laRegione
24.11.21 - 11:56
Aggiornamento: 14:37

Italia verso il ‘super Green Pass’ già in zona bianca

Il governo Draghi varerà oggi la nuova stretta nei confronti dei non vaccinati. Si parla di obbligo vaccinale per forze dell’ordine e personale scolastico

italia-verso-il-super-green-pass-gia-in-zona-bianca
Keystone

Anche l’Italia, dopo l’Austria, è orientata all’adozione del cosiddetto ‘modello 2G’ (dal tedesco “geimpft”, vaccinato, e “genesen”, guarito) per pianificare le nuove restrizioni anti-Covid. La stretta del governo Draghi prevede infatti che l’accesso a bar, ristoranti, palestre, e in generale alle attività ricreative e culturali sia riservato solo a persone vaccinate o guarite dal Covid, escludendo dunque la possibilità di ricorrere al test: un “super Green Pass”, insomma, come è stato definito dalla stampa italiana. Viene dunque messo in atto il principio che eventuali, nuovi divieti debbano essere imposti solo ai no-vax e non a chi ha scelto di vaccinarsi: per recarsi al lavoro, invece, basterà il Green Pass “standard”, ovvero anche con un test-Covid negativo.

Sul tavolo di Palazzo Chigi anche la controversa questione dell’obbligo vaccinale, del quale è con tutta probabilità da escludere, al momento, l’estensione a tutta la popolazione, anche per le differenti opinioni sul tema nella composita maggioranza che sostiene il governo Draghi e per dubbi di costituzionalità. La proposta in campo è quella di imporre l’obbligo di vaccinazione ai membri delle forze dell’ordine e al personale scolastico, con il ministro della Funzione Pubblica Renato Brunetta che vorrebbe estenderlo anche ai dipendenti della pubblica amministrazione che lavorano in sportelli a contatto con il pubblico. Quanto alla terza dose, verrà valutato di effettuarla dopo 5 mesi anziché 6 dall’ultima dose, di estenderla eventualmente a tutta la popolazione e di renderla obbligatoria per i lavoratori in campo sanitario e nelle residenze per anziani. È in corso la “cabina di regia politica” per definire gli ultimi dettagli, poi alle 13 si riunirà il Comitato tecnico scientifico del governo italiano per esprimere un parere sulle nuove misure. All’ordine del giorno del Comitato c’è, fra l’altro, la richiesta dell’esecutivo di valutare la riduzione da 12 a 9 mesi della durata del Green Pass, e di quella dei tamponi antigenici rapidi a solo 24 ore.

Il provvedimento, su cui c’è la pressoché totale unanimità dei governatori delle Regioni, dovrebbe scattare lunedì prossimo, 29 novembre, o il successivo, il 6 dicembre, comunque prima della festività dell’Immacolata Concezione che cade l’8 dicembre: l’obiettivo è quello di evitare chiusure natalizie che avrebbero un impatto devastante sull’economia. Il tema principale della discussione è il quando applicare il “super Green Pass”: alcune Regioni, insieme all’ala “rigorista” del governo capeggiata dal ministro della Salute Roberto Speranza, premono affinché le restrizioni ai no-vax siano in vigore già nella cosiddetta “zona bianca”, ovvero la fascia che non prevede restrizioni, mentre i governatori della Lombardia Fontana, del Veneto Zaia e del Friuli Venezia-Giulia Fedriga, tutti e tre appartenenti alla Lega, chiedono che esse scattino, invece, solo al peggiorare della situazione con conseguente cambio di “colore”, al crescere dell’incidenza dei casi e dell’occupazione ospedaliera nei reparti ordinari e in cure intense. Dalla cabina di regia in corso a Palazzo Chigi, secondo quanto riferiscono le agenzie di stampa italiane Adnkronos e Ansa, emerge l’orientamento per la prima soluzione. Stando a fonti presenti alla cabina di regia tra il premier Mario Draghi e i capi delegazione delle forze di maggioranza, nel corso della riunione sarebbe prevalsa la decisione di una stretta sui “no-vax” già in zona bianca, “aprendo” le attività ricreative solo a coloro in possesso del cosiddetto “super” Green Pass, ovvero per chi è vaccinato o guarito. La stretta dunque non dovrebbe arrivare solo dove salgono i contagi e le situazioni negli ospedali sono più critiche – ovvero dall’area gialla a salire – ma dappertutto e senza distinzioni di sorta. Non cambieranno le regole in zona rossa, quindi le limitazioni agli spostamenti e le chiusure scatteranno per tutti, anche se vaccinati.

Saranno inoltre intensificati i controlli sul “normale” Green Pass. Alla stretta per i non vaccinati o guariti, corrisponderà quindi un più generale irrigidimento dei controlli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
l’invasione russa
3 ore
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
4 ore
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
5 ore
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
5 ore
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
Estero
9 ore
Piccolo Stato, grande multa: San Marino sanziona Facebook
Meta Inc. ha perso il ricorso e dovrà pagare 4 milioni di euro per la diffusione indebita dei dati di circa 12’700 sammarinesi
Estero
10 ore
Al Memoriale della Shoah ‘I Simpson deportati ad Auschwitz’
I murales dell’artista aleXsandro Palombo sono apparsi sui muri della Stazione centrale a Milano presso il Binario 21, luogo di partenza per i lager
Confine
12 ore
Como, aumenta il numero di giovani spacciatori
Quattro giovani sono stati denunciati a piede libero per detenzione di hashish. Sanzionato anche un minorenne
Italia
13 ore
15enne spinto sui binari, fermati due minori: lite per gelosia
I due hanno rischiato di far finire il coetaneo sotto un treno in corsa alla stazione di Seregno. All’origine dell’aggressione, una ragazza ‘contesa’
Estero
14 ore
Maxiretata anti-’ndrangheta: 56 arresti, sequestri milionari
L’operazione è scattata oggi in diverse province in tutta Italia, da Milano a Vibo Valentia: sequestrati beni per 250 milioni di euro
Estero
15 ore
Spagna: attacco con machete in due chiese, un morto e un ferito
Un uomo ha aggredito il parroco e il sagrestano di due parrocchie nella città di Algeciras, ferendo il primo e uccidendo il secondo per poi essere fermato
© Regiopress, All rights reserved