laRegione
party-durante-il-lockdown-johnson-rischia-le-dimissioni
Downing Street rischia di rivederla col binocolo (Keystone)
12.01.22 - 19:45

Party durante il lockdown, Johnson rischia le dimissioni

Il premier si scusa in Parlamento, ma solo a metà, per cercare di salvarsi dal party-gate

Ansa, a cura de laRegione

Un umiliante atto di scuse in Parlamento, accompagnato da un’ammissione di colpa a metà, per cercare di salvarsi dallo scandalo del cosiddetto party-gate. È l’ultima carta giocata oggi da un sempre più traballante Boris Johnson - alla ricerca (forse disperata) dell’ennesima resurrezione politica contro pronostico - sotto la pressione montante delle rivelazioni sui ritrovi collettivi organizzati nella primavera del 2020 a Downing Street in barba alle restrizioni imposte dallo stesso governo del lockdown anti Covid allora in vigore nel Regno Unito. Mentre dalle opposizioni compatte sale ormai a voce alta la richiesta di dimissioni.

Balbettante e sulla difensiva

Il premier Tory, raramente così balbettante e sulla difensiva, si è presentato al Question Time del mercoledì di fronte a una Camera dei Comuni rovente con una dichiarazione dai toni contriti. Per riconoscere in particolare quanto i media avevano già scoperchiato in settimana, a scoppio ritardato, sulla sua presenza personale - con la first lady Carrie - a un meeting organizzato il 20 maggio di due anni fa nel giardino della residenza ufficiale dal capo della sua segreteria, Martin Reynolds. Una riunione convocata attraverso email circolari inviate a un centinaio tra funzionari e collaboratori governativi, sollecitati nero su bianco addirittura a “portarsi tutti da bere”, e sfociata nella partecipazione finale di una quarantina di ospiti in un momento nel quale milioni di britannici non potevano neppure visitare i familiari morenti ed erano stati appena ri-autorizzati ad avere contatti sociali all’aperto distanziati con non più di una persona non convivente.

BoJo stavolta non ha potuto sottrarsi: ha riconosciuto di essere intervenuto a quel consesso, come già spifferato ai giornali da vari testimoni e dal vendicativo ex guru della Brexit, Dominic Cummings, divenuto suo nemico giurato dopo il siluramento di fine 2020 dal ruolo di eminenza grigia dell’entourage johnsoniano; e di avervi trascorso circa “25 minuti" per "ringraziare lo staff" dello stress sopportato nei mesi precedenti. Ha poi provato a ridimensionare l’accaduto aggrappandosi alla tesi di aver creduto "implicitamente che si trattasse di un evento di lavoro”, seppur conviviale, visto che il giardino veniva usato come "un’estensione dello spazio lavorativo" proprio per le cautele anti Covid. Ma non senza aggiungere “con il senno di poi” di aver “sbagliato” a non rimandare tutti dentro e a non pensare che “milioni e milioni di persone semplicemente non avrebbero mai potuto vedere” quella rimpatriata se non come un aggiramento da privilegiati delle norme imposte al resto del Paese.

Gli affondi del Question Time

Parole affiancate dal richiamo continuo alle scuse, fatte “dal profondo del cuore“, e dall’omaggio al "sacrificio" sostenuto da tanti connazionali in oltre 18 mesi di pandemia; ma anche dal tentativo di prendere tempo trincerandosi dietro il risultato di un’inchiesta interna già in corso sul party-gate, affidata a un’alta funzionaria indipendente, Sue Gray, alle cui conclusioni viene di fatto rinviato il destino di ciò che resta della sua leadership. Leadership su cui d’altronde già si abbattono i colpi dello sdegno delle associazioni delle famiglie delle vittime del Covid e di un sempre più evidente calo di consenso nei sondaggi, a dispetto dei buoni risultati sbandierati ancora una volta dal premier sulla campagna dei vaccini e delle terze dosi booster, in un Paese che dopo tante polemiche sembra pur sempre uno dei primi al mondo in grado di sperare di uscire dalla pandemia per entrare in una più gestibile diffusione endemica del coronavirus. E che il capo dell’opposizione laburista, Keir Starmer, in un Question Time molto simile all’interrogatorio d’un imputato, ha mostrato di considerare a questo punto al capolinea: bollando BoJo alla stregua di "un uomo senza vergogna”, le sue scuse come "prive di valore" in assenza del riconoscimento persino dell’incontro "alcolico" del 20 gennaio come di “un party” promosso in “violazione delle regole e della legge” e indicandogli “le dimissioni” quale "unica cosa decente da fare”.

‘Indifendibile’

Sullo sfondo di un imbarazzato malumore che le tardive scuse odierne potrebbero non riuscire a placare d’altronde fra le medesime file dei conservatori: dove a ipotizzare esplicitamente il benservito sono per ora singole figure come il deputato-veterano Roger Gale (da sempre ostile a Boris, di cui parla adesso come di “un morto che cammina”) o il numero uno della filiazione scozzese del partito, Douglas Ross; ma a sospettare che la posizione del primo ministro sia sul punto di diventare “indifendibile” e il suo tocco magico elettorale stia venendo meno sono molti di più. Pronti in caso di necessità a far prevalere l’innato istinto di sopravvivenza dei Tories e scaricarlo anche molto prima della scadenza della legislatura di fine 2024. Salvo il miracolo di un qualche altro coniglio nascosto nel cilindro della chioma più bionda della politica mondiale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
42 min
Macché eruzione sull’Etna: è solo un fenomeno meteorologico
Il vulcanologo Boris Behncke fa chiarezza: ‘L’assenza di vento fa salire il fumo verticalmente, ingannando chi lo osserva’
Estero
3 ore
Passata la pandemia, le pene capitali tornano a salire
Nel 2021 le esecuzioni censite da Amnesty International sono state 579. In aumento rispetto all’anno precedente, ma in calo sul lungo periodo
Iran
3 ore
Si aggrava il bilancio del crollo dell’edificio in Iran
Almeno dieci i corpi senza vita trovati sotto le macerie del Metropol, nella città sud-occidentale di Abadan
Russia
5 ore
Navalny perde in Appello, confermata la condanna a 9 anni
Il principale oppositore di Putin condannato in un processo ritenuto di matrice palesemente politica. Finirà in un centro detentivo a ‘regime severo’
Estero
6 ore
L’Austria dice addio alle mascherine
Il primo giugno cade l’obbligo di indossare le Ffp2 sui mezzi pubblici e nei supermercati. Sospeso per l’estate l’obbligo di vaccino, mai applicato
Estero
7 ore
YouTube ha rimosso 70’000 video di propaganda filo-russa
Fra i motivi per cui il colosso americano blocca filmati e autori russi la descrizione dei contenuti sulla guerra come ‘missione di liberazione’
la guerra in ucraina
11 ore
La propaganda nazi-russa dei maschi che odiano tutti
Gruppi di omofobi, misogini, razzisti e antisemiti fanno proseliti su Telegram
oms
20 ore
‘Il vaiolo delle scimmie si può contenere’
‘Ci sono gli strumenti per identificare i casi precocemente’. Intanto aumentano i contagi in Italia, Spagna e Regno Unito.
olocausto
20 ore
Eichmann e la Soluzione finale, spuntano gli audio
In un documentario le registrazioni inedite del colonnello Ss durante un’intervista con un giornalista olandese: ‘Volevo tutti gli ebrei morti’
primarie Usa
21 ore
In Georgia Pence sfida Trump
L’ex vicepresidente si schiera con il governatore avversato dal tycoon
© Regiopress, All rights reserved