laRegione
unione europea
30.11.21 - 22:55

Natale ‘censurato’, l’Ue ritira il documento

Il dietrofront dopo le polemiche: i cattolici esultano. Bruxelles: ‘Volevamo essere inclusivi, ma abbiamo sbagliato le linee guida’

Ansa, a cura de laRegione
natale-censurato-l-ue-ritira-il-documento
Babbi Natale a passeggio (Keystone)

A fine dicembre, quando lo staff della Commissione Ue saluterà ospiti e giornalisti prima di rivedersi nel 2022, potrà anche dire “buon Natale”. L‘esecutivo europeo, dopo averci pensato una notte, ha ritirato le linee guida sulla comunicazione appena varate che invitavano, tra le altre cose, ad evitare riferimenti al Natale e ad augurare piuttosto ’buone Feste’. “Lo scopo era illustrare la diversità della cultura europea e mostrare la natura inclusiva della Commissione. Tuttavia, la versione pubblicata delle linee guida non è funzionale a questo scopo”, ha annunciato Helena Dalli, commissaria all’Uguaglianza che aveva patrocinato l’iniziativa.

In mattinata il segretario di Stato della Santa Sede, cardinale Pietro Parolin, era stato critico. “Chi va contro la realtà si mette in serio pericolo. Questa non è certamente la strada per combattere le discriminazioni”, erano state le parole del porporato. Eppure, non è certo contro la Chiesta cattolica che la Commissione intendeva andare. Ma qualcosa, a Palazzo Berlaymont, è andato storto. Innanzitutto, come ha sottolineato il portavoce della Commissione Eric Mamer nel briefing quotidiano, si trattava di un documento interno, focalizzato sul linguaggio da utilizzare, senza alcun valore legale o implicazione per gli Stati membri. Solo che una manciata di ore dopo che erano state limate, le linee guida hanno varcato i confini della sede della Commissione. Inoltre qualcosa sembrerebbe essere uscito dai binari nella scrittura stessa del testo.

Ammissione di colpa

“Forse gli esempi potevano essere migliori", hanno ammesso dalla Commissione. "L’obiettivo era riflettere le diversità che abitano l’Ue, ma deve essere fatto nel modo giusto”, ha chiosato lo stesso Mamer. Con un non detto: gli inviti a non usare nomi tipici di una religione o l’esempio messo nero su bianco sul Natale - in cui si consigliava di sostituire la frase ’i giorni di Natale sono stressanti’ con un più generico ‘le festività sono stressanti’ - si sono rilevati un boomerang.

Forse, a Bruxelles, non si aspettavano neanche tutta questa eco. Ma l’eco c’è stata eccome. E non solo nel dibattito politico italiano ma anche sui social e al Parlamento Ue. “Abbiamo fatto parecchio rumore ieri, alla fine Ursula von der Leyen ha deciso di chiudere questo capitolo”, ha esultato l’europarlamentare e coordinatore nazionale di FI Antonio Tajani, al quale subito si è affiancata la soddisfazione di Lega e FdI. A Strasburgo le perplessità della politica sono state trasversali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il commento
2 ore
I 70 anni di Putin e i bivi della Storia
Sta lasciando il Paese peggio di come l’ha trovato, in crisi e in guerra. Cosa sarebbe accaduto se Eltsin avesse scelta il liberale Nemtsov al suo posto?
Confine
2 ore
Minori non accompagnati, aumenta la pressione in frontiera
Nel suo oratorio di Rebbio, don Giusto della Valle sta attualmente ospitando 15 ragazzi egiziani. A Como mancano strutture sufficienti per tutti.
Estero
10 ore
Nasce la Comunità politica europea, c’è anche la Svizzera
L’incontro a Praga con 44 Paesi presenti. C’è anche la Turchia. Restano fuori solo Russia e Bielorussia
thailandia
17 ore
Entra nell’asilo e fa una strage: 37 vittime, 24 sono bambini
Il killer, un ex poliziotto licenziato dopo un test antidroga, ha poi sterminato la famiglia e infine si è ucciso
Brasile
23 ore
Presidenziali brasiliane, Lula in vantaggio
Nel primo sondaggio in vista del ballottaggio del 30 ottobre in Brasile, l’ex presidente di sinistra incasserebbe il 51% dei favori
Corea del Nord
1 gior
Altri due missili verso il Mar del Giappone
Altre provocazioni dalla Corea del Nord. E dall’ambasciatrice americana all’Onu arriva il richiamo: ‘Basta con questo atteggiamento sconsiderato’
Burkina Faso
1 gior
Burkina Faso, Ibrahim Traoré nominato presidente
Dopo il secondo colpo di Stato nel Paese in meno di nove mesi, al capitano sono stati conferiti pieni poteri
caro-energia
1 gior
L’Opec taglia la produzione di petrolio: schiaffo agli Usa
Diminuzione di due milioni di barili al giorno proprio mentre Washington cercava di contenere i prezzi
la guerra in ucraina
1 gior
Putin: ‘Ci riprenderemo tutti i territori persi’
Lo zar promuove Kadyrov e annette anche la centrale nucleare, ma Kiev avanza ancora
Estero
1 gior
Servizi americani: ‘Kiev dietro l’omicidio Dugina, Usa estranei’
Secondo fonti dell’intelligence citate dal Nyt, i servizi di Washington non erano a conoscenza dell’attentato contro la figlia dell’ideologo di Putin
© Regiopress, All rights reserved