laRegione
05.11.21 - 19:49
Aggiornamento: 20:26

Al patibolo senza preavviso, due condannati accusano il Giappone

Detenuti nel braccio della morte chiedono ‘difesa della dignità umana. Il giorno dell’esecuzione va saputo in anticipo per prepararsi alla morte’

Ansa, a cura de laRegione
al-patibolo-senza-preavviso-due-condannati-accusano-il-giappone
Un carcere di massima sicurezza a Tokyo (Keystone)

Per la prima volta in Giappone due condannati alla pena capitale hanno fatto causa al governo per una prassi giudicata “incostituzionale”: quella che non consente ai detenuti di ricevere alcun preavviso sul giorno in cui verrà applicata la sentenza finale.

La notifica depositata alla Corte distrettuale di Osaka, sebbene contenga gli estremi per un risarcimento di 22 milioni di yen (177’000 franchi), ha un valore puramente simbolico e richiama a un imperativo morale per proteggere “la dignità umana di ogni persona, compresa quella dei condannati a morte”. L’assenza di ogni forma di preavviso, dicono i legali, non consente per mancanza di tempo ai condannati di appellarsi contro l’ordine di esecuzione della sentenza ed è crudele perché vivono nel braccio della morte il resto della loro esistenza, pensando che ogni giorno potrebbe essere l’ultimo.

Legge violata

Modalità che violano l’articolo 31 della Costituzione giapponese, dicono gli avvocati, che stabilisce come: “Nessun cittadino dovrebbe essere privato della propria vita o libertà, e nessuna altra pena criminale può essere imposta se non in accordo con le procedure stabilite dalla legge”.

Secondo gli archivi storici citati dall’Afp, fino alla metà degli anni ’70 il ministero della Giustizia nipponico forniva un preavviso sui tempi dell’esecuzione, ma ora la comunicazione avviene la mattina dell’esecuzione “per evitare di alterare lo stato psicofisico” del condannato.

Il Giappone e gli Stati Uniti sono gli unici paesi del gruppo del G7 dove le pena capitale è ancora in vigore, e nel caso del Giappone le esecuzioni vengono condotte quasi unicamente per impiccagione, e riguardano in prevalenza pluriomicida condannati al terzo grado di giudizio.

Il procedimento

Il detenuto viene condotto incappucciato in una stanza con le mani e i piedi legati, quando improvvisamente una botola si apre sotto i suoi piedi. Il meccanismo viene attivato nella stanza adiacente da una schiera di secondini che in simultanea premono un tasto senza sapere chi è il diretto responsabile del meccanismo che spalanca le porte dell’abisso e decreta la morte del condannato.

I casi più eclatanti sono state le esecuzioni di 13 membri della setta Aum Shinrikyo, responsabili dell’attacco col gas nervino nella metropolitana di Tokyo nel 1995. La notizia dell’avvenuta esecuzione in quel caso venne resa nota solo dopo essere una stata compiuta. Secondo gli avvocati che hanno impugnato la causa, le autorità legali non rilasciano un numero sufficiente di informazioni, e per questi motivi il dibattito pubblico in Giappone è contenuto, nonostante le critiche a livello internazionale.

Attualmente nelle carceri del Paese del Sol Levante ci sono 112 persone condannate alla pena capitale, sebbene negli ultimi due anni non sia stata eseguita alcuna condanna. In un recente sondaggio governativo meno del 10% degli intervistati si dichiara contrario al suo utilizzo, contro l’80,8% che giudica il sistema utile per la sicurezza dei cittadini.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Messico
4 ore
‘I morti continuano ad arrivare e le persone a scomparire’
In Messico traboccano gli obitori. È la conseguenza dell’ondata di violenza legata al traffico di droga. E dei tempi lunghi per l’identificazione
Italia
5 ore
Dopo caro-benzina e caro-elettricità, ecco il caro-panettone
Natale (e Capodanno) più caro per gli italiani (e non solo loro). Che complessivamente dovrebbero spendere 340 milioni di euro in più rispetto al 2021
India
5 ore
Coccodrilli con le valigie in mano pronti a traslocare
Complice la sovrappopolazione, che sta causando continui conflitti tra i rettili, migliaia di loro saranno trasferito da Chennai al Gujarat
Estero
7 ore
Schianto di primo mattino a Forcola. Muore un diciottenne
A bordo della vettura c’erano altri due giovani, entrambi rimasti gravemente feriti. I tre stavano andando a scuola a Sondrio.
Italia
7 ore
Rapina una farmacia. Ma dimentica la ricetta della moglie
Maldestro furto per un 57enne nel Milanese. Sul bancone ha infatti lasciato il foglietto con cui i carabinieri sono risaliti alla sua identità
Brasile
7 ore
Pelé non risponde alla chemio: trasferito in un altro reparto
Dopo il ricovero di martedì, ‘O Rei’ spostato nel reparto delle cure palliative dell’ospedale ‘Albert Einstein’ di San Paolo
Italia
7 ore
Eredità... stupefacente a Sesto Fiorentino
Nell’appartamento del fratello deceduto spuntano un laboratorio per la droga e 2,4 chili di marijuana
Russia
10 ore
Mosca se ne fa un baffo del ‘price cap’ sul petrolio
Per l’ambasciata russa negli Stati Uniti, malgrado il tetto al prezzo dell’oro nero russo, il greggio continuerà a essere richiesto
Indonesia
11 ore
La terra trema sull’Isola di Giava, in Indonesia
L’epicentro del terremoto, di magnitudo 5,7, è stato localizzato a 18 chilometri a sud-est della città di Banjar
Francia
12 ore
Sarkozy da lunedì nuovamente al banco degli imputati
È fissata per dopodomani a Parigi l’udienza in appello per l’ex presidente della Francia, accusato di corruzione
© Regiopress, All rights reserved