laRegione
16.12.21 - 23:28

L’Ue contro l’Italia: ‘L’Europa deve coordinarsi sui viaggi’

Draghi tira dritto: ‘La stretta serve contro Omicron’. Ma in molti sono scontenti di queste decisioni unilaterali

Ansa, a cura de laRegione
l-ue-contro-l-italia-l-europa-deve-coordinarsi-sui-viaggi
Tamponi per tenere a bada la variante Omicron (Keystone)

Gli Stati membri devono “coordinarsi" nelle restrizioni sui viaggi, evitando misure "sproporzionate" o “dannose” per il mercato unico. Lo sforzo di Bruxelles per evitare il caos delle misure contro Omicron è scritto nero su bianco nelle conclusioni di un Consiglio Ue dove, ancora una volta, è la pandemia che dilaga in Europa a dominare. Al tavolo sono seduti i leader di Paesi membri, come l’Italia, che una fuga in avanti sulle restrizioni l’hanno già fatta. Ma di fronte a chi chiede “coerenza” negli interventi all’interno dell’Unione, Mario Draghi tira dritto: "Quelle misure servono per mantenere il vantaggio dell’Italia su Omicron, va bene il coordinamento Ue, ma sia guidato dalla cautela”, è la linea del premier italiano, che davanti ai colleghi non cambia di una virgola la posizione illustrata ieri alle Camere.

Nessuno, in realtà, punta il dito contro Italia, Portogallo o Grecia, tutti Paesi che hanno introdotto il tampone anche per i vaccinati. I grandi si tengono abbastanza lontani dall‘argomento, i ’piccoli’, in buona parte, già prima di sedersi alla riunione protestano. “L’obbligo del tampone è un’idea sbagliata", ammonisce il lussemburghese Xavier Bettel. Dello stesso avviso il belga Alexander De Croo o l’estone Karja Kallas, preoccupati dagli effetti del muro del tampone sul gioiello di famiglia Ue, il Green Pass. "Ma in fondo siamo sulla stessa linea, quella di proteggerci e vaccinare, si è fatto molto rumore per nulla”, prova a gettare acqua sul fuoco il sottosegretario agli Affari Ue Enzo Amendola. Il problema è che tra lo scontro tra i leader e il consenso unanime ci passa un mare fatto di sfumature, inviti e qualche frizione, come quella registrata in Commissione per il ritardo sulla notifica dell’ordinanza del ministro Speranza da parte dell’Italia.


Mario Draghi (Keystone)

“Ogni Paese è sovrano e ha il diritto di inserire ulteriori misure di protezione", scandisce un alto funzionario Ue. Ma l’invito resta quello di “allinearsi” il più possibile nelle iniziative, di “coordinarsi” e di "informare adeguatamente i partner”, dentro e fuori l’Europa. Ed è un invito che avrà una diretta conseguenza sul Green Pass: la Commissione, sollecitata dai leader, emanerà infatti un nuovo atto delegato per uniformare la durata del certificato. E chissà che, si sottolinea a Bruxelles, nel testo non venga inserita anche una raccomandazione ad ulteriori misure come il test per gli arrivi extra-Ue. Sul Green Pass, l’indicazione dovrebbe essere quella dei 9 mesi inclusa la terza dose, benché i Paesi membri in ritardo con i vaccini puntino (con scarso successo) ai 12 mesi. È una riunione fiume quella dell’Europa Building, di una sola giornata ma con un menù ricco di dossier, quasi tutti divisivi. Come quello energetico, dove la Spagna, affiancata dall’Italia e altri (con la Francia a fare da sponda), torna alla carica per un corposo intervento sul mercato, svincolando i prezzi dell’elettricità da quelli del gas.

“Lo stock comune non basta, si intervenga rapidamente”, avverte Pedro Sanchez. Nel mirino finisce anche il mercato delle emissioni (Ets), del quale la Polonia - ma anche la Spagna - chiede un maggior controllo anti-speculativo. L’ombra della tassonomia e dell’inserimento del nucleare tra le fonti green aumenta le distanze. Le conclusioni si fanno attendere, con il rischio di un compromesso al ribasso. Quello che chiude il 2021 è anche il Consiglio di Emmanuel Macron e Olaf Scholz. Il primo si appresta a guidare la presidenza di turno Ue proprio mentre si giocherà il tutto per tutto alle elezioni in Francia. L’erede della Merkel è al suo esordio a Bruxelles. Entrambi, raccontano fonti europee, si lanciano in interventi lunghi e densi. Draghi, incoronato dall’Economist e dopo aver sigillato l’asse con Parigi con il Trattato del Quirinale, si appresta a incontrare faccia a faccia Scholz lunedì a Roma. Tutti e tre, almeno sulla carta, mirano ad una revisione del Patto di stabilità con una maggiore flessibilità sugli investimenti. Un’idea di documento in comune italo-francese è filtrata nelle scorse ore. La forma (una lettera al Financial Times?) e i modi sono tutti da decifrare. La Spagna, ad esempio, ha già storto il naso: se Parigi, Roma e Berlino spingono per la flessibilità, perché escludere Madrid?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
LA GUERRA IN UCRAINA
9 ore
Putin parla di accordo, ma attacca gli Usa
Il presidente russo allude a nuove aperture, criticando però il presunto colonialismo occidentale. Incontri diplomatici a Istanbul
Estero
10 ore
Marco Cappato si autodenuncia per aiuto al suicidio
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
12 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
16 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
23 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
© Regiopress, All rights reserved