laRegione
hong-kong-nuova-condanna-per-il-magnate-jimmy-lai
Keystone
Jimmy Lai
13.12.21 - 21:52

Hong Kong, nuova condanna per il magnate Jimmy Lai

Altri 13 mesi di reclusione. Pene detentive anche per altri attivisti pro-democrazia per la veglia del 2020 in ricordo delle vittime di Tienanmen.

Pechino – La Corte distrettuale di Hong Kong non fa sconti al magnate dei media pro-democrazia Jimmy Lai, condannandolo a ulteriori 13 mesi di reclusione per “incitamento alla partecipare” ad una manifestazione non autorizzata: la veglia del 2020 in ricordo della repressione di Piazza Tienanmen. La giudice Amanda Woodcok ha deciso pene detentive, tra i 4 mesi e mezzo fino ad un massimo di 14 mesi, a carico del tycoon e di altri 7 attivisti pro-democrazia, tutti riconosciuti responsabili a vario titolo “dell’organizzazione, la partecipazione o l’incitamento alla partecipazione” all’appuntamento che per trent’anni si è tenuto al Victoria Park. Appuntamento che, dopo le violenti proteste nella città del 2019, la polizia non ha autorizzato l’anno successivo, ufficialmente per la pandemia del Covid-19.

“Se commemorare coloro che sono morti per la giustizia è un crimine, allora attribuitemi quel crimine e lasciatemi subire la punizione in modo che io possa condividere il peso della gloria di quei giovani uomini e donne che hanno versato il loro sangue il 4 giugno”, ha affermato il magnate 74enne, in un appello alla Corte contenuto in una lettera letta durante l’udienza dal suo legale, Robert Pang.

Tra gli imputati c’erano anche gli ex deputati Leung Yiu-chung e Wu Chi-wai, l’attivista Gwyneth Ho e Chow Hang-tung, noto avvocato per i diritti nonché la vicepresidente dell’Alleanza per Hong Kong, l’associazione titolare della veglia costretta allo scioglimento a settembre. Tutti si erano dichiarati colpevoli a novembre, ad eccezione di Lai, Chow e Ho, gli unici a essersi sottoposti alla fase dibattimentale. Ho è stata condannata per aver preso parte alla veglia e Chow per incitamento e partecipazione.

Punzioni ‘dissuasive’

La giudice Woodcock, alla lettura del dispositivo, ha spiegato che c’era bisogno di punizioni “dissuasive” poiché vari imputati avevano commesso il reato mentre erano in libertà vigilata. E altri, tra cui Lai, sono già in carcere per pene detentive legate a manifestazioni non autorizzate nel 2019. Sul tycoon e Chow pendono i procedimenti sulla violazione della legge sulla sicurezza nazionale con il rischio dell’ergastolo.

Per decenni, l’ex colonia britannica (con Macao) è stata tra i pochi luoghi in Cina in cui sono state tollerate le iniziative per commemorare gli eventi di Piazza Tienanmen del 1989, dove centinaia - se non migliaia di studenti - morirono quando l’Esercito popolare di liberazione fu schierato per reprimere le proteste, ponendo fine a mesi di manifestazioni a sostegno di riforme e democrazia.

La Cina dopo le proteste del 2019 è diventata insofferente e ha rafforzato la presa sul Hong Kong, imponendo a fine giugno 2020 la legge sulla sicurezza nazionale per stroncare il dissenso. Le stesse elezioni del 19 dicembre per rinnovare il parlamentino locale sono blindate a favore del fronte pro-Pechino grazie alla profonda revisione del sistema elettorale che affida in via esclusiva la gestione della città soltanto ai ‘patrioti’.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
attivisti condanna hong kong jimmy lai pro-democrazia tienanmen
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
4 min
Lavoro, la pandemia ha toccato maggiormente i giovani
La fascia d’età tra i 15 e i 24 anni ha perso più impieghi rispetto agli adulti. Lo indica l’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo).
Confine
37 min
Monteviasco offre gestione gratuita dell’ostello per rilanciarsi
Il comune del Varesotto a poca distanza dal Ticino cerca un gestore per la struttura attualmente inutilizzata per rilanciarsi dopo l’isolamento
Estero
1 ora
Ogni anno 20’000 elefanti vengono uccisi per le zanne
Oggi è la Giornata mondiale dell’elefante. In pericolo la specie di elefante di savana, a elevato rischio di estinzione l’elefante di foresta
Confine
2 ore
Fermato in dogana con ricambi di orologi di lusso non dichiarati
Un 70enne del Biellese è stato controllato al valico di Piaggio Valmara di rientro dalla Svizzera. La merce aveva un valore di circa 10’000 euro
Estero
4 ore
Con il caro-energia, addio ai voli a 10 euro di Ryanair
Lo ha dichiarato il Ceo della compagnia irlandese. Le tariffe superscontate sono destinate a sparire per un certo numero di anni
Estero
5 ore
Kim Jong-Un proclama una ‘eclatante vittoria’ sul Covid-19
Il leader nordcoreano ha dichiarato vinta la guerra contro il virus dopo quasi due settimane senza alcun caso ufficialmente registrato nel Paese
Estero
5 ore
Arrestato uno dei quattro ‘Beatles’ dell’Isis
Aine Davis, britannico, è accusato di far parte di un gruppo di rapitori e assassini dello Stato islamico ribattezzato come il quartetto di Liverpool
Estero
15 ore
Fermata di nuovo la giornalista russa col cartello ‘No War’
Marina Ovsyannikova era apparsa in tv durante un tg inneggiando alla pace: ora rischia fino a dieci anni di carcere
alpi
16 ore
Persi 200 ghiacciai, lo zero termico a 5mila metri
La temperatura registrata in Svizzera, a luglio, all’altezza di 5’184 metri. ‘Un dato senza precedenti’
Estero
17 ore
Trump interrogato sul fisco a New York: ‘Non rispondo’
L’ex presidente invoca il quinto emendamento e attacca la procuratrice afroamericana James, accusata di essere ‘razzista’
© Regiopress, All rights reserved