laRegione
coronavirus
17.12.21 - 19:57
Aggiornamento: 20:40

Macron boccia i tamponi per chi si muove in Europa

Parigi e Berlino d‘accordo. La Germania potrebbe prevedere i tamponi solo per chi arriva dal Regno Unito. Intanto aumentano le restrizioni in molti Paesi

Ats, a cura de laRegione
macron-boccia-i-tamponi-per-chi-si-muove-in-europa
Emmanuel Macron e Olaf Scholz avanti insieme (Keystone)

“Non prevediamo di introdurre test Covid all’interno dell’Ue, perché noi siamo attaccati al buon funzionamento dello spazio comune“. Al termine del confronto tra i leader al Consiglio europeo, Emmanuel Macron blinda l’asse franco-tedesco contro l’obbligo di tamponi per gli arrivi dai Paesi Ue, che segnerà le festività natalizie in Italia, oltre che in Grecia, Portogallo e Irlanda. "La libertà di movimento in Europa è importante”, gli ha fatto eco poco dopo il neocancelliere tedesco Olaf Scholz. E sulle nuove restrizioni, ha chiosato, "stiamo seguendo le orme della Francia”.

Una decisa presa di distanza dalla scelta dell’Italia, fortemente difesa davanti agli altri Paesi membri dal premier Mario Draghi, che ha ribadito la necessità di mantenere la “cautela“. Gli eventuali test anti-Covid potrebbero essere imposti solo "verso Paesi terzi”, ha spiegato ancora il presidente francese. A partire dal Regno Unito, dove la variante Omicron è sempre più diffusa - e in Scozia ormai dominante, secondo la premier Nicola Sturgeon - e oggi si è registrato un nuovo record di oltre 93 mila contagi, mentre l’Irlanda annuncia un coprifuoco alle 20 per bar e ristoranti. Una stretta di Berlino sugli arrivi da oltremanica potrebbe arrivare nelle prossime ore, su pressione dei Laender più colpiti come la Baviera, e non si esclude anche un obbligo di quarantena. Per il nuovo ministro della Salute, Karl Lauterbach, una quinta ondata con il nuovo ceppo è inevitabile e sarà "massiccia”.

Nuove limitazioni

Limitazioni ai viaggi sono attese anche dalla Danimarca, che ha annunciato la chiusura di cinema, teatri e sale da concerto. A Bruxelles, l’irritazione di fronte a un’Europa in ordine sparso sulle restrizioni interne rimane. A quanto si è appreso, i vertici Ue auspicano nel giro di poche settimane un ritorno alla “normalità", magari già dopo le feste. La scadenza dell’obbligo di tamponi imposto dalla Grecia, il 10 gennaio, potrebbe essere un orizzonte. Mentre quella prevista dall’Italia, alla fine del mese prossimo, alle istituzioni europee appare al di là dell’esigenza di scelte “proporzionate” all’attuale livello dell’emergenza. Del resto, la parola chiave a Bruxelles è quella di "salvare il green pass europeo”: per questo, entro Natale la Commissione intende approvare una direttiva per rendere il documento vincolante, con una validità di 9 mesi dall’ultima vaccinazione. E intanto, Atene ha ammorbidito il contenuto delle sue restrizioni ai viaggi, in vigore da domenica, annunciando che saranno ammessi anche i test rapidi e non solo quelli molecolari, come previsto inizialmente.

Intanto, in tutta Europa crescono ancora le restrizioni in vista del Natale. In Austria il via libera ai cenoni riguarda solo gli immunizzati, che potranno però riunirsi in gruppi di massimo 10 persone - per gli eventi con più commensali è previsto invece l’obbligo di tampone -, mentre i no vax resteranno in lockdown, anche se dal 24 al 26 dicembre e la notte di Capodanno potranno lasciare le proprie case per “visitare una persona cara”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
2 ore
L’Odissea degli ultimi: nel 2022 sono 1’400 i morti in mare
In quasi dieci anni, sono invece 25mila le persone che hanno perso la vita nel tentativo di attraversare il Mediterraneo
Iran/Usa
2 ore
Onu, liberato Baquer Namazi insieme al figlio
L’uomo, ex responsabile dell’Unicef, era stato incarcerato nel febbraio del 2016. Entrambi erano stati condannati a dieci anni di prigione per spionaggio
Bosnia ed Erzegovina
4 ore
Di elezioni generali e profonde crisi politiche
Oggi le votazioni ‘federali’ nel Paese balcanico, fra lo spettro dei nazionalismi e dei populismi
Portogallo
21 ore
Pedofilia: il vescovo di Fatima indagato per copertura abusi
Il religioso è rimasto sorpreso dall’informazione, fornitagli da una persona legata ai media: “Collaborerò per chiarire queste situazioni drammatiche”
Africa
22 ore
Burkina Faso, secondo colpo di stato in otto mesi
Il nuovo uomo forte del Paese, nominato presidente dell’Mprs, è ora il capitano Ibrahim Traoré. Frontiere terrestri e aeree chiuse.
Europa
1 gior
Crisi energetica: con gasdotto Grecia-Bulgaria nuova era Ue
L’Ue, ha sottolineato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, ha sostenuto il progetto “sia finanziariamente che politicamente”
Estero
1 gior
Falle Nord Stream in zona discarica armi chimiche
Ma è probabile che l’effetto delle perdite di gas sulle armi chimiche sia minimo, poiché sono sepolte a diversi chilometri
Italia
1 gior
Prega sulla tomba del padre per 33 anni, ma non è lui
Al cimitero in Abruzzo. La scoperta da parte di una donna di 61 anni nel momento della traslazione della salma nell’ossario.
Estero
1 gior
‘Rascismo’: il fascismo russo che piace a Putin
L’ideologia del Cremlino ha una robusta matrice intellettuale nella storia del Paese e condensa alcune caratteristiche classiche dell’estrema destra
Estero
1 gior
Il proclama di Putin: ‘Le regioni annesse nostre per sempre’
Al Cremlino in corso la cerimonia di firma dei trattati di annessione alla Russia delle regioni ucraine in cui si son tenuti i referendum-farsa pro Mosca
© Regiopress, All rights reserved