laRegione
12.01.22 - 11:43
Aggiornamento: 13:48

Aggressioni sessuali in piazza Duomo, fermati due giovani

Per la Procura milanese, un 21enne di Milano e un 18enne di Torino, che stavano scappando, avrebbero compiuto ‘pesanti violenze sessuali quasi complete’

aggressioni-sessuali-in-piazza-duomo-fermati-due-giovani
Frame da Youtube

Ci sono due fermati nell’indagine coordinata dalla Procura di Milano e condotta dalla Squadra mobile sulle aggressioni e molestie avvenute la notte di Capodanno a Milano nei confronti di almeno nove ragazze. Ieri sono stati perquisiti 18 giovani ritenuti gli autori delle violenze.

Nei provvedimenti di fermo, eseguiti uno a Milano e l’altro a Torino nell’inchiesta sulle aggressioni di Capodanno, a carico di due giovani, uno di 21 e l’altro di 18 anni, vengono contestate le accuse di “violenza sessuale di gruppo” e di “rapina”. Sono stati emessi dalla Procura per il “pericolo di fuga”, perché i due, stando alle indagini, stavano scappando e per la “gravità” degli indizi raccolti, basati sull’esito “delle perquisizioni e sulle indagini preliminari” sui video e le immagini delle violenze, sulle “chat”, il tutto “corroborato dalle audizioni delle vittime”. Lo ha spiegato il procuratore facente funzione di Milano Riccardo Targetti, aggiungendo che entrambi sono “italiani di seconda generazione”. I due fermi, nell’inchiesta dell’aggiunto Letizia Mannella e del pm Alessia Menegazzo e condotta dalla Squadra mobile e dalla sezione di polizia giudiziaria della Procura, sono stati disposti perché i due – a differenza degli altri ragazzi perquisiti ieri – avrebbero tentato di fuggire e a loro carico ci sono gravi indizi “di presunte violenze sessuali quasi complete, accompagnate da rapine”. In particolare, ai due ragazzi, a vario titolo, vengono contestati due dei tre episodi al centro dell’inchiesta: l’aggressione alla 19enne e a una sua amica all’angolo con via Mazzini (documentata in un primo video finito in Rete); gli abusi nei confronti di 4 ragazze vicino alla Galleria Vittorio Emanuele II. Il 21enne è stato fermato a Torino e il 18enne a Milano. Le vittime delle aggressioni (nove in totale, tra cui due tedesche) sono state sentite ieri fino a tarda sera in Procura o in videoconferenza e i fermi sono state emessi stanotte, come chiarito da Targetti, “dopo le perquisizioni di ieri e dopo una serie di riscontri arrivati anche sentendo” le giovani. I fermi dovranno essere convalidati, uno dal gip di Torino e l’altro dal gip di Milano. Giudici che dovranno anche decidere sulle richieste di misura cautelare in carcere.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
la guerra in ucraina
7 ore
La Lettonia oscura il canale indipendente russo Dozhd
‘Sostiene la guerra’. Navalny protesta: ‘Errore, è un favore a Putin’
Estero
7 ore
L’Iran non cede sul velo e minaccia di bloccare i conti
Via la polizia morale nel piano di Teheran: ‘Misure punitive più moderne’. La protesta continua
Estero
13 ore
Trovato il corpo della dodicesima vittima della frana di Ischia
Il corpo è in via di identificazione, ma l’identità dell’ultima dispersa è già nota
Confine
14 ore
Luino-P. Ceresio, riapre stasera la strada travolta dalla frana
L’Anas ha deciso che, dalle 18, la statale è percorribile a senso alternato. I lavori di messa in sicurezza dureranno fino al 23 dicembre
Estero
19 ore
L’Indonesia vieta il sesso e la convivenza prima del matrimonio
Gli atti che diventano ora reato potranno essere denunciati solo dal coniuge, dai genitori o dai figli. La legge è valida anche per gli stranieri
Estero
21 ore
La Cina saluta Jiang Zemin. Xi: ‘Un grande marxista e leader’
Il presidente cinese ha chiuso con l’elogio funebre la cerimonia solenne per lo scomparso predecessore
la guerra in ucraina
1 gior
Kiev attacca in Russia: colpite due basi
Missili, morti e blackout provocati dall’esercito del Cremlino. Putin sul ponte in Crimea. Caduto un razzo russo in Moldavia
Estero
1 gior
Scioperi e proteste in Iran, ‘impiccheremo i rivoltosi’
I Pasdaran promettono il pugno di ferro contro i manifestanti. Solidarietà a chi scende in strada in 40 città da parte dei negozianti
Russia
1 gior
‘Price cap’ del petrolio, Mosca fa spallucce
Ribadendo il non riconoscimento da parte della Russia, Dmitry Peskov preannuncia l’imminente risposta del Cremlino
Estero
2 gior
Bruxelles, al via il maxi-processo sugli attentati del 2016
Alla sbarra ci saranno 10 imputati. Negli attacchi morirono 32 persone e ci furono oltre 300 feriti
© Regiopress, All rights reserved