laRegione
03.11.21 - 17:39

Assassinare il cronista e farla franca

Nel mondo rimangono impunite nove uccisioni di giornalisti su dieci

Ats, a cura de laRegione
assassinare-il-cronista-e-farla-franca
Ti-Press

Nove assassinii su dieci di giornalisti non vengono perseguiti e il livello di impunità per i delitti commessi è dell’87%. Cronisti minacciati e vittime anche di querele temerarie, che quasi sempre finiscono in assoluzioni. Sono alcuni dei dati emersi dalla tavola rotonda internazionale su “Come fermare i reati contro i giornalisti” organizzata dall’associazione “Ossigeno per l’Informazione”, su mandato dell’Unesco, nell’aula magna del Siracusa international institute for criminal justice and human rights.

È stato Tawfik Jelassi, assistente del direttore generale dell’Unesco a fornire numeri impressionanti: “Ci sono stati 400 assassinii di giornalisti negli ultimi due anni – ha detto – e negli ultimi due giorni sono morti tre giornalisti in Messico e nelle Filippine. I 139 professionisti uccisi in America Latina tra il 2011 e il 2020 avevano ricevuto minacce”.

In Italia, segnala Alberto Spampinato, presidente di “Ossigeno per l’Informazione”, il tasso di “impunità sulle aggressioni subite dai giornalisti oscilla intorno al 93 per cento”. Spampinato invita a “mettere in campo le buone pratiche e le raccomandazioni per trovare le ricette con cui intervenire”.

E chi quelle minacce le vive sulla propria pelle non ha voglia di arrendersi, ma lancia l’allarme: “Il mondo dell’informazione subisce oggi attacchi mai registrati prima: da mafiosi, corrotti, piazze, pezzi di politica e pezzi di economia”, afferma Michele Albanese, cronista del Quotidiano del Sud nel mirino della ’ndrangheta che stava progettando un attentato dinamitardo nei suoi confronti. Confessa la “paura per la famiglia”, ma “per la mia terra sono disposto a dare la vita” e resta “un uomo libero nonostante le minacce, grazie all’intervento dello Stato”.

Querele temerarie

“In diciotto anni – racconta Marilù Mastrogiovanni, giornalista autrice di inchieste e fondatrice de ‘Il Tacco d’Italia’, minacciata dalla criminalità organizzata pugliese – ho avuto vari tipi di ostacoli al mio lavoro: dalle minacce fisiche a quelle online, dalla devastazione della redazione ai furti. Senza considerare almeno un centinaio tra querele temerarie e diffide. Ma mai una condanna. Ho subito l’oscuramento del mio giornale online per 45 giorni. Poi è stato dissequestrato, ma per questa violenta azione nessuno paga”.

Per Federico Cafiero de Raho, procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo, “il giornalista a volte non è tutelato dalla testata giornalistica” e a volte “i temi come corruzioni e mafie forse non sono ritenuti significativi da alcuni editori che hanno evidentemente interessi diversi”, mentre invece il cronista “deve poter svolgere in piena serenità i compiti che la democrazia gli affida”. E ipotizza un intervento legislativo: “Quando viene chiesto il risarcimento – spiega – se la querela è temeraria, il soggetto che ha citato in giudizio il giornalista, se ha torto, dovrebbe essere condannato al doppio del risarcimento del danno richiesto”.

Per il procuratore generale della Cassazione, Cesare Salvi, “il percorso dell’Italia a tutela dell’informazione non è completo: siamo in cerca di equilibrio per una garanzia della libertà morale del giornalista, ma è certo che la minaccia di sanzioni civili e penali non può influire sulla libertà morale”. E intanto Han Moral, segretario generale dello Iap (Associazione Internazionale dei Procuratori), annuncia la nascita di una piattaforma internazionale dove i magistrati potranno collaborare seguendo le linee guida elaborate per i pubblici ministeri nei procedimenti per i reati elaborate dall’Unesco. Un primo corso si terrà l’anno prossimo a Siracusa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
gerusalemme
1 ora
La risposta palestinese è un attacco alla sinagoga
Uomo apre il fuoco in un rione ortodosso di Gerusalemme: uccise 7 persone. L’attentatore è stato colpito a morte dagli agenti. Hamas esulta.
Estero
1 ora
Afroamericano ucciso da agenti, video shock del pestaggio
Il capo della polizia di Memphis: ‘Disprezzo per la vita umana’. Attese proteste, appello alla calma da parte della mamma della vittima.
Estero
2 ore
Tensione dopo scontri a Jenin: razzi da Gaza, raid di Israele
Dopo l’‘operazione antiterrorismo’ israeliana con 9 vittime palestinesi, nella notte la Jihad islamica attacca, Tel Aviv risponde con l’aviazione
Estero
3 ore
Benedetto XVI: ‘L’insonnia il motivo centrale delle dimissioni’
Il defunto papa, in una lettera di ottobre al suo biografo resa nota oggi, narrava i problemi causati dalla mancanza di sonno e dai sonniferi prescritti
Oceania
11 ore
Un navigatore svizzero disperso nel mare al largo dell’Australia
Stando alla polizia australiana l’80enne è partito in direzione della Nuova Zelanda a bordo del suo yacht. Non si hanno sue notizie dal 5 dicembre.
Stati Uniti
13 ore
A Capitol Hill, a sorpresa, c’è anche Elon Musk
Il miliardario ha discusso con i leader di repubblicani e democratici il modo per assicurare ‘che Twitter sia equa nei confronti dei due partiti’
l’invasione russa
1 gior
Mosca risponde ai tank, missili ipersonici sull’Ucraina
Almeno 11 morti nei raid. Putin e Zelensky chiudono la porta ai colloqui
cisgiordania
1 gior
Esercito israeliano irrompe a Jenin: 10 morti
Scontri durante un’operazione definita di ‘antiterrorismo’ in un campo profughi. Dura presa di posizione di Abu Mazen. Hamas: ‘Tel Aviv la pagherà’
balcani
1 gior
Solo il 43% dei serbi vuole entrare nell’Ue
Nel sondaggio non si dicono convinti di voler abbracciare l’Unione europea. Il sistema sociale più ambito? Quello svizzero
russia
1 gior
Putin mette al bando Meduza ‘Testata indesiderata’
Il media indipendente nel mirino della censura del Cremlino: ‘Non molliamo’
© Regiopress, All rights reserved