laRegione
egitto
22.11.21 - 21:00
Aggiornamento: 21:23

Radar francesi usati per raid sui civili nel deserto

L‘inchiesta: ’Distorti dati anti-jihadisti in Libia. Parigi sapeva’. Secondo alcuni documenti L’Eliseo era a conoscenza di almeno 19 attacchi

Ansa, a cura de laRegione
radar-francesi-usati-per-raid-sui-civili-nel-deserto
Tre migranti nel deserto (Keystone)

Le informazioni raccolte dagli aerei spia francesi nel deserto libico, ufficialmente trasmesse alle forze armate egiziane per colpire i jihadisti al confine, utilizzate contro carovane di sospetti trafficanti e contrabbandieri, con “centinaia di civili” probabilmente uccisi nei raid aerei del Cairo. Stanno provocando un terremoto politico le rivelazioni del sito d’inchiesta Disclose, che citando “documenti riservati della Difesa” di Parigi, foto satellitari e mappe, denuncia un uso distorto e prolungato per anni delle informazioni di intelligence dei militari francesi, di cui sarebbe stato a conoscenza anche l’Eliseo.

L’operazione Sirli, iniziata nel febbraio 2016 sotto la presidenza di Francois Hollande per coadiuvare l’Egitto del presidente Abdel Fattah al-Sisi nella lotta al terrorismo, sarebbe stata deviata dal Cairo praticamente dall’inizio. “In linea di principio, la missione (...) consisteva nella scansione del deserto occidentale” egiziano “per rilevare possibili minacce terroristiche dalla Libia", utilizzando un aereo da sorveglianza e ricognizione leggero (Alsr) noleggiato dalla Direzione dell’intelligence militare (Drm), scrive Disclose, non nuovo a scoop imbarazzanti per le forze armate di Parigi. "In teoria, i dati raccolti dovrebbero essere verificati in modo incrociato per valutare la realtà della minaccia e l’identità dei sospetti. Ma molto rapidamente - prosegue l’inchiesta - i membri (francesi) del team si sono resi conto che le informazioni fornite agli egiziani venivano utilizzate per uccidere civili sospettati di contrabbando”.


Un gruppo di jihadisti nel Sahara (Keystone)

Carta canta

Secondo i documenti ottenuti dal sito, “le forze francesi sono state coinvolte in almeno 19 attacchi contro civili tra il 2016 e il 2018”. Una deriva che preoccupava da tempo il Drm e l’Aeronautica d’oltralpe, come testimonierebbe anche una nota inviata all’Eliseo nel novembre 2017. E ancora nel gennaio 2019 le informazioni raccolte dai militari sulle manipolazioni degli 007 del Cairo sarebbero state trasmesse alla ministra della Difesa Florence Parly, alla vigilia di una visita del presidente Emmanuel Macron in Egitto. Eppure, la missione è proseguita regolarmente per anni e “l’esercito francese è ancora schierato nel deserto egiziano”, sullo sfondo di una relazione privilegiata sul piano militare: l’Egitto è uno dei principali destinatari della vendita di armi francese, che oltre a 30 caccia Rafale conta una fregata, quattro corvette e due portaelicotteri in soli tre anni.

Un export miliardario particolarmente cresciuto dall’arrivo al potere di Al-Sisi, insignito nel dicembre scorso da Macron della Legion d’Onore, tra mille polemiche delle organizzazioni per i diritti umani. Le scottanti rivelazioni hanno subito scatenato reazioni politiche. I deputati dell’opposizione a Parigi, tra cui la sinistra radicale di France Insoumise, hanno invocato la creazione di una commissione parlamentare ad hoc, mentre un’inchiesta interna è stata ordinata dalla ministra della Difesa, Florence Parly. Ma per il momento Parigi si è rifiutata di fornire una replica ufficiale per “motivi di sicurezza”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
LA GUERRA IN UCRAINA
8 ore
Putin parla di accordo, ma attacca gli Usa
Il presidente russo allude a nuove aperture, criticando però il presunto colonialismo occidentale. Incontri diplomatici a Istanbul
Estero
9 ore
Marco Cappato si autodenuncia per aiuto al suicidio
L’attivista italiano ha accompagnato Massimiliano, malato di sclerosi multipla, a morire in Svizzera
Estero
11 ore
Corruzione e riciclaggio scuotono il Parlamento europeo
L’indagine ha coinvolto soprattutto assistenti parlamentari. Sequestrati 600mila euro e attrezzature informatiche e telefoni cellulari
Estero
15 ore
Unesco: ‘Il mondo è sempre meno libero di esprimersi’
La categoria più toccata da querele e azioni giudiziarie? I giornalisti
Kenya
22 ore
Vaga per giorni tra i leoni: salvato un bimbo di 4 anni
Una sorta di ‘favola di Natale in Kenya’. Disperso da fine novembre, il bambino è stato ritrovato miracolosamente salvo
IRAN
1 gior
Teheran manda al patibolo e spara ai genitali
Un ragazzo che ha partecipato alle proteste antigovernative è stato mandato al patibolo. Intanto gli agenti colpiscono le donne mirando alle parti intime
Italia
2 gior
Evade dai domiciliari per ‘badare alle galline’, assolto
Vista la tenuità del fatto, il giudice ha chiuso un occhio, non senza ammonire l’83enne: ‘Mi raccomando, non esca più’
Perù
2 gior
Castillo scioglie il Parlamento, ‘è in atto un golpe’
L’annuncio è stato formulato alcune ore prima dell’inizio di una seduta del Parlamento in cui si sarebbe discussa la destituzione del presidente
Germania
2 gior
Volevano colpire il Bundestag, arrestati 25 terroristi
Tra gli attentatori, appartenenti tutti a un gruppo di estrema destra, anche un principe e un’ex deputata di AfD. Arresti anche in Italia e Austria
italia
2 gior
Giorgia Meloni è la settima donna più potente al mondo
Questo secondo la classifica di ‘Forbes’. Accanto a lei anche Ursula von der Leyen, Christine Lagarde, Kamala Harris e - simbolicamente - Mahsa Amini
© Regiopress, All rights reserved