laRegione
25.11.21 - 21:12

Ricucitura tra Parigi e Londra dopo il naufragio nella Manica

Tre bimbi e una donna incinta tra le vittime. Francia e Gran Bretagna cercano di mettere da parte le polemiche e di avviare una cooperazione.

Ansa, a cura de laRegione
ricucitura-tra-parigi-e-londra-dopo-il-naufragio-nella-manica
Keystone
Fine del viaggio

Parigi – Stop ai viaggi mortali nella Manica. All’indomani del disastro nel braccio di mare che separa Francia e Gran Bretagna, con almeno 27 migranti morti, tra cui tre bambini e una donna incinta, Parigi e Londra cercano di mettere da parte tensioni e scambi d’accuse per evitare che la Manica si trasformi nel secondo cimitero a cielo aperto d’Europa dopo il Mediterraneo.

Da Zagabria, dove si trovava per la sua prima visita ufficiale in Croazia prima di giungere a Roma per la firma del Trattato del Quirinale, Emmanuel Macron è tornato ad esprimere il “cordoglio della nazione rispetto a quelle donne e quegli uomini che hanno perso la vita in mare per fuggire la miseria, l’oppressione politica, l’assenza di libertà. Faremo di tutto per rintracciare e condannare i responsabili che sfruttano la miseria e la sofferenza”, ha assicurato il presidente, invocando una “cooperazione europea più forte” per smantellare le reti di trafficanti.

‘Sforzi congiunti’

A cominciare da quella con la Gran Bretagna, segnata da forti tensioni diplomatiche che ora rischiano di riemergere a causa di una nuova escalation sulla pesca. Nel colloquio telefonico di ieri sera, Macron e il premier britannico Boris Johnson hanno tentato di superare i veleni concordando “sull’urgente necessità di aumentare gli sforzi congiunti per impedire gli attraversamenti e fare tutto il possibile per fermare i trafficanti che mettono a rischio la vita” dei migranti, ha affermato un portavoce di Downing Street.

Intanto, mentre gauche e le associazioni umanitarie come il Secours Catholique invocano un miglioramento della politica di accoglienza della Francia, Parigi ha invitato i ministri incaricati dell’immigrazione del Belgio, della Germania, dei Paesi Bassi e della Gran Bretagna, come anche la Commissione Ue, ad un incontro domenica a Calais. Una riunione, hanno spiegato i servizi del premier Jean Castex, che ha l’obiettivo di “definire le vie e i mezzi di rafforzare la cooperazione di polizia, giudiziaria e umanitaria” ma anche di “lottare più efficacemente contro le reti di passeur”.

Pattugliamenti, respinta l’offerta britannica

“La Francia - ha dichiarato Macron - è un Paese di transito, ci battiamo contro queste reti di trafficanti che sfruttano la miseria, ma dobbiamo per questo migliorare la cooperazione europea”. Parole in linea con quelle della ministra degli Interni britannica, Priti Patel, che ha invocato uno “sforzo internazionale coordinato” ribadendo l’offerta di Londra di pattugliamenti congiunti sulle coste francesi, al momento respinta da Parigi.

Secondo la procura di Lille, le vittime del naufragio sono 17 uomini, sette donne e tre bambini. Due i sopravvissuti recuperati in gravi condizioni di ipotermia. A Calais, altri migranti vicini alle vittime sono sotto shock mentre cinque presunti passeur sono stati fermati. Il dramma è avvenuto a bordo di un long boat, un battello gonfiabile partito da Dunkerque, con a bordo curdi, iracheni, iraniani e afghani che sognavano di raggiungere l’Inghilterra.

Alla tragedia dei migranti si sommano però le tensioni franco-britanniche sulla pesca. Con i pescatori francesi che hanno annunciato per domani il blocco del traffico merci agli accessi di tre porti della Manica e nel tunnel che le passa sotto in segno di protesta per chiedere la concessione rapida da parte di Londra delle licenze di pesca post-Brexit.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
3 min
Spagna, notificato un caso di contagio da aviaria
Secondo la testata digitale eldiario.es, sarebbe la seconda persona in Europa essere stata testata positiva al virus
la guerra in ucraina
54 min
Al via domani le esercitazioni di soldati tedeschi in Lituania
L’azione fa parte della strategia di maggiore presenza della Nato sul fianco orientale dell’Alleanza dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia
la guerra in ucraina
2 ore
Kadyrov manda i tre figli minorenni al fronte
Il presidente ceceno: ‘Sono addestrati, è arrivato per loro il momento di andare in battaglia’. Hanno 16,15 e 14 anni
la guerra in ucraina
2 ore
Putin frena sul nucleare, i russi arretrano ancora
Il Cremlino ora parla di confini mobili a Kherson e Zaporizhzhia: ‘Penetrate le nostre linee di difesa’
balcani
2 ore
Voto in Bosnia: Dodik tiene, ma avanzano i moderati
Alla presidenza per l’entità serba andrà Zeljka Cvijanovic, l’ex presidente eletto nella Republika Srpska. Sconfitto anche il figlio di Izetbegovic
Regno Unito
4 ore
Un taglio di capelli? ‘La prossima volta’
Finito il periodo di lutto, primo impegno ufficiale per re Carlo III, oggi in visita alla cittadina scozzese di Dunfermline
Russia
5 ore
Elude i domiciliari la giornalista russa ‘no war’
Prima la multa per il cartello mostrato durante un telegiornale, poi la condanna per quello esposto vicino al Cremlino. E ora la fuga
Confine
6 ore
Lavori nella galleria di San Fermo Nord, code verso il Ticino
Il cantiere per la ricostruzione della calotta della galleria durerà fino al 18 novembre. Traffico verso nord deviato sotto San Fermo Sud
Iran
8 ore
Italiana arrestata a Teheran nel giorno del suo compleanno
Alessia Piperno era entrata in Iran con altri turisti. La Farnesina sta verificando le informazioni del padre rilasciate su Facebook
Iran
12 ore
Scontri fra studenti e forze di sicurezza: lezioni sospese
Non si placano le proteste dopo la morte della 22enne curda arrestata dalla polizia perché indossava, a loro dire, il velo in modo inappropriato
© Regiopress, All rights reserved