laRegione
germania-inflitto-l-ergastolo-al-torturatore-di-assad
Una sentenza già definita come storica (Ti-Press/Archivio)
13.01.22 - 19:46
Aggiornamento : 21:10

Germania, inflitto l’ergastolo al ‘torturatore di Assad’

La Suprema corte regionale di Coblenza pronuncia la sentenza a carico del colonnello siriano Raslan, riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità

di di Lorenzo Trombetta (Ansa)

È una sentenza da più parti definita “storica” quella che oggi ha pronunciato la Suprema corte regionale di Coblenza, in Germania, nei confronti del colonnello siriano Anwar Raslan, condannato all’ergastolo perché riconosciuto colpevole di crimini contro l’umanità. Quello che alcuni hanno già definito uno dei “torturatori di Assad”, in riferimento al contestato presidente siriano Bashar al Assad, è stato riconosciuto colpevole dell’uccisione di 27 tra attivisti pacifici e dissidenti politici morti tra il 2011 e il 2012 nelle celle sotterranee del famigerato Dipartimento 251, anche noto come Dipartimento Khatib, della Sicurezza dello Stato a Damasco.

Il 58enne colonnello Raslan, da anni fuggito in Germania, è stato anche riconosciuto responsabile di torture, violenze sessuali e maltrattamenti contro migliaia di altri detenuti, finiti in carcere durante la brutale repressione da parte del governo siriano delle proteste popolari del 2011. Prima dello scoppio in Siria, undici anni fa, delle violenze poi trasformatesi in un conflitto intestino e regionale ancora in corso, Raslan aveva a lungo comandato il Dipartimento 258 della Sicurezza generale, un altro organo di repressione e controllo del governo siriano. Il processo contro Raslan, da più parti definito “politico”, è durato un anno e mezzo. Era cominciato nell’aprile del 2020 e si è basato sul principio, applicato dalla giustizia tedesca, della giurisdizione universale. La difesa potrà ricorrere in appello.

L’accusa ha esposto prove e testimonianze raccolte durante più di 100 interrogatori con circa 80 testimoni, la maggior parte dei quali sopravvissuti alle torture del Dipartimento Khatib. Anwar Raslan, il più alto esponente del sistema repressivo siriano finora arrestato all’estero, era stato arrestato a Berlino nel 2019. Era in Germania da cinque anni, arrivato assieme alla famiglia come “rifugiato politico” dopo esser stato aiutato a fuggire da influenti membri dell’opposizione in esilio. Questi stessi oppositori al regime lo avevano persino accreditato per partecipare nel 2014 ai “colloqui di pace” di Ginevra mediati dall’Onu.

Il processo Raslan è stato il primo durante il quale sono state usate come prove documentarie le atroci immagini di Cesar, pseudonimo del poliziotto siriano fuggito dalla Siria con 45mila foto di detenuti uccisi sotto tortura e la cui veridicità è stata confermata da esperti dell’Onu, di Human Rights Watch (Hrw) e di Amnesty International. A febbraio scorso, sempre il tribunale di Coblenza, aveva condannato a quattro anni e mezzo di detenzione Eyad Gharib, un membro di basso rango dei servizi di repressione di Damasco e collegato al Dipartimento 251 diretto da Raslan. Gharib è stato riconosciuto colpevole di complicità nel commettere crimini contro l’umanità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
2 ore
Ballottaggi in Italia, il primo risultato è quello di Parma
Michele Guerra eletto sindaco. Tommasi e Rapinese avanti rispettivamente a Verona e Como
Estero
3 ore
Crolla tribuna durante una corrida in Colombia, almeno 5 morti
Il bilancio, che conta anche diverse centinaia di feriti, potrebbe essere più grave. I fatti sono avvenuti a El Espinal.
Estero
5 ore
Alleanze alla prova ballottaggi in Italia, il Pd spera in Verona
Sfide in 65 comuni,13 sono capoluoghi. Duello Letta-Meloni. Alle 19 partecipazione al 29,4%, in calo di nove punti percentuali rispetto al primo turno.
Estero
11 ore
Sindaci europei ingannati, credevano di parlare con Klitschko
Le false conversazioni avvenute in videoconferenza sono frutto della tecnologia ‘Deepfake’
Estero
14 ore
Trovati i corpi di 20 giovani in un night club in Sudafrica
Le vittime non presentano ferite. Non sono ancora note le cause dei decessi
Estero
15 ore
Ucraina: attacco missilistico su Kiev
La capitale non veniva colpita da bombardamenti da circa tre settimane. Il sindaco: ‘La Russia cerca di intimidire gli ucraini prima del vertice Nato’
Estero
16 ore
Oms: il vaiolo delle scimmie non è ora un’emergenza sanitaria
Dall’inizio di maggio è stato rilevato un aumento dei casi lontano dai Paesi dove la malattia è da tempo endemica
Estero
1 gior
‘Severodonetsk completamente occupata dall’esercito russo’
La città è stata teatro di feroci combattimenti per diverse settimane.
Estero
1 gior
Sparatoria a Oslo, si indaga per atto di terrorismo islamico
Il sospettato è nel radar dell’intelligence norvegese dal 2015 per l’appartenenza a una rete estremista. Annullata la marcia Lgbt prevista per oggi.
Estero
1 gior
Siccità in Italia: ‘Quasi tutto il Paese entrerà in zona rossa’
Il ministro delle Politiche agricole Patuanelli parla di situazione drammatica. Ieri in Lombardia è stato decretato lo stato di emergenza.
© Regiopress, All rights reserved