laRegione
birmania-i-militari-massacrano-decine-di-civili
Twitter
26.12.21 - 21:06
Aggiornamento: 23:00
Ats, a cura de laRegione

Birmania: i militari massacrano decine di civili

Sarebbero almeno 38 le persone uccise e poi date alle fiamme nello stato Kayah, un’area dove è radicata la minoranza cristiana

Almeno 38 civili uccisi, gran parte dei quali ritrovati carbonizzati, in un’area dove è radicata la minoranza cristiana cattolica: il massacro di Natale di cui si è macchiato due giorni fa l’esercito birmano ha provocato sdegno sui social media e tra le organizzazioni coinvolte, a partire da Save the Children, che teme l’uccisione anche di due suoi dipendenti ancora dispersi.

In scia ad altre uccisioni di massa emerse fin da giugno, la strage è l’ennesima riprova della gravità della situazione nel Paese asiatico, dove l’esercito autore del golpe lo scorso febbraio impiega sempre più il pugno di ferro contro il dissenso.

Stavolta il massacro, nel quale secondo Save the Children sono morte almeno 38 persone tra cui donne e bambini, è avvenuto nello stato Kayah, nell’est del Paese: un’area dove da decenni la minoranza Karenni - in maggioranza cattolica - rivendica una maggiore autonomia. Ieri mattina, i resti carbonizzati di sette veicoli sono stati ritrovati nella cittadina di Hpruso. Tra i veicoli c’era anche quello di due birmani che lavoravano per Save the Children e stavano tornando a casa; l’organizzazione, che si è detta “inorridita”, ha sospeso tutte le sue operazioni nell’area ma anche in altre regioni birmane dove è attiva.

Secondo la milizia dei ribelli Karenni, le persone uccise erano civili che cercavano di mettersi in salvo dai combattimenti nella zona. Per l’esercito birmano, i militari hanno aperto il fuoco sul convoglio dopo che i veicoli non si erano fermati a un posto di blocco, sparando contro i soldati. I media statali hanno parlato di un numero imprecisato di “terroristi armati” uccisi nei villaggi della zona.

La strage ricorda quelle avvenute a luglio e ai primi di dicembre nel distretto di Sagaing e nello stato Chin, nel nord-ovest del Paese. Secondo il governo di unità nazionale del Myanmar - un esecutivo ombra formato dalle forze dell’opposizione democratica - i militari erano impegnati in una operazione di repulisti nell’area, la stessa strategia utilizzata per decenni contro diverse milizie etniche e nel 2017 responsabile dell’esodo in Bangladesh di oltre 700 mila Rohingya. In risposta al massacro, il governo di unità nazionale ha reiterato l’esortazione alla comunità internazionale ad agire contro “i crescenti crimini di guerra e contro l’umanità” della giunta del generale Min Aung Hlaing. Oltre ai massacri documentati da mesi, che hanno spinto l’Alto commissariato per i diritti umani dell’Onu a dirsi “sgomento davanti all’allarmante escalation di gravi abusi dei diritti umani”, nelle ultime settimane operazioni militari qualche centinaio di chilometri più a sud hanno spinto oltre cinquemila birmani a riparare oltre confine in Thailandia.

Con Aung San Suu Kyi già condannata a quattro anni e in attesa di altri processi, un dissenso schiacciato nel sangue nelle proteste in città e organizzatosi in resistenza armata nelle campagne, milizie etniche attive da decenni e ora a formare un fronte comune col resto dell’opposizione, l’impressione è che la spirale di violenza sia destinata a proseguire.

Onu: ‘Inorriditi dalla strage’

Il sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli Affari umanitari, Martin Griffiths, ha dichiarato di essere “inorridito” dalle notizie credibili secondo cui almeno 35 civili, tra cui forse due operatori umanitari, sono stati uccisi e i loro corpi bruciati in Birmania, e ha chiesto al governo di avviare un’indagine.

“Condanno questo grave incidente e tutti gli attacchi contro i civili in tutto il Paese, vietati dal diritto internazionale umanitario", ha dichiarato in una nota. "Chiedo alle autorità di avviare immediatamente un’indagine approfondita e trasparente sull’incidente”, ha affermato Griffiths, che ha sottolineato che due dipendenti dell’organizzazione no-profit Save the Children risultano dispersi dopo che il loro veicolo, insieme ad altri, è stato attaccato e bruciato in un attacco nello stato del Kaya orientale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
birmani birmania cattolici civili militari
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
38 min
Salman Rushdie è sulla via della guarigione
Lo ha detto il suo agente, Andrew Wylie, in un comunicato al Washington Post
Estero
2 ore
Si schianta in auto contro Capitol Hill, spara e si suicida
Un uomo si è schiantato contro la Cancellata del Congresso, ha poi esploso alcuni colpi in aria e si è tolto la vita. Nessun altro è rimasto ferito
Estero
2 ore
Spopolamento a Venezia, abitanti sotto la soglia dei 50mila
Il processo sembra inarrestabile. Nel 2002 il capoluogo aveva 64mila residenti.
Estero
2 ore
Dopo Rushdie, minacce su Twitter a Rowling: ‘Tu la prossima’
Il messaggio minaccioso è stato inviato all’autrice della saga di Harry Potter come replica a un tweet. Il profilo dell’autore è poi sparito
Estero
3 ore
In 10mila a ballare contro la mafia a ‘casa’ del boss
Migliaia di giovani hanno partecipato all’evento ‘Musica&Legalità’ a Castelvetrano, paese del boss di Cosa Nostra latitante Matteo Messina Denaro
Estero
4 ore
Troppo pericoloso per il pubblico: abbattuto il tricheco Freya
Il mammifero marino era diventato abitudinario nel fiordo di Oslo e le autorità, dopo una valutazione completa, hanno deciso per l’eutanasia
Estero
5 ore
Costa Concordia, la Cedu conferma la condanna a Schettino
La Corte europea dei diritti umani ha rigettato il ricorso del capitano della nave naufragata contro la condanna a 16 anni di reclusione
Confine
7 ore
Sulla strada per la Valtellina vigilia di Ferragosto di caos
Una frana nella notte ha causato la chiusura della corsia nord della Milano-Lecco-Valtellina, provocando incolonnamenti in direzione di Sondrio
Estero
8 ore
Salman Rushdie staccato dal respiratore e riesce a parlare
Lo scrittore era stato colpito venerdi a New York con dieci coltellate ed era in condizioni gravi
Italia
10 ore
Milano capitale d’Italla delle multe: 102 milioni di incassi
A Napoli soli 27mila euro dagli autovelox. Il record a Melpignano: 5 milioni di incassi (2’300 a cittadino, se rapportato al numero di abitanti)
© Regiopress, All rights reserved