laRegione
09.12.21 - 21:03

Le truppe Usa restano in Iraq, da combattenti a istruttori

I circa tremila soldati avranno un’altra missione: dall’anno prossimo assumeranno il ruolo di consulenti e addestratori delle forze armate irachene

di Ats/Ansa
le-truppe-usa-restano-in-iraq-da-combattenti-a-istruttori
Nuova missione: consulenza e addestramento (Keystone)

Gli Stati Uniti e i loro alleati non ritirano dall’Iraq i circa tremila soldati, dispiegati da anni nel paese nell’ambito della “lotta all’Isis”, ma trasformeranno la missione da combattimento sul terreno a consulenza e addestramento alle forze armate irachene. Questo mentre rimane alta la tensione tra le milizie filo-iraniane e le truppe statunitensi, dispiegate non solo in Iraq ma anche nella vicina Siria. Il consigliere della sicurezza nazionale irachena, Qassem Araji, e il direttore delle relazioni esterne del ministero degli interni di Baghdad, il generale Saad Maan, hanno annunciato quanto già anticipato dal presidente americano Joe Biden: entro il 31 dicembre i 2’500 militari Usa, inquadrati nella Coalizione globale anti-Isis guidata da Washington, assieme a circa altri mille militari di contingenti membri della stessa coalizione, cesseranno ogni attività di combattimento e forniranno addestramento e consulenza alle forze federali irachene.

Stamani si è svolta a Baghdad una riunione tra i vertici dell’esercito iracheno e il comandante in capo della Coalizione, il generale statunitense John Brennan, seduto accanto al suo vice, il generale britannico Karl Harris. All’incontro hanno partecipato rappresentanti dell’esercito francese, della Nato e delle forze militari curdo-irachene. Una larga partecipazione a mostrare quanto ampio sia l’accordo tra il fronte filo-statunitense e il governo uscente di Baghdad. Il leader populista sciita Moqtada Sadr ha stravinto le elezioni legislative del 10 ottobre scorso, che hanno visto la cocente sconfitta dei partiti armati vicini all’Iran. I negoziati per la formazione del nuovo governo proseguiranno a lungo. Ma analisti locali concordano nel dire che né Sadr né i suoi possibili alleati di governo intendono modificare gli accordi presi da Baghdad e da Washington.

E questo nonostante i ripetuti avvertimenti lanciati contro i soldati americani dalle milizie filo-iraniane, da anni diventate parte del sistema istituzionale iracheno. E nelle ultime ore, sui profili sulle reti sociali di dirigenti e seguaci di questi partiti armati sostenuti da Teheran sono comparse nuove minacce alle truppe americane in Iraq e in Medio Oriente. Gli Stati Uniti si erano ritirati militarmente dall’Iraq nel 2011, dopo aver occupato il paese nel 2003. Nel 2014, di fronte alla sorprendente avanzata dell’Isis, Washington era di nuovo intervenuta nel paese, arrivando a schierare più di 10’000 unità, poi gradualmente ridotte dagli inizi del 2018 a 8’000. Poi era cominciata una fase sempre più acuta della tensione tra Washington e Teheran, culminata con l’uccisione nel gennaio del 2020 del generale iraniano Qasem Soleimani a Baghdad, in un raid in cui era stato ucciso il principale leader delle milizie irachene filo-iraniane. Gli attacchi contro gli interessi americani in Iraq e in tutta la regione erano proseguiti, così come i raid degli Usa e di Israele contro basi e depositi di armi di milizie filo-Teheran in Iraq ma soprattutto nella vicina Siria.

L’annuncio di Biden di un "ritiro entro la fine del 2021" aveva visto ridurre le truppe alle attuali 2’500 unità. Ma ha anche aperto prospettive di incertezza, in particolare alla luce delle recenti ripercussioni del ritiro militare degli Usa dall’Afghanistan. In Iraq rimarranno più di tremila soldati, tra truppe statunitensi e dei paesi alleati. E, come riferito dai media iracheni, nella riunione odierna i generali iracheni e curdo-iracheni hanno presentato al generale Brennan e ai rappresentanti della Nato una sorta di "lista della spesa" per i prossimi due anni di permanenza, il tutto giustificato con la necessità di "sconfiggere il terrorismo" e “stabilizzare” la regione.


Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
italia
35 min
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
55 min
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
2 ore
La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio
Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
Spagna
3 ore
Scontro tra due treni in Catalogna, 155 feriti
L’incidente è avvenuto presso la stazione di Montcada i Reixac-Manresa. Dove uno dei due convogli era fermo
Iran
4 ore
Ucciso mentre festeggia la sconfitta, arrestato capo polizia
Il 27enne, per strada ad acclamare il kappaò contro gli Stati Uniti, era stato freddato con un colpo alla testa
Argentina
5 ore
‘Meglio andare in prigione che essere una marionetta’
‘Non mi ricandiderò’. Così l’ex presidente argentina Cristina Fernandez de Kirchner dopo la lettura della sentenza di condanna a sei anni di prigione
Stati Uniti
5 ore
Luce verde alla vendita di elicotteri alla Corea del Sud
Gli Stati Uniti forniranno a Seul apparecchi Ch-47 Chinook per un valore stimato in 1,5 miliardi di dollari
Stati Uniti
5 ore
Trump Organization colpevole di frode fiscale a New York
Un piccolo graffio nel colosso di famiglia dell’ex presidente degli Stati Uniti, ma un duro colpo per la sua ricandidatura alla Casa Bianca
reportage dall’ucraina
8 ore
Freddo, paura e fantasmi. ‘Ci troveranno morti assiderati’
Le città strappate all’invasione tornano ad accendersi con generatori e candele. ‘Sembra di rivivere la Seconda Guerra Mondiale che raccontava mio nonno’
la guerra in ucraina
16 ore
La Lettonia oscura il canale indipendente russo Dozhd
‘Sostiene la guerra’. Navalny protesta: ‘Errore, è un favore a Putin’
© Regiopress, All rights reserved