laRegione
cop26-ecco-che-cosa-e-stato-deciso-alla-conferenza
Keystone
14.11.21 - 18:09
Aggiornamento: 21:12
Ats, a cura de laRegione

Cop26: ecco che cosa è stato deciso alla conferenza

Sul fronte del documento finale, la novità più rilevante consiste nel mantenere il riscaldamento globale sotto gli 1,5 gradi dai livelli pre-industriali

Ma cosa si è deciso alla fine in due settimane di conferenza sul clima a Glasgow? Sul fronte del documento finale, la novità più rilevante è che i paesi del mondo puntano adesso a mantenere il riscaldamento globale sotto gli 1,5 gradi dai livelli pre-industriali. L’Accordo di Parigi del 2015 metteva come obiettivo principale i 2 gradi, e 1 grado e mezzo come quello ottimale. Con Glasgow, 1,5 gradi diventa l’obiettivo principale, e 2 gradi soltanto il Piano B.

Il documento fissa anche l’obiettivo minimo di decarbonizzazione per tutti gli stati firmatari: un taglio del 45% delle emissioni di anidride carbonica al 2030 rispetto al 2010, e zero emissioni nette intorno alla metà del secolo. Il testo invita i paesi a tagliare drasticamente anche gli altri gas serra (metano e protossido di azoto) e a presentare nuovi obiettivi di decarbonizzazione (Ndc, National Determined Contributions) entro la fine del 2022.

Il documento invita i paesi ad accelerare sull’installazione di fonti energetiche rinnovabili e sulla riduzione delle centrali a carbone e dei sussidi alle fonti fossili. La Cop26 riconosce l’importanza di giovani, donne e comunità indigene nella lotta alla crisi climatica, e stabilisce che la transizione ecologica debba essere giusta ed equa.

Altro risultato importante della Cop26 è aver finalmente varato le linee guida per tre previsioni dell’Accordo di Parigi che finora erano rimaste inattuate: il mercato globale delle emissioni di carbonio (articolo 6), il reporting format con le norme con cui gli stati comunicano i loro risultati nella decarbonizzazione (trasparenza) e le norme per l’attuazione dell’Accordo di Parigi (Paris Rulebook).

Dove la Cop26 ha mancato l’obiettivo è sugli aiuti ai paesi meno sviluppati per affrontare la crisi climatica. Il documento invita i paesi ricchi a raddoppiare i loro stanziamenti, e prevede un nuovo obiettivo di finanza climatica per il 2024. Ma nel testo non è fissata una data per attivare il fondo da 100 miliardi di dollari all’anno in aiuti per la decarbonizzazione. Uno strumento previsto dall’Accordo di Parigi e mai realizzato, visto che i paesi ricchi non vogliono tirare fuori i soldi. Anche dopo Glasgow, il fondo rimane una promessa.

Il documento finale non prevede poi un fondo apposito per ristorare le perdite e i danni del cambiamento climatico nei paesi vulnerabili. Uno strumento chiesto a gran voce a Glasgow dagli stati più poveri. Il testo prevede solo che si avvii un dialogo per istituirlo.

Sul fronte degli accordi internazionali raggiunti durante la Cop26, la novità più eclatante è il patto di collaborazione fra Usa e Cina sulla lotta al cambiamento climatico. Le superpotenze rivali accettano di lavorare insieme su tutti i dossier che riguardano il clima, dalle rinnovabili alla tutela degli ecosistemi.

Poi ci sono l’accordo fra 134 paesi (compresi Brasile, Russia e Cina) per fermare la deforestazione al 2030, con uno stanziamento di 19,2 miliardi di dollari, e quello per ridurre del 30% le emissioni di metano al 2030 (ma senza Cina, India e Russia). Venticinque paesi hanno deciso di fermare il finanziamento di centrali a carbone all’estero, e altri 23 di cominciare a dismettere il carbone per la produzione elettrica.

Oltre 450 aziende, che rappresentano 130’000 miliardi di dollari di attivi hanno aderito alla coalizione Gfanz, che si impegna a dimezzare le emissioni al 2030 e ad arrivare a zero emissioni nette al 2050. Una trentina di paesi e undici produttori di auto si sono impegnati a vendere solo auto e furgoni a zero emissioni entro il 2035 nei paesi più sviluppati, ed entro il 2040 nel resto del mondo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
accordo accordo parigi conferenza cop26 glasgow
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
7 ore
Il Pd vara le liste tra le polemiche
Delusione degli ex renziani, epurati da Letta. Cirinnà dice no, poi ci ripensa. Il segretario parla di rinnovamento
taiwan
7 ore
Gli Usa testano missile nucleare a lungo raggio nel Pacifico
Il ministero della Difesa di Taipei ha rilevato 5 navi e 17 caccia cinesi intorno all’isola, con 10 jet che hanno volato attraverso la linea mediana
la guerra in ucraina
7 ore
Colpita un’altra base in Crimea. Putin contro gli Usa
Giovedì vertice tra Zelensky, Erdogan e Guterres a Leopoli. La rivendicazione però non arriva, se non da canali non ufficiali
Estero
9 ore
Una svizzera muore durante una festa techno illegale
Le cause della morte sono oggetto di un’inchiesta. All’evento, organizzato via Telegram, non ci sarebbero state né misure di sicurezza né sanitarie
Estero
10 ore
Roma dà l’addio a Piero Angela. Alberto: ‘Come Leonardo in casa’
Si è svolta oggi la cerimonia funebre laica per l’amatissimo divulgatore scientifico italiano
Estero
10 ore
50 anni fa, dal mare, i Bronzi di Riace
Il 16 agosto del 1972 venivano ritrovate le due celebri statue. Il figlio del Sovrintendente ai beni culturali dell’epoca ne ricorda l’emozione
Confine
12 ore
Scia di violenza a Como, l’accusato non parla
Non risponde alle domande del giudice il 33enne finito in carcere con l’accusa di omicidio, tentato omicidio e lesioni
Cina
17 ore
Troppo caldo in Cina: elettricità razionata
La priorità verrà data alle economie domestiche. Ordinato alle aziende di sospendere la produzione fino a sabato
Kenya
18 ore
Mistero sulla morte di un ufficiale elettorale
L’uomo era scomparso durante la verifica dei registri elettorali. Ritrovato privo di vita alle pendici del Kilimangiaro, a 300 km di distanza
Stati Uniti
19 ore
Abbassamento di quota per American Airlines
Previsti quasi un terzo di voli in meno a novembre, mentre per settembre e ottobre i tagli saranno nell’ordine ‘solo’ del 2%
© Regiopress, All rights reserved