laRegione
germania-il-cerchio-si-stringe-attorno-ai-non-vaccinati
Keystone
Francoforte, in attesa di candidati alla vaccinazione
11.11.21 - 20:56

Germania, il cerchio si stringe attorno ai non vaccinati

Le autorità tedesche annunciano 50mila nuovi casi. Si va verso l’obbligo di green pass al lavoro, come in Italia. Lockdown duro nell’Alta Austria.

Berlino – Un altro bollettino inquietante allarma la Germania: in 24 ore i nuovi casi di contagio da Covid registrati dal Robert Koch Institut sono stati 50’196. Oltre 10 mila in più rispetto alla giornata precedente, quando pure si era segnato un record, sfiorando i 40 mila. Le vittime sono state invece 255. Una situazione che l’istituto tedesco valuta a questo punto come “molto preoccupante“, esortando a "disdire o evitare le grandi manifestazioni”, oltre che a "ridurre tutti i contatti non necessari”. Le cose non vanno meglio in Austria. Lunedì prossimo scatta nel Land Alta Austria un vero e proprio lockdown per i non vaccinati. A causa della diffusione esponenziale del virus, con un’incidenza che oggi è a 1.193, chi non è immunizzato potrà lasciare la propria casa solo per motivi stringenti.

Ancora una volta, in Germania la politica e i media non discutono d’altro, e sul dibattito incombono le stime del virologo dello Charité Christian Drosten, il quale ha paventato il rischio di altri 100 mila morti se non si agirà immediatamente.

A prendere la parola al Bundestag, in un clima di crescente incertezza, è stato il quasi cancelliere Olaf Scholz: “Dobbiamo mettere la Germania in sicurezza per l’inverno”, ha affermato il vincitore delle elezioni. La conferenza Stato-regioni, sollecitata da Angela Merkel, si terrà però soltanto la settimana prossima, giovedì: sette lunghi giorni nei quali la curva del virus rischia di impennarsi ancora, mettendo a rischio anche il Natale alle porte.

2G in tutto il Paese?

Tono grave e risoluto, in Parlamento Scholz non si è lasciato interrompere, ha rifiutato una domanda dell’ultradestra e ha annunciato che in Germania come in Italia si farà ricorso al Green pass sul posto di lavoro (che nella Repubblica federale si chiama 3G), auspicando fra l’altro l’estensione del ricorso al regime più duro. Quello che di G ne ha due, e che prevede l’accesso a ristoranti, bar, cinema ed eventi culturali solo agli immunizzati (vaccinati e guariti), escludendo così la possibilità di far valere un test.

Il modello è già seguito in Sassonia, da lunedì scorso, annunciato a Berlino, dal prossimo, e in vigore in Baviera, dove per entrare in discoteca si richiede addirittura il ‘2 plus’, con l’aggiunta di un test rapido negativo. Si rilanceranno anche i test gratuiti - uno alla settimana - mentre quelli fai da te che si vendono in giro vanno letteralmente a ruba.

Situazione critica negli ospedali

Gli occhi restano puntati ovviamente sul sistema sanitario, e la situazione cambia molto da regione a regione: l’indice di ospedalizzazione è 4,6 pazienti su 100 mila abitanti in 7 giorni, ma in alcuni Laender è salito a 7, in altri a 13, provocando lo stop delle operazioni ordinarie e la pianificazione di trasferimenti interregionali dei pazienti.

Proprio il Land di Monaco è alle prese con l’esplosione dei numeri e l’emergenza degli ospedali. Fra i più allarmati c’è dunque il bavarese della Csu Markus Soeder, che dopo aver parlato con i medici della regione ha spiegato: “Abbiamo una crescita esponenziale. Gli ospedali sono pieni, al limite massimo e c’è un sovraccarico anche emotivo in corsia". I non vaccinati devono esser tenuti fuori dai locali pubblici "ovunque questo sia possibile”.

Anche lui vorrebbe l’obbligo vaccinale per sanitari e insegnanti, tema che incontra crescente consenso fra i tedeschi. Sui vaccini - fermi a quota 67,3% in Germania - è tornato a insistere anche Scholz al Bundestag: “Dobbiamo lanciare una grande campagna nazionale", ha annunciato, e spingere sulla terza dose. "Lasciatevi vaccinare - il suo appello - è importante per voi e per il Paese”.

Il ritorno del confinamento

Basso il tasso di vaccinazione anche in alcuni Länder austriaci. Come quello dell’Alta Austria, considerata terra no-vax con una bassissima percentuale di immunizzati: appena il 63% ha ricevuto una dose e il 55,4% la seconda. Solo il 5,3% ha la terza dose. L’impennata dei contagi ha fatto dire al governatore Thomas Stelzer che “la situazione è drammatica”. Per questo motivo verrà attivata da lunedì la fase 5, sempre che arrivi l’ok del governo centrale. Non si esclude lo stesso provvedimento per il Land Salisburgo.

In pratica, chi non è immunizzato potrà lasciare la propria casa solo per motivi stringenti. Tre le attività che rendono possibile la deroga (lavoro, spesa e attività motorie), proprio come durante i lockdown generali degli scorsi due inverni.

A settembre il neo fondato partito no-vax ‘Menschen - Freiheit - Grundrechte’ (Mfg, in italiano ‘uomini - libertà - diritti fondamentali’), nato appena un anno fa da una chat no-vax, ha raggiunto il 6,2% dei consensi alle elezioni per l’assemblea del Land ed ora è presente nel Landtag con tre consiglieri. Il partito di protesta è anche entrato con due rappresentanti nel consiglio comunale della città capoluogo Linz.

Ci pensa anche l’Olanda

Con la curva dei contagi in risalita da giorni, anche in Olanda si torna a parlare di lockdown. Il Comitato scientifico nazionale, secondo quanto riportato dai media locali, ha raccomandato al governo “misure della tipologia del lockdown per un periodo di due settimane”.

Il governo olandese deciderà nelle prossime ore e il premier Mark Rutte terrà una conferenza stampa venerdì pomeriggio. Le raccomandazioni degli esperti non riguarderebbero la chiusura delle scuole, ma potrebbero portare alla cancellazione di eventi e alla chiusura di cinema e teatri, nonché a modifiche negli orari di apertura per bar e ristoranti.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alta austria austria coronavirus germania green pass lockdown vaccinati vaccinazione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
il reportage
1 ora
Viaggio in Abkhazia, lo Stato separatista che non esiste
Vodka, pistole, autisti sbadati, ambasciatori ufficiosi, ministri con giacche troppo larghe, il fantasma di Stalin, frontiere immaginarie e dogane reali
Estero
9 ore
Esplosioni in Crimea. Kiev rivendica l’attacco
Mosca parla di incidente in un deposito di munizioni, ma fonti militari ucraine confermano che c’è la loro mano: ‘È solo l’inizio’
Estero
10 ore
Stop ai visti turistici ai russi nei Paesi Baltici
Kiev chiede lo stesso agli altri Paesi occidentali. Mosca taglia anche il petrolio
pacfico
11 ore
Pechino: la linea mediana non esiste. Taiwan teme l’invasione
Altissima tensione dopo la visita della speaker della Camera americana Nancy Pelosi. Pechino prepara l’artiglieria nel Mar Giallo
Estero
11 ore
Trump contro l‘Fbi: ’Io vittima di un nuovo Watergate’
L’ex presidente si scaglia contro l’agenzia governativa dopo il blitz nella sua residenza di Mar-a-Lago. Nancy Pelosi: nessuno è al di sopra della legge
Estero
13 ore
Oggi giornata mondiale del leone: in Africa ne restano 30’000
Le popolazioni di leone presenti in Africa hanno perso il 90% del loro areale originario e la riduzione non sembra arrestarsi
Estero
14 ore
La caccia al tesoro dei Paperoni Usa in Groenlandia
Gates, Bezos, Bloomberg finanziano la ricerca di cobalto e nichel sull’isola
Confine
15 ore
Trenord aumenta il prezzo dei biglietti
Sono coinvolte anche le linee transfrontaliere con il Ticino. La ragione è l’adeguamento all’inflazione
Estero
17 ore
Identificati 250 siti web di fake news sulla guerra in Ucraina
Diffondono attivamente disinformazione russa, indica NewsGuard. Circa la metà sono in inglese, mentre altri sono in francese, tedesco o italiano
Estero
22 ore
Trump: la tenuta di Mar-a-Lago perquisita dall’Fbi
L’operazione sarebbe legata alla ricerca di alcuni documenti riservati che l’ex presidente avrebbe portato via dalla Casa Bianca
© Regiopress, All rights reserved