laRegione
02.11.21 - 19:29
Aggiornamento: 19:45

I ribelli avanzano, l’Etiopia dichiara lo stato d’emergenza

Il Fronte di liberazione popolare del Tigrè rivendica il controllo di due città strategiche. Il governo ordina agli abitanti: difendete la capitale

i-ribelli-avanzano-l-etiopia-dichiara-lo-stato-d-emergenza
Keystone
Pochi giorni fa a Mekele, capitale della regione del Tigrè

Addis Abeba/Washington – L’Etiopia ha dichiarato lo stato di emergenza dopo che le forze della regione settentrionale del Tigrè hanno detto che stavano guadagnando territorio e considerando di marciare sulla capitale Addis Abeba. Le autorità hanno ordinato agli abitanti della capitale Addis Abeba di registrare le loro armi da fuoco e di prepararsi a proteggere i loro quartieri, mentre i combattimenti tra il governo federale e le forze ribelli imperversano nel nord della città.

Il Fronte di liberazione popolare del Tigrè (Tplf) ha rivendicato di recente il controllo di due città strategiche a 400 chilometri da Addis Abeba e non ha escluso di marciare in direzione della capitale. Il governo ha smentito le dichiarazioni di conquista del Tplf, che se confermate rappresenterebbero la principale avanzata nella guerra civile scoppiata tra le due parti quasi un anno fa.

Una vasta area del Nord Etiopia è sottoposta all’interruzione delle telecomunicazioni e l’accesso per i giornalisti è limitato, rendendo difficile la verifica indipendente delle informazioni. Ma ad Addis Abeba i funzionari hanno annunciato nuove misure per i cinque milioni di persone che la abitano, tra le quali la registrazione di tutte le armi da fuoco entro due giorni. E hanno invitato la popolazione a prepararsi a difendere la capitale etiope.

Gli Usa avvertono i ribelli

Gli Stati Uniti hanno messo in guardia i ribelli del Tigrè dall’avanzare su Addis Abeba dopo le conquiste a nord della capitale etiope, sollecitando invece colloqui per una tregua.

“Lasciatemi essere chiaro: ci opponiamo a qualsiasi mossa del Tplf ad Addis o a qualsiasi mossa del Tplf per assediare Addis”, ha detto Jeffrey Feltman, l’inviato speciale degli Stati Uniti per il Corno d’Africa. Ha esortato invece sia il Tplf che il governo del primo ministro Abiy Ahmed a sedersi per colloqui e perseguire un cessate il fuoco negoziato. Feltman ha parlato pochi istanti dopo che il presidente Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti avrebbero rimosso le principali preferenze commerciali nei confronti dell’Etiopia a causa delle preoccupazioni in tema di diritti umani.

Feltman ha inoltre respinto le accuse secondo cui gli Stati Uniti sostengono il Tplf.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Italia
4 min
In auto a dormire o a far spesa dopo aver timbrato
Timbravano il badge di entrata e poi si assentavano. Nei guai sei dipendenti del Comune di Santa Domenica Vittoria, nel Messinese
Estero
1 ora
Luce verde al nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia
Trovato l’accordo: l’Unione europea prepara un altro giro di vite. Che contempla pure il tetto al prezzo del petrolio
India
3 ore
Valanga sull’Himalaya, almeno dieci le vittime
All’indomani della slavina che ha travolto un gruppo di scalatori, recuperati altri 6 corpi. Ancora 18 persone mancano all’appello
India
3 ore
India, al matrimonio in bus. Che però precipita: 25 morti
L’incidente si è verificato lungo una strada scoscesa di montagna, nello Stato dell’Uttarakhand. Altre venti persone sono state tratte in salvo
Italia
5 ore
La terra trema a Genova. Scossa avvertita in tutta la città
Il sisma, di magnitudo 3,5, è stato registrato ieri sera alle 23.41, con epicentro a due chilometri a ovest del Comune di Davagna
Italia
5 ore
Molesta un’allieva 11enne. Professore arrestato a Caltanisetta
In giugno la ragazzina aveva raccontato tutto a un’insegnate, che aveva informato il preside, senza però sortire effetti. Poi si sono mossi i genitori
Stati Uniti
6 ore
Da Corea del Sud e Usa 4 missili nel Mar del Giappone
All’indomani del test nordcoreano di Pyongyang s’alza la voce (e non solo quella) di Seul e Washingon
Estero
15 ore
La Germania rifiuta le riparazioni di guerra alla Polonia
La ministra degli Esteri tedesca Annalena Baerbock ha detto che si tratta di una questione chiusa, dopo le rinunce di Varsavia del 1953 e del 1990
Estero
15 ore
Angela Merkel riceverà il Premio Onu per i rifugiati
L’onorificenza verrà consegnata all’ex cancelliera in ricordo alla sua decisione di aprire le porte della Germania a oltre un milione di siriani nel 2015
la guerra
17 ore
‘Putin prepara un test nucleare al confine ucraino’
Il Times cita un’informativa della Nato. La Cia: ‘Spalle al muro, può essere pericoloso’. La Casa bianca minimizza
© Regiopress, All rights reserved