laRegione
28.11.21 - 11:42
Aggiornamento: 14:56

Ripartono domani a Vienna i colloqui con l’Iran sul nucleare

Pochi giorni fa Teheran aveva ribadito di non voler rinunciare al proprio programma. Il clima prevalente è di generale pessimismo

ripartono-domani-a-vienna-i-colloqui-con-l-iran-sul-nucleare

Riprendono domani, dopo oltre cinque mesi, i colloqui a Vienna sul nucleare iraniano fra Teheran e gli Stati Uniti e le altre cinque potenze alleate che firmarono il Trattato del 2015 (Cina, Russia, Francia, Regno Unito e Germania), poi disatteso per l’uscita unilaterale degli Usa di Donald Trump. Ma il clima prevalente, notano gli osservatori ripresi dai media internazionali, è di generale pessimismo.

Il presidente americano Joe Biden ha cambiato linea politica rispetto al predecessore e vorrebbe un ritorno al dialogo per mettere sotto controllo internazionale il piano di sviluppo nucleare dell’Iran, governato ora dal presidente ultraconservatore Ebrahim Raisi.

Teheran pochi giorni fa ha ribadito di non voler rinunciare al suo programma nucleare, criticando l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (Aiea) per presunta “parzialità” e venerdì ha annunciato un ulteriore incremento nell’arricchimento dell’uranio, suscitando anche sdegno per la repressione dei disordini per carenza d’acqua a Isfahan. Teheran invierà una nuova delegazione di negoziatori e ribadisce di esigere la fine di tutte le sanzioni.

Biden, scrive oggi Politico, è pronto ad alzarsi e a uscire se il dialogo per riportare in vita il Joint Comprehensive Plan of Action (Jcpa) non dovesse fare progressi. “Naturalmente il fallimento dell’Iran nel cooperare è un cattivo segno sulla sua serietà per una conclusione di successo dei nostri negoziati”, ha dichiarato il Dipartimento di Stato americano mercoledì scorso. Gli Stati Uniti, ricorda la Cnn, se fallissero i negoziati, sono pronti ad “altre opzioni”.

Quanto agli altri cinque paesi, membri con gli Usa del gruppo 5+1, cioè i cinque membri permanenti del Consiglio di sicurezza Onu più la Germania, l’obiettivo è di ripartire da dove i negoziati si erano fermati, ma dovranno fare i conti con l’incognita della nuova amministrazione iraniana, virata decisamente verso la linea dura con il falco Raisi, in carica dallo scorso agosto.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
5 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
12 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
Francia
2 gior
Obsolescenza programmata, dalla Francia una denuncia per Apple
Il colosso americano degli smartphone accusato di limitare le possibilità di riparazione delle sue apparecchiature
Francia
2 gior
La Francia risparmia Co2 e chiude tre tratte a corto raggio
Via libera da Bruxelle per la soppressione di collegamenti aerei Orly-Bordeaux, Orly-Nantes e Orly-Lione
© Regiopress, All rights reserved