laRegione
19.11.21 - 19:22

Organizzazione degli Stati americani non piace più al Nicaragua

La decisione della nazione centroamericana è arrivata dopo la dichiarazione d’illegittimità dell’assemblea riguardo alle elezioni d’inizio novembre

Ats, a cura de laRegione
organizzazione-degli-stati-americani-non-piace-piu-al-nicaragua
archivio Keystone
Cittadini in attesa del voto lo scorso 7 novembre, fuori da un seggio a Managua

Il Nicaragua ha annunciato ufficialmente di aver deciso di uscire dall’Organizzazione degli Stati americani (Osa) dopo che di recente la sua Assemblea generale ha dichiarato “illegittime” le elezioni generali del 7 novembre, raccomandando al Consiglio permanente di adottare misure entro il 30 novembre.

In una conferenza stampa a Managua il ministro degli Esteri nicaraguense, Denis Moncada, ha indicato che il governo, su indicazione del presidente Daniel Ortega, ha inviato al segretario generale dell’organizzazione, Luis Almagro, una lettera in cui si “denuncia la Carta dell’Osa”.

Nel testo della missiva inviata a Almagro, Moncada sostiene che “le sue azioni nei confronti del Nicaragua hanno dimostrato che codesta organizzazione, che opera in modo permanente da Washington, ha come missione di facilitare l’egemonia degli Stati Uniti”.

Ciò con “continue ingerenze nei Paesi d’America Latina e dei Caraibi – si dice poi – che per il Nicaragua sono inaccettabili e che noi rigettiamo e condanniamo”.

“Non ci riconosciamo come colonia di nessuna potenza – si dice infine – e rivendichiamo la dignità e il decoro nazionale nella legittima difesa della nostra indipendenza, sovranità e autodeterminazione”.

L’articolo 143 della Carta dell’Osa indica che la procedura di abbandono dell’Osa dura due anni. Trascorsi i quali “la presente Carta cesserà nei suoi effetti nei confronti dello Stato denunciante, ed esso si troverà fuori dall’Organizzazione dopo aver ottemperato agli obblighi derivanti dal presente Statuto”.

Dopo Cuba che fu espulsa dall’Osa dopo la Rivoluzione del 1959, questa procedura è stata adottata nel 2017 dal Venezuela del presidente Nicolás Maduro che è uscito dall’organizzazione il 27 aprile 2019.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
11 ore
La protesta cinese è un foglio bianco
Migliaia di persone in piazza in diverse città per protestare contro le misure anti-Covid, tra esasperazione e censura. Resta da capire se c’è dell’altro
Estero
12 ore
Guerra: il Papa rilancia il negoziato, ma condanna la Russia
Critiche da Mosca: ‘Questa non è più russofobia, ma una perversione della verità’
ITALIA
12 ore
A Ischia si scava nel fango, ora è allarme maltempo
I soccorritori sono alla ricerca di quattro persone, disperse dopo la frana di sabato
Estero
18 ore
Riesumato il corpo di Saman, integro e con gli stessi abiti
Esame autoptico della 18enne pachistana che si ritiene sia stata uccisa a Novellara dai familiari per contrastare una relazione amorosa
Cina
21 ore
In Cina la polizia picchia e arresta un reporter della Bbc
Ed Lawrence è stato preso a calci e trattenuto per diverse ore per poi essere rilasciato. Il portavoce di Pechino: ‘Non si è qualificato come giornalista’
Estero
23 ore
C’è un’ottava vittima nella frana ad Ischia
Individuato il corpo di un uomo nella zona di Casamicciola Terme devastata dall’alluvione di sabato mattina
italia
1 gior
Sette morti a Ischia, tra loro un bimbo di 22 giorni
Ancora cinque dispersi dopo la colata di fango che ha travolto Casamicciola. Tra le vittime anche due bambini di 6 e 11 anni
Estero
1 gior
Proteste anti-Covid in Cina: ‘Via Xi e il Pcc’
Rabbia e cortei in diverse città contro la politica della ‘tolleranza zero’, il potere trema. Intanto la tv di Stato filtra i Mondiali di calcio
la guerra in ucraina
1 gior
‘I russi stanno per lasciare la centrale di Zaporizhzhia’
Kiev sicura della ritirata dei soldati di Putin. Intanto due terzi dei Paesi della Nato sarebbero a corto di armi da inviare all’Ucraina
Confine
1 gior
Fiscalità dei frontalieri, l’accelerazione fa sperare per luglio
Il governo italiano ha approvato il disegno di Legge che porta alla ratifica, ora tocca al parlamento. Mattarella domani in visita nella Confederazione
© Regiopress, All rights reserved