laRegione
musk-apre-showroom-tesla-nello-xinjiang-aiuta-il-genocidio
Keystone
Elon Musk
04.01.22 - 19:32

Musk apre showroom Tesla nello Xinjiang. ‘Aiuta il genocidio’

Attivisti pro-uiguri lo attaccano. Biden, nel frattempo, ha fatto passare una legge che limita il commercio con quell’area della Cina

Ansa, a cura de laRegione

Elon Musk apre uno showroom per le sue Tesla nello Xinjiang, la provincia dove Pechino è accusata di abusi dei diritti umani contro gli uiguri. E la bufera è immediata con i politici e gli attivisti che attaccano l’uomo più ricco del mondo colpevole, a loro avviso, di aiutare e favorire economicamente il ‘genocidio’ in corso nell’area. “Iniziamo insieme il viaggio dell’elettrico nello Xinjiang”, ha scritto Musk in un post sul social media cinese Weibo allegando una foto del nuovissimo concessionario di Urumqi, la capitale della regione, e di una Tesla decorata con palloncini bianchi e rossi.

L’annuncio shock è stato seguito da una valanga di polemiche legate in buona parte alla ‘rottura’ di Musk con la linea bipartisan dettata dalla politica americana. Secondo il senatore repubblicano Marco Rubio, Musk con l’apertura dello showroom sta “aiutando il Partito comunista cinese a insabbiare il genocidio e il lavoro forzato nell’area”. Dagli attivisti americani e dal Council on American-Islamic Relations è arrivata la richiesta al miliardario-visionario di chiudere lo showroom: non farlo – è la loro tesi – vuol dire “sostenere economicamente” lo sterminio degli uiguri portato avanti da Pechino. “Nessuna azienda americana dovrebbe fare affari in un’area” dove è in corso una “campagna di genocidio religioso e di una minoranza etnica”, afferma il direttore della comunicazione del Council on American-Islamic Relations, Ibrahim Hooper.

Divieto di import

In un raro slancio di unità il Congresso ha approvato nelle scorse settimane un provvedimento che prevede il divieto di importare dallo Xinjiang i prodotti frutto del lavoro forzato delle minoranze detenute nei cosiddetti campi di rieducazione. Ogni azienda che fa affari in quell’area dovrà infatti fornire all’amministrazione Usa “prove chiare e convincenti” che nella produzione dei beni importati non siano stati coinvolti i detenuti perseguitati per la loro etnia e per la loro fede religiosa. La misura è stata firmata e tramutata in legge da Joe Biden, in un sonoro schiaffo a Pechino che si va a sommare al boicottaggio diplomatico americano per le Olimpiadi invernali. Tesla non è l’unica casa automobilistica presente nello Xinjiang. Nell’area c’è infatti anche Volkswagen per la quale il mercato cinese è quello in cui realizza il maggior numero di vendite. La decisione di Musk mostra la difficile posizione delle multinazionali, costrette a dover trovare un equilibrio fra la politica e le loro necessità di crescere e vendere, soprattutto nella Cina seconda super potenza economica al mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
cina elon musk showroom tesla uiguri xinjiang
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Biden: 13 Paesi in piano Indo-Pacifico. Aiuto a Taiwan se invasa
Il presidente Usa ha inoltre affermato che si sta considerando l’abolizione di alcuni dazi commerciali sulla Cina
la strage di capaci: 1992-2022
4 ore
‘La mafia li uccideva, poi rubava le loro parole’
A trent’anni dalla morte di Falcone restano l’orgoglio e le ferite di chi ha lottato per la verità
Estero
16 ore
Armi nucleari, Giappone e Usa chiedono trasparenza alla Cina
I due Paesi stanno limando gli ultimi dettagli di una proposta che conduca Pechino a un maggiore impegno per il disarmo dei propri arsenali
Estero
16 ore
Sudafrica: ancora devastanti inondazioni sulla costa Est
Il mese scorso circa 500 persone erano già state costrette ad abbandonare le loro case
Estero
16 ore
Francia, accuse di violenza sessuale per il neoministro Abad
Il politico smentisce: ‘Queste voci riferiscono di atti o gesti che mi sarebbero semplicemente impossibili a causa del mio handicap’
Estero
16 ore
Tempesta in Germania, un morto e quasi 60 feriti
Particolarmente colpita la Renania Settentrionale-Vestfalia: un tornado ha attraversato Paderborn ferendo 43 persone venerdì
Estero
17 ore
Afghanistan, da oggi le conduttrici in tv a volto coperto
Ieri si erano ribellate all’ordine dei Talebani di nascondere il viso, ma ‘l’emittente ha subito pressioni’
Confine
19 ore
Carrozza a soqquadro: soppresso un treno diretto a Chiasso
Quattordici giovani, tra i 15 e i 21 anni, sono stati denunciati ieri dai carabinieri
Estero
21 ore
Esplosioni nelle regioni di Kiev e Zhytomyr
Nel frattempo il parlamento ucraino ha approvato l’estensione della legge marziale fino al 23 agosto. Segui il live de laRegione
Estero
21 ore
Anthony Albanese promette di riparare l’immagine dell’Australia
Il neoeletto primo ministro laburista vuole puntare sulla politica climatica. Su questo aspetto il Paese viene spesso considerato in ritardo.
© Regiopress, All rights reserved