laRegione
in-italia-un-positivo-su-tre-in-ospedale-non-e-malato-di-covid
Keystone
11.01.22 - 12:51
Aggiornamento : 15:30

In Italia un positivo su tre in ospedale non è malato di Covid

Il 34% è positivo al test effettuato prima del ricovero per altri motivi, dagli incidenti al parto. Lo rivela uno studio su 6 grandi enti ospedalieri

Ansa, a cura de laRegione

Il 34% dei pazienti positivi ricoverati non è malato di Covid-19: non è in ospedale per sindromi respiratorie o polmonari e non ha sviluppato la malattia da Covid ma richiede assistenza sanitaria per altre patologie e al momento del tampone pre-ricovero risulta positivo al Sars-CoV-2. I dati emergono da uno studio fatto da Fiaso (Federazione Italiana Aziende Sanitarie e Ospedaliere) sui ricoveri di 6 grandi aziende ospedaliere e sanitarie: Asst Spedali civili di Brescia, Irccs Ospedale Policlinico San Martino di Genova, Irccs Aou di Bologna, Policlinico Tor Vergata, Ospedale San Giuseppe Moscati di Avellino e Policlinico di Bari.

Secondo Fiaso, dunque, “un paziente su tre sia pur con infezione accertata al virus Sars-CoV-2, viene ospedalizzato per curare tutt’altro: traumi, infarti, emorragie, scompensi, tumori”. In tutto sono stati analizzati 550 pazienti ricoverati nelle aree Covid dei sei ospedali: un campione pari al 4% del totale dei ricoverati negli ospedali italiani. La rilevazione è stata effettuata in data 5 gennaio. Dei complessivi 550 pazienti monitorati, 363 (il 66%) sono ospedalizzati con diagnosi da infezione polmonare. Mentre 187 (il 34%) non manifestano segni clinici, radiografici e laboratoristici di interessamento polmonare: ovvero sono stati ricoverati non per il virus ma con il virus. La diagnosi da infezione da Sars-CoV-2 è dunque occasionale. Per la stragrande maggioranza, il 36% del totale dei ricoverati positivi ma senza sintomi respiratori, si tratta di donne in gravidanza che necessitano di assistenza ostetrica e ginecologica. Il 33%, invece, è composto da pazienti che hanno subito uno scompenso della condizione internistica derivante da diabete o altre malattie metaboliche, da patologie cardiovascolari, neurologiche, oncologiche o broncopneumopatie croniche. Un’altra quota, pari all’8%, riguarda pazienti con ischemie, ictus, emorragie cerebrali o infarti. Un altro 8%, invece, è rappresentato da quei pazienti che devono sottoporsi a un intervento chirurgico urgente e indifferibile pur se positivi al Covid. C’è inoltre una parte, complessivamente il 6% del totale, di pazienti che arrivano al pronto soccorso a causa di incidenti e richiedono assistenza per vari traumi e fratture. Secondo Fiaso, da sottolineare inoltre la differenza di età tra i due gruppi di degenti positivi. I pazienti ricoverati per il Covid sono molto più anziani e hanno in media un’età di 69 anni mentre i soggetti contagiati privi di sintomi e ricoverati per altre patologie hanno in media 56 anni. Tra i soggetti che hanno sviluppato la malattia polmonare da virus risulta vaccinato con un ciclo completo di tre dosi o con due dosi da meno di 4 mesi solo il 14%, di contro tra coloro che sono positivi al Sars-CoV-2 ma sono ricoverati per altre patologie è vaccinato con tre dosi o con due dosi da meno di 4 mesi il 27%. In entrambi i gruppi c’è una preponderanza di soggetti non vaccinati o che non hanno ancora fatto la dose booster.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
fiaso sars-cov-2 test covid
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Tempeste di sabbia, un rischio per la salute umana
Gli specialisti si attendono un aumento del fenomeno a causa del cambiamento climatico
Estero
1 ora
Cina e politica ‘zero covid’: l’atout è diventato un handicap
I continui confinamenti si ripercuotono sulla popolazione e l’economia. A risentire di questa strategia è anche l’immagine de presidente Xi Jinping.
Estero
1 ora
Ragni consegnati per posta: un mercato senza controllo
L’interesse per gli aracnidi è aumentato durante la pandemia. A causa del commercio illegale molte specie sono a rischio estinzione.
Estero
12 ore
Voli europei, tariffe quasi raddoppiate
Per quelli intercontinentali il rincaro supera il 35 per cento. Aumento dei prezzi anche per i traghetti.
speciale ucraina
14 ore
Zelensky: ‘Senza uno scambio di prigionieri nessun negoziato’
Sul fronte bellico l’acciaieria Azovstal è ora sotto il controllo russo. Segui il live de laRegione
Estero
21 ore
Colombia, Betancourt ritira la candidatura alle presidenziali
Sfavorita nei sondaggi ha deciso di sostenere il candidato indipendente Rodolfo Hernández: ‘L’unico che oggi può sconfiggere il sistema’
Estero
1 gior
Marin e Andersson, le due premier che sfidano Putin
La finlandese, con una storia familiare difficile, e la svedese, eletta per un cavillo, stanno traghettando i loro Paesi nella Nato
Estero
1 gior
La Bielorussia mette al bando ‘1984’ di Orwell
Vietato possedere copie del romanzo. Arrestato alcuni giorni fa l’editore Andrey Yanushkevich che nel 2020 ha pubblicato la versione in lingua bielorussa
Confine
1 gior
San Bartolomeo Val Cavargna, Lady Demonique candidata
Il 12 giugno la performer erotica Doha Zaghi contenderà la poltrona di sindaco a Eleonora Bari
Confine
1 gior
Alla stazione di Chiasso con 206mila euro in valigia
Le banconote da 200 e 500 euro sono state trovate nelle valigie di una coppia bulgara proveniente dalla Germania e diretta in Italia
© Regiopress, All rights reserved