laRegione
24.11.21 - 22:30
Aggiornamento: 22:51

Schiaffo a Xi, Biden invita Taiwan al summit per la democrazia

Ira di Cina e Russia escluse con Turchia, Ungheria e gli arabi. Pechino: ‘Meglio non scherzare col fuoco’

schiaffo-a-xi-biden-invita-taiwan-al-summit-per-la-democrazia
Bandiera e militari di Taiwan a Taipei (Keystone)

Joe Biden include anche Taiwan tra i 110 Paesi del primo Summit per la democrazia, previsto in forma virtuale il 9 e il 10 dicembre, e fa infuriare non solo la Cina ma anche la Russia, esclusa insieme ad altri Paesi come la Turchia di Erdogan e l’Ungheria di Orban da un controverso elenco che secondo il Cremlino “divide il mondo in buoni e cattivi”. La guest list stilata dalla Casa Bianca diventa infatti una mappa geopolitica di quella che il presidente americano ritiene la sfida cruciale del XXI secolo: tra le democrazie e le autocrazie o dittature. Taipei ha incassato l’invito e ringraziato: “Attraverso questo vertice, Taiwan può condividere la sua storia di successo democratico”, ha spiegato il portavoce del presidente Xavier Chang.

Pechino però è sulle barricate, accusando gli Usa di aver commesso un “errore“ e opponendosi "fermamente" all’invito a Taiwan, che considera "parte inalienabile del territorio cinese”, come ha ammonito il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian. Gli ha fatto eco la portavoce dell’ufficio cinese per gli affari di Taiwan, Zhu Fenglian, che ha sollecitato gli Stati Uniti a rispettare la "politica di una sola Cina”, con cui riconoscono i loro rapporti ufficiali solamente con Pechino. Ma questo non ha impedito a Washington di mantenere relazioni anche con Taipei, compresa la fornitura di armi per l’autodifesa, e di opporsi a ogni cambiamento del suo status con la forza. Nel recente vertice con Biden, il presidente cinese Xi Jinping aveva tuttavia messo in guardia a non superare le “linee rosse” e a “non scherzare col fuoco” sull’indipendenza di Taiwan.


Joe Biden alle Nazioni Unite (Keystone)

Putin non ci sta

Dura anche la reazione del Cremlino, sullo sfondo delle crescenti tensioni tra Occidente e Mosca sull’Ucraina: “Purtroppo gli Stati Uniti preferiscono tracciare nuove linee di divisione e dividere i Paesi in buoni e cattivi in base a come appaiono ai loro occhi", ha commentato il portavoce Dmitri Peskov, accusando Washington di tentare di "privatizzare la parola democrazia”. Ma la lista degli invitati ha suscitato critiche e perplessità non solo a Mosca e Pechino. In Europa è stata esclusa l’Ungheria del premier populista Viktor Orban ma è stata inclusa la Polonia, nonostante le ripetute tensioni con Bruxelles sul rispetto dei principi e dei valori della Ue, a partire dall’indipendenza della magistratura.

Fuori anche la Turchia del satrapo Recep Tayyip Erdogan, importante alleato Nato, ma anche Singapore e Bangladesh. In Medio Oriente hanno staccato il biglietto d’invito solo Israele e l’Iraq, mentre i tradizionali alleati arabi degli americani resteranno a casa: Egitto, Emirati Arabi, Qatar, Giordania, Qatar e l’Arabia Saudita del principe Mo?ammad bin Salman. Promossi invece l’India - definita “la più grande democrazia del mondo” nonostante le crescenti critiche dei difensori dei diritti umani contro Modi -, il Pakistan, che ha relazioni controverse con gli Usa, e le Filippine dell’autoritario Rodrigo Duterte. Tra i ‘buoni’ infine il Brasile del presidente populista di estrema destra Jair Bolsonaro. L’annuncio Usa arriva poco dopo l’imbarazzante rapporto annuale del think tank internazionale Idea, che per la prima volta ha inserito gli Stati Uniti tra le democrazie in arretramento, in compagnia di Ungheria, Polonia e Slovenia. Tra i motivi “il declino nella qualità della libertà di associazione durante l’estate delle proteste (anti razziste) nel 2020” e la successiva contestazione della legittimità delle elezioni da parte di Trump e dei suoi fan che attaccarono il Congresso.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
LA GUERRA IN UCRAINA
9 ore
Putin parla di accordo, ma attacca gli Usa
Il presidente russo allude a nuove aperture, criticando però il presunto colonialismo occidentale. Incontri diplomatici a Istanbul
Estero
10 ore
Marco Cappato si autodenuncia per aiuto al suicidio
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
11 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
16 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
23 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
© Regiopress, All rights reserved