laRegione
germania-inflitto-l-ergastolo-al-torturatore-di-assad
Una sentenza già definita come storica (Ti-Press/Archivio)
13.01.22 - 19:460
Aggiornamento : 21:10

Germania, inflitto l’ergastolo al ‘torturatore di Assad’

La Suprema corte regionale di Coblenza pronuncia la sentenza a carico del colonnello siriano Raslan, riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità

È una sentenza da più parti definita “storica” quella che oggi ha pronunciato la Suprema corte regionale di Coblenza, in Germania, nei confronti del colonnello siriano Anwar Raslan, condannato all’ergastolo perché riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità. Quello che alcuni hanno già definito uno dei “torturatori di Assad”, in riferimento al contestato presidente siriano Bashar al Assad, è stato riconosciuto colpevole dell’uccisione di 27 tra attivisti pacifici e dissidenti politici morti tra il 2011 e il 2012 nelle celle sotterranee del famigerato Dipartimento 251, anche noto come Dipartimento Khatib, della Sicurezza dello Stato a Damasco.

Il 58enne colonnello Raslan, da anni fuggito in Germania, è stato anche riconosciuto responsabile di torture, violenze sessuali e maltrattamenti contro migliaia di altri detenuti, finiti in carcere durante la brutale repressione da parte del governo siriano delle proteste popolari del 2011. Prima dello scoppio in Siria, undici anni fa, delle violenze poi trasformatesi in un conflitto intestino e regionale ancora in corso, Raslan aveva a lungo comandato il Dipartimento 258 della Sicurezza generale, un altro organo di repressione e controllo del governo siriano. Il processo contro Raslan, da più parti definito “politico”, è durato un anno e mezzo. Era cominciato nell’aprile del 2020 e si è basato sul principio, applicato dalla giustizia tedesca, della giurisdizione universale. La difesa potrà ricorrere in appello.

L’accusa ha esposto prove e testimonianze raccolte durante più di 100 interrogatori con circa 80 testimoni, la maggior parte dei quali sopravvissuti alle torture del Dipartimento Khatib. Anwar Raslan, il più alto esponente del sistema repressivo siriano finora arrestato all’estero, era stato arrestato a Berlino nel 2019. Era in Germania da cinque anni, arrivato assieme alla famiglia come “rifugiato politico” dopo esser stato aiutato a fuggire da influenti membri dell’opposizione in esilio. Questi stessi oppositori al regime lo avevano persino accreditato per partecipare nel 2014 ai “colloqui di pace” di Ginevra mediati dall’Onu.

Il processo Raslan è stato il primo durante il quale sono state usate come prove documentarie le atroci immagini di Cesar, pseudonimo del poliziotto siriano fuggito dalla Siria con 45mila foto di detenuti uccisi sotto tortura e la cui veridicità è stata confermata da esperti dell’Onu, di Human Rights Watch (Hrw) e di Amnesty International. A febbraio scorso, sempre il tribunale di Coblenza, aveva condannato a quattro anni e mezzo di detenzione Eyad Gharib, un membro di basso rango dei servizi di repressione di Damasco e collegato al Dipartimento 251 diretto da Raslan. Gharib è stato riconosciuto colpevole di complicità nel commettere crimini contro l’umanità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
6 min
Gli americani non rivogliono Biden presidente
Secondo un sondaggio, soltanto il 28% degli interpellati è per la ricandidatura
Estero
1 ora
Preti pedofili a Monaco, verifiche della Procura su 42 persone
Berlino chiede che la Chiesa ‘faccia chiarezza in modo completo e trasparente’. ‘Non è una questione interna, se c’è indizio di reato la giustizia indaga’
italia
18 ore
Quirinale, si fa sotto l’ipotesi Mattarella bis
Melina di Berlusconi nel centrodestra. Tenere il presidente attuale sembra il modo migliore di salvare la legislatura in piena pandemia.
Estero
18 ore
La Francia denuncia il genocidio degli uiguri
Pechino s’infuria per l’attacco alla viglia delle Olimpiadi invernali di Pechino
Estero
20 ore
L’Austria introduce l’obbligo di vaccinazione
Dopo l’annuncio del cancelliere Karl Nehammer di settimana scorsa, oggi il Parlamento ha dato via libera alla misura a larghissima maggioranza.
coronavirus
21 ore
I morti di Covid nel mondo fino a 4 volte i dati ufficiali
Secondo alcuni modelli del sito Nature le vittime potrebbero essere 20 milioni
eruzione a tonga
21 ore
‘Io, portato da un’isola all’altra dallo tsunami’
Un falegname disabile è sopravvissuto al disastro aggrappandosi a un tronco
Estero
22 ore
La Procura si oppone alla libertà condizionale di Breivik
Per il pubblico ministero norvegese il 42enne autore della strage di Utoya non è cambiato e rimane un soggetto pericoloso
Confine
1 gior
Da oggi capelli, barba e ceretta in Italia solo con il 3G
Entra in vigore il ‘green pass’ per i clienti di parrucchieri, barbieri ed estetisti. Dall’1. febbraio estensione a uffici postali e bancari e ai negozi
Estero
1 gior
Caduto e ferito per una buca stradale nell’87: eredi risarciti
Un uomo della provincia di Bologna rimase ferito e paralizzato 32 anni fa. Morto lui nel 2015 per altre cause, gli eredi vincono la causa contro il Comune
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile