laRegione
nonno-peleg-presenta-ricorso-eitan-resta-in-israele
Keystone
Il nonno (a destra)
01.11.21 - 18:58
Aggiornamento: 19:52
Ansa, a cura de laRegione

Nonno Peleg presenta ricorso, Eitan resta in Israele

Nuovo capitolo nella vicenda giudiziaria che vede involontario protagonista il bimbo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone.

Tel Aviv – Il ritorno di Eitan in Italia si allontana. Il ricorso presentato oggi dal nonno materno, Shmuel Peleg, di fatto blocca, secondo fonti legali, l’operatività della sentenza del Tribunale della Famiglia di Tel Aviv che la settimana scorsa aveva invece accolto, in nome della Convenzione dell’Aja sulla sottrazione dei minori, le ragioni della zia paterna Aya Biran, affidataria della tutela del bambino, con il rientro in 15 giorni del piccolo in Italia.

L’appello è stato presentato dagli avvocati di Shmuel Peleg l’ultimo giorno dei 7 consentiti dalle norme e ha rigettato del tutto le motivazioni con le quali la giudice Iris Ilotovich Segal ha deliberato in forza della Convenzione dell’Aja. Per i legali di Peleg il magistrato non ha tenuto conto “delle circostanze eccezionali di fronte alle quali si trovava” ed ha ignorato “le azioni unilaterali” di Aya che “per ottenere la tutela di Eitan ha agito con astuzia alle spalle della famiglia Peleg mentre questa era a lutto”.

‘Intese temporanee violate’

“Anche negli ultimi giorni – hanno proseguito i legali secondo quanto reso noto dal portavoce della famiglia Gadi Solomon – questa ha continuato a violare in modo smaccato le intese temporanee relative al soggiorno di Eitan tra le due famiglie in Israele e così ha dimostrato di preferire il proprio interesse a quello del bambino”. Secondo gli avvocati – e la tesi di fondo di Shmuel Peleg che in Italia è indagato per sequestro di minore – “non c’è motivo che il dibattito sulla vita futura di Eitan, cittadino israeliano i cui membri della famiglia da ambo le parti si trovano in Israele e parlano ebraico, si tenga in Italia”. “Si è creata l’impressione – hanno concluso alludendo a quelle che per loro sono le ragioni di Aya Biran – che chi insiste perché ciò avvenga sia mosso da motivi estranei”.

Il contenuto del ricorso è stato respinto in blocco da Shmuel Moran e Avi Himi, legali di Aya Biran, vincitori del primo round in tribunale. “Ci auguriamo che la Corte distrettuale di Tel Aviv respinga il ricorso”, hanno detto spiegando che “la sentenza del Tribunale della famiglia parla da sé ed è completa, ben fondata, approfondita e accademica”. Poi si sono augurati che “come determinato” da quel Tribunale Eitan torni “il più rapidamente possibile alla sua famiglia, alla sua scuola, alle strutture terapeutiche da cui è stato rapito”.

Per ora resta in Israele

Ora spetterà alla Corte decidere se accogliere o meno l’appello; fatto sta che il piccolo sopravvissuto alla tragedia del Mottarone per ora dovrà restare in Israele. Secondo quanto si è appreso, è possibile che i legali di Aya tra oggi e domani chiedano al Tribunale stesso di rimuovere lo stop al trasferimento in Italia innescato dall’appello ma, si fa notare, nei casi discussi sotto l’ombrello della Convenzione dell’Aja il minore rimane dove si trova fino alla fine del dibattimento.

I tempi tuttavia – secondo le stesse fonti legali – dovrebbero essere piuttosto rapidi: l’appello potrebbe consumarsi nei prossimi 7/14 giorni con una sola udienza, senza ammissione di prove alla presenza del giudice, degli avvocati e delle parti. Dopo c’è solo un ulteriore ricorso alla Corte Suprema israeliana se una delle due parti non dovesse riconoscersi nella decisione del Tribunale distrettuale.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eitan israele mottarone nonno ricorso tragedia tribunale
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Estero
Estero
1 ora
Turista francese ferita da un orso polare alle Svalbard
La donna non è in pericolo di vita. Il plantigrado ha fatto irruzione nell’accampamento ferendola al braccio
Estero
4 ore
Morto il cardinale Tomko, era il più anziano fra i porporati
Slovacco, aveva 98 anni. Era fra i tre cardinali scelti per indagare sulla fuga di notizie in Vaticano nel 2012
Estero
7 ore
Proseguono le manovre militari cinesi intorno a Taiwan
Pechino accusa ancora gli Stati Uniti per aver provocato le tensioni nello Stretto di Taiwan
Confine
7 ore
Varesotto, colpito da un masso in una grotta: speleologo salvato
L’uomo si trovata nella grotta del Remeron a Comerio, in provincia di Varese. È stato soccorso dal Corpo nazionale Soccorso alpino e speleologico
Estero
7 ore
Gaza: il cessate il fuoco tiene dopo un inizio incerto
Israele aveva confermato ieri sera l’entrata in vigore del cessate il fuoco con la Jihad islamica a Gaza per le 23.30 locali
medio oriente
16 ore
Tregua tra israeliani e palestinesi
Accordo raggiunto con la mediazione decisiva dell’Egitto. Stop alle armi dalle 22.30
pacifico
18 ore
Taiwan risponde a Pechino, esercitazioni con artiglieria
La Cina insiste, ci saranno manovre ‘regolari’ oltre linea mediana
Estero
18 ore
Ancora razzi vicino alla centrale di Zaporizhzhia
Allarme dell’Aiea: russi e ucraini si accusano a vicenda. Le navi del grano finalmente si muovono
Estero
22 ore
Armadi e bauli, Pompei svela la casa del ‘ceto medio’ romano
In una casa che si riteneva abitata da persone ricche gli scavi rivelano ambienti che raccontano la vita di persone ai margini delle classi benestanti
Estero
22 ore
Amnesty: il rapporto su Kiev non giustifica le violenze russe
L’organizzazione si dice ‘profondamente rammaricata’ per l’indignazione ucraina sul rapporto sui pericoli per i civili, ma ne sostiene i risultati
© Regiopress, All rights reserved