laRegione
04.01.22 - 19:32

Musk apre showroom Tesla nello Xinjiang. ‘Aiuta il genocidio’

Attivisti pro-uiguri lo attaccano. Biden, nel frattempo, ha fatto passare una legge che limita il commercio con quell’area della Cina

Ansa, a cura de laRegione
musk-apre-showroom-tesla-nello-xinjiang-aiuta-il-genocidio
Keystone
Elon Musk

Elon Musk apre uno showroom per le sue Tesla nello Xinjiang, la provincia dove Pechino è accusata di abusi dei diritti umani contro gli uiguri. E la bufera è immediata con i politici e gli attivisti che attaccano l’uomo più ricco del mondo colpevole, a loro avviso, di aiutare e favorire economicamente il ‘genocidio’ in corso nell’area. “Iniziamo insieme il viaggio dell’elettrico nello Xinjiang”, ha scritto Musk in un post sul social media cinese Weibo allegando una foto del nuovissimo concessionario di Urumqi, la capitale della regione, e di una Tesla decorata con palloncini bianchi e rossi.

L’annuncio shock è stato seguito da una valanga di polemiche legate in buona parte alla ‘rottura’ di Musk con la linea bipartisan dettata dalla politica americana. Secondo il senatore repubblicano Marco Rubio, Musk con l’apertura dello showroom sta “aiutando il Partito comunista cinese a insabbiare il genocidio e il lavoro forzato nell’area”. Dagli attivisti americani e dal Council on American-Islamic Relations è arrivata la richiesta al miliardario-visionario di chiudere lo showroom: non farlo – è la loro tesi – vuol dire “sostenere economicamente” lo sterminio degli uiguri portato avanti da Pechino. “Nessuna azienda americana dovrebbe fare affari in un’area” dove è in corso una “campagna di genocidio religioso e di una minoranza etnica”, afferma il direttore della comunicazione del Council on American-Islamic Relations, Ibrahim Hooper.

Divieto di import

In un raro slancio di unità il Congresso ha approvato nelle scorse settimane un provvedimento che prevede il divieto di importare dallo Xinjiang i prodotti frutto del lavoro forzato delle minoranze detenute nei cosiddetti campi di rieducazione. Ogni azienda che fa affari in quell’area dovrà infatti fornire all’amministrazione Usa “prove chiare e convincenti” che nella produzione dei beni importati non siano stati coinvolti i detenuti perseguitati per la loro etnia e per la loro fede religiosa. La misura è stata firmata e tramutata in legge da Joe Biden, in un sonoro schiaffo a Pechino che si va a sommare al boicottaggio diplomatico americano per le Olimpiadi invernali. Tesla non è l’unica casa automobilistica presente nello Xinjiang. Nell’area c’è infatti anche Volkswagen per la quale il mercato cinese è quello in cui realizza il maggior numero di vendite. La decisione di Musk mostra la difficile posizione delle multinazionali, costrette a dover trovare un equilibrio fra la politica e le loro necessità di crescere e vendere, soprattutto nella Cina seconda super potenza economica al mondo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Gallery
Italia
7 min
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
15 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
2 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
© Regiopress, All rights reserved