laRegione
19.01.22 - 17:05
Aggiornamento: 17:22

La giustizia accusa Trump di pratiche fiscali ‘fraudolente’

Nell’inchiesta civile lanciata nel 2019 dalla Procura di New York sulla Trump Organization coinvolti anche due dei figli dell’ex presidente Usa

Ats, a cura de laRegione
la-giustizia-accusa-trump-di-pratiche-fiscali-fraudolente
Keystone
Trump

Il cappio giudiziario si stringe su Donald Trump: lanciata nel 2019, una vasta inchiesta civile della Procura di New York contro il gruppo Trump Organization accusa l’ex presidente americano e due dei suoi figli di pratiche fiscali fraudolente.

In un documento giudiziario di più di 100 pagine e in un comunicato stampa rilasciato nella tarda serata di martedì, la procuratrice dello Stato di New York Letitia James ha annunciato di «aver scoperto prove significative che suggeriscono che Donald J. Trump e la Trump Organization hanno falsamente e fraudolentemente valutato numerosi beni». Li accusa di «dichiarare erroneamente il valore di questi beni alle istituzioni finanziarie per ottenere un vantaggio economico».

James, procuratrice eletta e membro del Partito democratico, sta indagando da tre anni su una possibile frode fiscale su larga scala all’interno della Trump Organization, il gruppo familiare del 45° presidente degli Stati Uniti (2017-2021) e dei suoi figli.

Mandati di comparizione di Trump

Sospetta che la Trump Organization abbia «fraudolentemente» sovrastimato il valore di certe proprietà quando ha chiesto prestiti alle banche e sottovalutato queste stesse proprietà alle autorità fiscali per pagare meno tasse.

A fine dicembre e inizio gennaio, i pubblici ministeri hanno citato in giudizio l’uomo d’affari repubblicano, suo figlio Donald Jr. e sua figlia Ivanka. Ma la famiglia Trump non ha risposto ai mandati di comparizione e sta usando ogni trucco procedurale nel libro per “annullare” i mandati di comparizione e ritardare l’indagine civile.

Una portavoce di Donald Trump, Liz Harrington, ha replicato mercoledì mattina su Twitter che «le accuse (di Letitia James) erano infondate e sarebbero state fortemente contrastate». Uno dei suoi avvocati, Alina Habba, ha contestato in una dichiarazione inviata all’Afp le «prove tangibili» avanzate dal procuratore.

‘Minaccia alla democrazia’

La famiglia Trump ha accusato per mesi la procuratrice James di motivazioni “politiche” e ha chiamato la sua indagine «una minaccia alla nostra democrazia».

Ma secondo gli estratti del documento giudiziario depositato presso la Corte Suprema di New York, Donald Trump aveva “l’autorità su una vasta gamma di pratiche alla Trump Organization, comprese le false dichiarazioni a terzi, comprese le istituzioni finanziarie e l’Irs”.

Per quanto riguarda sua figlia Ivanka, “fino a gennaio 2017, la signora Trump era il contatto principale per il più grande creditore della Trump Organization, la Deutsche Bank”. Secondo la signora James, Ivanka Trump «era responsabile dell’invio di documenti finanziari errati alla Deutsche Bank e al governo federale (statunitense)».

Infine, «dal 2017, Donald Trump Jr. aveva l’autorità su numerosi documenti che contenevano stime patrimoniali fuorvianti», in particolare una suite nella Trump Tower, che veniva indicata come tre volte più grande della sua vera dimensione e veniva sovrastimata di 200 milioni di dollari.

Gioco di scacchi

In questa partita a scacchi con il clan Trump, Letitia James ha ripetuto martedì sera che il sistema di giustizia civile di New York «non sarebbe stato frenato nel perseguimento di questa indagine» e che «nessuno (era) al di sopra della legge».

Eric Trump, un altro figlio del miliardario e vicepresidente della Trump Organization, è stato intervistato dall’ufficio della James nell’ottobre 2020. Donald Trump è anche oggetto di altre indagini negli Stati Uniti.

È stato ascoltato il 18 ottobre in un caso in cui i manifestanti hanno accusato il suo servizio di sicurezza di averli molestati sei anni fa.

Il suo gruppo è anche sotto inchiesta da parte del procuratore distrettuale di Manhattan per sospetti crimini finanziari e frodi assicurative.

A luglio, la Trump Organization e il suo principale contabile, Allen Weisselberg, si erano dichiarati non colpevoli in un tribunale di New York di 15 accuse di frode ed evasione fiscale. L’inizio del processo è previsto per la metà del 2022.

Nel frattempo, Donald Trump sta lottando per evitare di dover rivelare anni di dichiarazioni dei redditi ai procuratori, mentre a Washington una commissione speciale del Congresso sta cercando di accedere ai documenti della Casa Bianca sull’attacco al Campidoglio del 6 gennaio 2021.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 min
In Germania caccia al lupo ‘killer’ della pony di Von der Leyen
L’esemplare Gw950m è ricercato nella regione di Hannover dove è inserito nella lista degli animali da abbattere ma finora si è dato alla fuga
Estero
2 ore
È morto l’ex presidente del Pakistan Musharraf
Aveva 79 anni ed era malato da tempo. Era salito al potere nel 1999 con un colpo di Stato per poi dimettersi nel 2008 per evitare l’impeachment
Confine
3 ore
Como, malore e infortunio allo stadio durante la stessa partita
Un 23enne è stato colto da arresto cardiaco, mentre un 46enne è caduto procurandosi un trauma facciale. Entrambi sono stati soccorsi e portati in ospedale
Estero
4 ore
‘Almeno 3 i palloni-spia cinesi sopra gli Usa sotto Trump’
Lo ha dichiarato un alto funzionario della difesa statunitense. Ieri è stato abbattuto l’apparecchio avvistato sopra una base americana
Estero
4 ore
Scholz: ‘Kiev non userà armi occidentali per colpire in Russia’
Il cancelliere tedesco rassicura sulle intenzioni della leadership ucraina dopo le dichiarazioni del rappresentante di Zelensky al Parlamento
Estero
4 ore
Sequestra e sevizia una escort costringendola a sniffare coca
Un uomo è stato arrestato a Desio, nei pressi di Monza. A salvare la ragazza, una chiamata ai carabinieri di un’amica che non riuscita a rintracciarla
Estero
5 ore
Il Pakistan blocca Wikipedia: ‘Contenuti blasfemi’
L’enciclopedia partecipativa online segue lo stesso destino di Facebook e YouTube
Estero
23 ore
Australia, 16enne uccisa da uno squalo in un fiume
Non è nota la specie che ha azzannato la ragazza mentre nuotava nel fiume Swan uccidendola. L’ultimo attacco mortale in un fiume risale al 1960
iran
1 gior
Teheran rilascia il regista Panahi dopo 7 mesi di carcere
Libero il vincitore del Leone d’Oro 2000. Foto scioccanti di un altro attivista durante lo sciopero della fame
la guerra in ucraina
1 gior
Kiev denuncia il capo del gruppo Wagner per crimini di guerra
Prigozhin nel mirino: ‘Non sfuggirà alle sue responsabilità’
© Regiopress, All rights reserved