laRegione
stop-alle-forniture-dalla-russia-vola-il-prezzo-del-gas
Impianti Gazprom nel Yamal (Keystone)
21.12.21 - 21:07

Stop alle forniture dalla Russia, vola il prezzo del gas

La Commissione Ue rinvia la decisione su gas e nucleare puliti, intanto i costi continuano ad aumentare

Ansa, a cura de laRegione

Il primo giorno d’inverno congela le temperature in Europa e le relazioni diplomatiche con Mosca, facendo schizzare alle stelle il prezzo del gas. Sospinto dalla domanda stagionale e dalle tensioni geopolitiche dove a farla da padrone sono Russia e Germania, il metano ha toccato i suoi massimi storici sulle piazze di Amsterdam e Londra, accrescendo i timori sul corso della ripresa economica.

A gettare il mercato in uno stato febbrile ci ha pensato la società statale russa Gazprom chiudendo i rubinetti del gasdotto Yamal, una delle tre vie usate per convogliare il metano dalla Russia alla Ue passando per Polonia e Germania. Uno stop certificato dall’operatore di rete tedesco Gascade dopo che le consegne erano scese al 5-6% della capacità già nel weekend.

Il gasdotto Yamal

Meno famoso del controverso Nord Stream 2, Yamal è il più piccolo dei tre gasdotti che dalla Russia portano il metano verso la Ue, responsabile di circa il 10% dell’approvvigionamento. Ma il calo dei volumi ha avuto un impatto immediato sui prezzi. Che hanno viaggiato su livelli record, in aumento del 25,6% a 185 euro per Megawattora (Mwh) ad Amsterdam e del 23,2% a 466 sterline per British thermal unit (Mmbtu) a Londra. Andando a pesare, insieme anche al prezzo del petrolio con il Wti a 70,30 dollari al barile (+2,4%) e il Brent a 70,31 dollari (+2,5%), anche sull’inflazione che, ha ammesso il vice della Bce, Luis De Guindos, “è più persistente e meno transitoria delle attese”.

Il tutto mentre la tensione tra il Cremlino e il nuovo governo tedesco si fa più alta, tra il dislocamento delle truppe russe al confine con l’Ucraina e l’espulsione di due diplomatici russi da parte di Berlino. Se Mosca nega ogni connessione tra la chiusura dei rubinetti e il mancato via libera di Berlino al Nord Stream 2 (ancora sotto la lente parte del regolatore tedesco delle reti), le ipotesi che Gazprom manipoli il mercato di proposito si fanno sempre più pressanti in Ue. Con Varsavia che ha portato la questione sul tavolo della vice presidente della Commissione europea, Margrethe Vestager.

Possibili scorrettezze

I dati raccolti fin qui sono ancora insufficienti per trarre una “qualsiasi tipo di conclusione", ma Bruxelles ha recapitato alla società russa la richiesta di informazioni "per capire se ci sono delle scorrettezze”, ha assicurato la responsabile Ue della Concorrenza. Che intanto però deve fronteggiare il clima di discordia all’interno della stessa Unione sulla risposta da dare al caro-energia e sulle strategie da adottare per spingere la transizione verde. In una prima mossa per dare più flessibilità di spesa in favore del Green Deal, Bruxelles ha deciso di mettere fine agli aiuti di Stato per i combustibili fossili più inquinanti.

Un discorso che vale anche per i progetti legati al gas, che saranno approvati dalla Ue solo “se a prova di futuro”. Oppure per accompagnare l’Est Europa all’uscita dal carbone. Possibilmente entro il 2023. Ma i buoni propositi sugli aiuti di Stato si scontrano con l’impasse sulla tassonomia per decidere se e in che misura il nucleare e il gas saranno considerate fonti necessarie a garantire la transizione energetica. La decisione tanto attesa in questi giorni è slittata a data da destinarsi. Anche perché la sfida si gioca tutta sull’asse franco-tedesco: Parigi per il nucleare, Berlino contro.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
energia gas gasdotto nucleare prezzi russia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
6 ore
Gli hacker russi ‘dichiarano guerra’ a dieci Paesi ‘russofobi’
Il collettivo filorusso Killnet ha iniziato con l’attacco al sito della polizia italiana. Nel mirino anche Usa, Germania, Regno Unito e gli Stati baltici
Francia
8 ore
Francia, Elisabeth Borne è la prima donna premier dopo 30 anni
La ministra del Lavoro è stata nominata oggi dal presidente Macron. Succede a Jean Castex appena dimessosi
Stati Uniti
8 ore
Il killer di Buffalo ha risparmiato un cliente bianco scusandosi
La scena è stata immortalata nel video pubblicato su Twitch (poi rimosso) da Payton Gendron, il 18enne suprematista autore della strage a sfondo razziale
Estero
8 ore
Francia, si è dimesso il premier Castex, pronta Elisabeth Borne
Pochi dubbi sull’imminente nomina a primo ministro dell’attuale ministra del Lavoro, che sarebbe la prima donna in carica dopo 30 anni
Estero
9 ore
Crisi Covid in Corea del Nord, Kim Jong-Un mobilita l’Esercito
Il leader nordcoreano ha contestato la reazione del suo gabinetto e ordinato la mobilitazione di medici ed attrezzature sanitarie dell’Esercito popolare
Estero
9 ore
Abusi in coppia su 13enne, condannata attrice di Doctor Strange
Zara Phythian e il marito Vitkor Marke sono stati condannati a 8 e 14 anni di carcere per aver abusato di una ragazza adolescente
Estero
10 ore
La Svezia farà richiesta di adesione alla Nato
Lo ha comunicato la premier Magdalena Andersson. Quasi tutti i partiti svedesi hanno dato il loro appoggio. Contrari Sinistra e Verdi
Estero
12 ore
Somalia, partner internazionali salutano il nuovo presidente
L’elezione di ieri di Hassan Sheickh Mohamud è avvenuta dopo mesi di instabilità politica e attacchi di matrice jihadista, a cui si aggiunge la siccità
Estero
12 ore
Hacker filorussi attaccano il sito della polizia italiana
Il collettivo ‘Killnet’ ha dichiarato ‘guerra’ a 10 Paesi. Nei giorni scorsi avrebbero colpito alcuni siti istituzionali e provato a bloccare l’Eurovision
Estero
17 ore
Caldo da record: a Nuova Delhi raggiunti i 49,2 gradi
Da settimane la severa ondata di calore sta colpendo il Nord dell’India e il Pakistan. Gravi le conseguenze per l’agricoltura
© Regiopress, All rights reserved