laRegione
03.01.22 - 20:14

L’Europa litiga sul nucleare

Strappo a Capodanno, con un tentativo di far passare sottotraccia un documento che considera il nucleare come energia green. La Germania si oppone.

Ansa, a cura de laRegione
l-europa-litiga-sul-nucleare
Protesta di Greenpeace a Emmerthal, in Germania (Keystone)

Il tentativo di farla passare sottotraccia, pubblicandola a una manciata di ore dal Capodanno, non è servito. Come previsto, la bozza dell’atto delegato di Bruxelles per includere il nucleare e il gas tra le fonti energetiche green apre il primo feroce scontro politico dell’anno in Europa. E la Commissione Ue si trova ora alle prese con il fronte dei contrari all’atomo, guidato dalla Germania, pronti a trascinarla in tribunale. Ma anche con possibili ripercussioni interne tra i favorevoli - anche se non apertamente - alla proposta. Come l’Italia, dove il dibattito si è subito infiammato: da una parte Matteo Salvini a invocare un referendum sul nucleare e dall’altra il M5S a ribadire che l’atomo è “vetusto” e “sponsorizzarlo come la soluzione di tutti i problemi dell’Italia è semplicemente scriteriato”.

Stretta tra le richieste diametralmente opposte dell’asse franco-tedesco, con Parigi decisa a non rinunciare al nucleare e Berlino impegnata a dismettere le sue centrali, nel tardo pomeriggio di venerdì 31 dicembre, Bruxelles ha inviato ai governi la sua classificazione degli investimenti verdi che prevede una patente di sostenibilità per il gas naturale e l’energia dell’atomo, anche se condizionata e a tempo. Una decisione favorevole per la Francia, che genera circa i due terzi della sua energia elettrica tramite i suoi reattori e che, per garantirsi l’ok al nucleare, aveva stretto un patto con i Paesi dell’est, ammettendo che il gas naturale potesse essere considerato verde, anche se in transizione. Cosa che, anche se mai esplicitata, interessava anche l’Italia. Ma sul fronte del nucleare la decisione, anche per i modi e le tempistiche, ha fatto infuriare le capitali germanofone e le ong ambientaliste, secondo le quali si tratta di un vero e proprio atto di greenwashing e una potenziale truffa per gli investitori di bond verdi.

Muro contro muro

Dopo l’immediato parere contrario della ministra dell’Ambiente tedesca, la verde Steffi Lemke, che ha bollato la decisione come “assolutamente sbagliata“, il portavoce del governo di Olaf Scholz ha assicurato che la contrarietà all’atomo nella coalizione è "unanime", mentre c’è assenso sul gas. Se per il momento Berlino non intende fare ricorso, Vienna e Lussemburgo sono invece pronte a fare causa a Bruxelles. E anche per Greenpeace inserire il nucleare e il gas nella tassonomia “sarebbe un duro colpo all’impegno europeo per il clima e per l’ambiente” a causa delle scorie radioattive dell’una e delle emissioni di gas serra dell’altra. L’ong tira in ballo anche i costi dell’atomo: con il referendum del 2011 che bloccò il ritorno del nucleare in Italia è stata evitata "una catastrofe economica”, spiega, adducendo che "secondo la Corte dei Conti francese, l’unico reattore Epr tuttora in costruzione in Francia avrà un costo totale di oltre 19 miliardi di euro contro i 3,3 previsti”.

A palazzo Berlaymont, pur ammettendo di conoscere i limiti della scelta, ne difendono l’approccio pragmatico. Ora la consultazione con gli Stati membri continuerà fino al 12 gennaio. Poi la Commissione adotterà formalmente l’atto, ma serviranno comunque dai quattro ai sei mesi per il via libera finale. Che dovrà passare sotto la lente, oltre che degli stessi Stati membri chiamati a esprimersi a maggioranza rafforzata, anche del Parlamento europeo. Che invece potrà approvare - o respingere - il testo a maggioranza semplice. Se il gruppo più numeroso, quello dei Popolari, si è detto favorevole, Europa Verde darà battaglia. E, per bocca della sua co-portavoce nazionale Eleonora Evi, ha già espresso “un profondo senso di delusione” anche e soprattutto per la posizione dell’Italia e del ministro Cingolani, colpevole di “un accordo sotto banco con la Francia”. Resta il fatto che a guidare i negoziati sarà comunque proprio Parigi, che il primo gennaio ha assunto la presidenza di turno del Consiglio Ue: il primo scontro dell’anno in Ue è solo all’inizio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Gallery
Italia
10 min
Ondata di fango a Ischia: alla ricerca disperata dei dispersi
Mancano ancora all’appello undici persone. Oltre 150 gli sfollati sull’isola, mentre è stata confermata la morte di una giovane donna.
Italia
15 ore
Scassinano 21 bancomat e rubano circa un milione: arrestati
Tra i reati contestati fabbricazione e porto illegale di esplosivi in pubblico, ricettazione, rapina aggravata e furto d’auto
eutanasia
1 gior
Cappato ha accompagnato un altro italiano a morire in Svizzera
La moglie: ‘Gravemente malato, non voleva più soffrire’. Dopo l’autodenuncia del tesoriere dell’associazione Luca Coscioni, un’altra indagine
la guerra in ucraina
1 gior
Putin alle madri russe: ‘I vostri figli sono eroi’
Secondo il presidente in rete circolano “false notizie, inganni e menzogne”, utilizzate come “armi da combattimento”
Estero
1 gior
Le proteste a Foxconn, tra il Covid e l’iPhone
Scontri senza precedenti si sono registrati nei pressi della megafabbrica cinese che produce gli smartphone di Apple. C’entra il coronavirus, ma non solo
Francia
1 gior
Macron si difende dalle accuse,‘non ho nulla da temere’
Il presidente francese nel mirino dei giudici per finanziamento illecito
Estero
1 gior
‘Il Papa vuole la mia morte’, la chat del cardinale a processo
Il cardinale Giovanni Angelo Becciu è imputato in Vaticano per la gestione di alcuni fondi della Santa Sede, in relazione a un affare immobiliare a Londra
Estero
2 gior
Un pitone attacca un bimbo di 5 anni, il nonno lo salva
Il serpente ha morso il bambino e ha tentato di soffocarlo fra le sue spire, ma l’intervento dell’anziano ha evitato il peggio
Confine
2 gior
Frontalieri, al via in Italia il disegno di legge
Il nuovo accordo ritorna ora all’esame del Parlamento. Ma la strada è ancora lunga.
Estero
2 gior
Zelensky avverte l’Onu: ‘Milioni di persone al gelo’
I missili russi privano città e villaggi della corrente elettrica, dell’acqua e del riscaldamento: ‘Crimine contro l’umanità’.
© Regiopress, All rights reserved