintracciati, partiti quasi sempre dalla Turchia (dove sono stati identificati i capi dell’associazione per i quali si procederà per rogatoria). Gli sbarchi avvenivano sulle coste del Salento, tra Otranto e Leuca o in qualche caso in Calabria. Ogni migrante pagava ai trafficanti dai 6’000 ai 10mila euro per il viaggio, o anche di più a seconda della tratta. Il pagamento avveniva attraverso agenzie fiduciarie.

Quattro le cellule sgominate: due in Italia, una in Albania e una in Turchia, preposte al trasferimento dei migranti irregolari a seconda dei Paesi di provenienza. Uno dei gruppi, operativo su Bari e gestito da un cittadino iracheno residente nel capoluogo, era incaricato della ‘salvaguardia’ degli scafisti che recuperati nei pressi dell’approdo venivano poi riportati in Grecia e da qui in Turchia.

Nelle indagini sono state compiute intercettazioni telefoniche, ambientali e telematiche, nonché riprese video e servizi di osservazione e pedinamento che hanno permesso di individuare le rotte tracciate dai trafficanti e delineare per ciascuno dei componenti il ruolo ricoperto.

Dopo uno sbarco nell’aprile del 2020, la Guardia di Finanza rintracciò sulla costa leccese 32 migranti di varie etnie (siriani, egiziani, palestinesi e iracheni) da poco sbarcati e che riconobbero come scafisti due uomini che erano stati poco dopo fermati dalle autorità albanesi in prossimità delle loro coste a bordo di un gommone.

I migranti raccontarono che nei 15 giorni precedenti si erano spostati dalla Grecia all’Albania soggiornando a Tirana, in un appartamento da cui poi erano stati portati a Valona in un’altra casa dove avevano trovato altri migranti in attesa di partire. L’organizzazione si accordava per partenze e pagamenti anche utilizzando gruppi social.

Frontex, riuscito il referendum

Intanto, il referendum “contro il finanziamento dell’agenzia (europea) di protezione delle frontiere Frontex” è riuscito. “Sono state raccolte oltre 55mila firme”, ha annunciato l’associazione Migrant Solidarity Network definendo il risultato “una vittoria della solidarietà”.

“Molte persone non vogliono più accettare la violenza dell’attuale politica migratoria”, ha detto l’Ong, sottolineando che la raccolta di sottoscrizioni si è svolta in condizioni difficili a causa della pandemia di coronavirus. Le firme saranno consegnate giovedì alla Cancelleria federale a Berna.

Il referendum si oppone al sostegno della Confederazione al nuovo regolamento di Frontex, che mira a facilitare il rimpatrio dei migranti illegali. Il contributo finanziario della Svizzera a Frontex, approvato dal Parlamento, dovrà aumentare da 24 milioni di franchi nel 2021 a 61 milioni nel 2027.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
4 ore
La Lettonia oscura il canale indipendente russo Dozhd
‘Sostiene la guerra’. Navalny protesta: ‘Errore, è un favore a Putin’
Estero
4 ore
L’Iran non cede sul velo e minaccia di bloccare i conti
Via la polizia morale nel piano di Teheran: ‘Misure punitive più moderne’. La protesta continua
Estero
9 ore
Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia
Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
10 ore
Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana
L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
16 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
17 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘Un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
1 gior
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
1 gior
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
2 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
© Regiopress, All rights reserved